Archivi autore: Franco Belmonte

Informazioni su Franco Belmonte

Born 1952. Degree in Biological Sciences University of Genova, Italy. Researcher, CNR of Italy 1977-'80 (neurochemistry) then various task related to biology till now. Active Member and Certified Trimmer of the American Hoof Association. Didactic activity: equine podiatry and nutrition. Area of interest: evolution and physiology. Airline pilot and flight instructor for living 1981-2002.

The Politics of Hoof Care – Pete Ramey

THE POLITICS OF HOOF CARE      Pete Ramey

Okay, let’s do politics. The problem with political discussions is they usually turn into heated debate. The nice thing about writing about politics is that you can fully present your view while the reader quietly reads. That is much easier. So this article is just that; no more and no less than my opinions about the politics of hoof care.
The study of feral horses and the remarkable hooves they wear has unlocked many of the mysteries that mystified the farrier world since the beginning. Chronic founder, white line disease, navicular syndrome and severe balance problems are easy work for a competent practitioner. Stamina, longevity, performance and lameness rehabilitation are reaching new heights. Natural hoof care is pretty simple on the surface. We listen to the hoof and trim on a regular interval so that the hooves never overgrow and can respond the way nature intended. This unlocks incredible healing powers. We provide quality riding boots for the owners to ride with as long as they need to. If the horse becomes comfortable being ridden barefoot; great! If not, that’s okay too. Most of them do so very quickly, but we let the horse decide. The point is that the horse at least gets the chance to be bare when it is not being ridden and the natural movement and shock absorption optimizes health for the entire body. The health of the body and the lack of breakdown of joints, muscles, ligaments and tendons is the primary reason we do what we do.
Most natural hoof care practitioners have spent more time studying the science of hooves and horses’ bodies, nutrition, care and locomotion than most traditional farriers or veterinarians would ever believe. We have turned ourselves into walking encyclopedias and we educate our clients so that they understand what’s going on too. We study every defect in our methods and in the horses in our care and hone both to a razor edge. We strive to learn and improve our work every day. Why? We have been in a political fight and it is making us stronger. Not with horseshoers as you might think, but with each other!
Most of the early practitioners of “barefoot” trimming were studying very invasive trimming techniques that caused a world of hurt for horses. On top of that, there were no schools or training programs that taught better methods. Most of the “barefoot trimmers” were horse owners who had learned their craft on the internet from other people who had never trimmed horses. The methodology of natural hoof care sounds good because it is, but it was being done by incompetent people. Horse owners all over the world tried it and blood spilled all over the barn floors. Now almost every horse owner has heard one of those horror stories and that has turned life into a political battle for some of the most competent hoof care providers in the world and it will unfortunately be that way for many years to come.
What happened to those misguided beginners? Most of them got frustrated and moved on to some other thing, but new ones are being created every day. Some of them stuck to their guns and continue to carve away at the soles and bars, just knowing all the tenderness is coming from crooked bars, contraction and that pesky, thick sole that keeps popping back. They can’t shake the methods they were taught because most of them have seen dramatic help given to foundered horses in the first months, but can’t see that their trimming is causing their progress to “hit a wall”. Some of them, however, have let the horses and science educate them and became very competent. If you are wondering how to tell the difference, just ask a horse in their care!
Another thing that makes us have to work to a much higher standard is that we are the new kids on the block. What if every time a shod horse took a bad step the owner swore to never shoe a horse again? That would force horseshoers to work at an incredibly high level of expertise; Right? You bet! That is exactly how natural hoof care practitioners have to live life and that has been great news for the horses in their care.
Things are changing fast, now. Veterinarians, research centers and universities have taken notice of the healing powers of the natural hoof. Research is being done and new discoveries are being made every day. Veterinarians are calling in natural hoof care practitioners to founder and navicular cases all over the world. The American Association of Natural Hoof Care Practitioners has been formed to do research and to train and certify competent professionals. The fact that we were fighting for truth and that we worked so hard to be competent paid off, and it is growing out of control now.
What horseshoers don’t understand is that none of this has to be a threat. The horror stories of the “misguided barefoot trimmers” and feelings of competition backlashed through the farrier world. Farriers who were trained to always allow horses to go bare during the off season were suddenly getting angry at the mere mention of a barefoot horse. Many of them now insist the horses must be perpetually shod. The longer a horse goes with continual year round shoeing, the easier it is for a natural hoof care practitioner to come along and triple the capabilities of the horse. There are plenty of horses to go around, for sure. Horseshoers should get training in the art and science of natural hoof care and beat us at our own game! Nothing would make me happier. But please take the time to learn. At least get my book and then study these articles as a start. We are no threat, and don’t wish to be. We just want what we have seen is best for the horse, but it all seems like an impossibility to a farrier who hasn’t seen it done right.
I remember when I would pull the shoes off my own horses and turn them out for the winter. I would check on them routinely and frown at the broken walls. I feared what would happen if one broke away too short to shoe. The horse would be lost, I thought. One at a time, they would scare me into shoeing them. By spring I would have most of them shod for just hanging out in a wet Appalachian pasture. It was those same horses that I put to work barefoot in rugged terrain without missing a step when I first started to educate myself about the natural hoof. Respectfully, to farriers, no matter how much you may know about shoeing and trimming, let me tell you there is much more to learn about barefoot rehabilitation! I’ve been there.
Now for the barefoot trimmers. Please don’t add fuel to the fire…… Don’t cut live sole. Don’t put down farriers and vets; it just makes you look bad. Don’t push a rehabilitative goal to the point that the horse is tenderfooted, because you can’t help the horse at all if the owner doesn’t let you come back! Don’t pull shoes off of a trail horse unless you have quality riding boots to provide to the owner. You know that horse owners can rarely fit boots “out of the box” well enough to succeed with them. You have the same obligation to stock boots and founder pads as a horseshoer has to stock shoes and nails!! They are tools of your trade. Don’t try to take the place of the vet; you’re not a doctor. Don’t cut live sole. Don’t provide service to horse owners who won’t steadily maintain their hooves. If every hoof you touch is maintained to perfection, you will never lack business. I promise. Oh yeah, and don’t cut live sole.
I invite all farriers, vets and natural hoof care practitioners to enroll in the certification program of the AANHCP. We need to all get on the same page and work toward an industry standard of care. The “barefoot movement” has been working like an explosion with lots of force going in every possible direction. Picture how much more effective and far reaching a tiny explosion compressed into a rifle barrel can be. We need to get all of our energy focused in one direction! Why come to the AANHCP and not one of the dozen other groups? The AANHCP is being set up as a legal nonprofit organization with the potential for research funding. Rehab facilities and a research center in wild horse country are in the planning stages. For me, though, the biggest thing that separates it from everyone else is in its very structure. It is being run by an annually elected board, rather than any one individual. If one of us goes nuts, the membership of certified professionals will be able to get rid of us, rather than having to face the switching of organizations or the destruction of the organization altogether. I wouldn’t want the value of my Certification to be hanging by the “political popularity” of one person. That would feel dangerous to me. What if he/she made the world angry, somehow? The time and money I put into becoming certified would be worthless. The whims of one person cannot run any organization into the future. History has shown us that many times. This is why I put my energy into being one of the instructors in the AANHCP program and will never “certify” anyone myself.
Many practitioners are approaching me and saying that the certification program takes too long to get through. Understand we are not giving a license to trim a horse. We are certifying the competence of a professional practitioner. This cannot be done in a week if it is to mean anything to the horse owners of the world or protect you in court. The exact details of certification and training are still being worked out to some extent. If you want to change something about the AANHCP, get involved!

LA POLITICA DELLA CURA DELLO ZOCCOLO                                         Pete Ramey

traduzione Alex Brollo, corsivo di Franco Belmonte AHA

OK, facciamo politica. Il problema, nelle discussioni politiche, è che si trasformano in genere in un litigio. La cosa piacevole, scrivendo di politica, è che ciascuno può esporre fino in fondo il proprio pensiero mentre il lettore legge tranquillo. E’ molto più facile. Per cui questo articolo è né più, è meno di questo: le mie opinioni sulla politica della cura dello zoccolo.
Lo studio dei cavalli selvaggi e dei loro notevoli zoccoli ha svelato molti dei misteri che sconcertavano da sempre il mondo della mascalcia. La laminite cronica, il tarlo, la navicolite e lo sbilanciamento grave sono diventati un compito facile per un professionista preparato. L’impulso, la longevità, le prestazioni e la riabilitazione dalla zoppia stanno raggiungendo altissimi livelli.  In apparenza, la cura naturale dello zoccolo è molto semplice. Comprendiamo lo zoccolo e lo pareggiamo a intervalli regolari in modo che non cresca mai in eccesso e possa rispondere come dettato dalla natura. Questo sprigiona incredibili capacità di guarigione. Forniamo ai proprietari scarpette di qualità, per cavalcare come vuole. Se un cavallo sopporta bene di essere cavalcato scalzo: benissimo! Altrimenti, va bene lo stesso. La gran parte dei cavalli ci riesce molto presto, ma lasciamo che sia il cavallo a decidere. Il punto fondamentale è che al cavallo venga concessa l’opportunità di stare scalzo quando non è montato, e il movimento naturale e dell’assorbimento naturale degli urti ne beneficia la salute di tutto il suo corpo. La salute del cavallo nel suo insieme e l’assenza di danni alle articolazioni, ai muscoli, ai legamenti e ai tendini sono le ragioni principali che ci hanno spinto in questa direzione.
La gran parte dei professionisti della cura naturale dello zoccolo hanno passato a studiare la scienza degli zoccoli e  argomenti sul corpo, sull’alimentazione, sulla gestione e sul movimento del cavallo un tempo tale, che mai i maniscalchi e i veterinari ci crederebbero. Ci siamo trasformati in enciclopedie ambulanti e siamo in grado di addestrare i nostri clienti per permettergli di capire cosa sta succedendo. Studiamo ogni difetto nei nostri metodi e nei cavalli di cui ci occupiamo e lo facciamo con accuratezza assoluta. Ci sforziamo ogni giorno di imparare e di migliorare il nostro lavoro. Perché? Perché è in corso una guerra politica, e questo ci rende più forti. Non con i maniscalchi tradizionali, come pensereste: ma fra di noi!
La maggior parte dei primi praticanti del pareggio barefoot avevano studiato tecniche molto aggressive di pareggio, che hanno causato gravi danni ai cavalli. Per di più, non c’erano scuole o programmi di addestramento che insegnassero tecniche migliori. La maggior parte dei “pareggiatori barefoot” erano proprietari di cavalli che avevano imparato su internet da persone che non avevano mai pareggiato un cavallo. I principi della cura naturale dello zoccolo suonavano bene perché erano effettivamente validi, ma poi venivano attuati da persone poco competenti. In tutto il mondo proprietari di cavalli ci hanno provato, e dalla suola ferita è spillato il sangue. Ormai quasi ogni proprietario di cavalli ha sentito uno di questi racconti dell’orrore, e per questo la vita di molti dei migliori pareggiatori del mondo si è trasformata in una battaglia politica;  e purtroppo lo resterà ancora per molti anni.
Come sono finiti quei principianti mal consigliati? La gran parte sono rimasti delusi e si sono occupati d’altro, ma ogni giorno se ne creano di nuovi. Alcuni di loro si inceppano e continuano a scavare le suole e le barre, e quella seccante, spessa suola che continua a saltar fuori. Alcuni permettono ai cavalli e alla scienza di istruirli, e diventino molto competenti. Se vi domandate come scoprire la differenza, chiedetelo ai cavalli di cui si curano!

Un’altra cosa che ci obbliga a lavorare ad un livello molto più alto è che noi siamo gli ultimi arrivati. Cosa succederebbe se ogni volta che un cavallo ferrato facesse un passo falso, e il proprietario giurasse di non usare mai più i ferri su nessun cavallo? I maniscalchi sarebbero costretti a lavorare a un altissimo livello, vero? Indovinato! E’ proprio così che i professionisti della cura naturale dello zoccolo tirano avanti quotidianamente, e questo è un’ottima cosa per i cavalli di cui si prendono cura.
Le cose stanno velocemente cambiando, comunque. I veterinari, i centri di ricerca e le università stanno rapidamente prendendo atto della capacità di guarigione dello zoccolo naturale. Sono in corso ricerche e nuove scoperte vengono annunciate continuamente. I veterinari stanno chiedendo la consulenza dei professionisti della cura naturale dello zoccolo nei casi di laminite e di navicolite, un po’ in tutto il mondo. L’ American Association of Natural Hoof Care Practitioners è stata costituita per svolgere attività di ricerca e per addestrare e certificare professionisti competenti. Il fatto che stiamo combattendo per la verità e che abbiamo lavorato così duramente per essere competenti sta dando i suoi frutti, e la cosa sta crescendo a dismisura.
Quello che i maniscalchi tradizionali non capiscono è che noi non siamo una minaccia.  I racconti dell’orrore sui “pareggiatori mal consigliati” e il senso di competizione si sono ritorti contro il mondo della mascalcia tradizionale. I maniscalchi che erano stati addestrati a lasciare sferrati i cavalli durante la stagione di riposo diventano immediatamente isterici alla sola menzione di “cavallo scalzo”. Attualmente molti insistono che il cavallo dev’essere ferrato permanentemente. Più a lungo un cavallo viene tenuto ferrato in permanenza, più è facile per un pareggiatore naturale arrivare e triplicare le prestazioni del cavallo. State certi, ci sono un sacco di cavalli, in giro. I maniscalchi tradizionali potrebbero imparare l’arte e la cultura della cura naturale dello zoccolo e batterci sul nostro stesso terreno! Niente mi farebbe più felice. Ma, per favore, prendetevi  tempo per studiare. Almeno leggete il mio libro, tanto per iniziare. Non siamo una minaccia, non vogliamo esserlo. Vogliamo solo quello che abbiamo constatato essere la cosa migliore per il cavallo, ma sembra che crederlo sia impossibile per un maniscalco.
Ricordo quando ho tolto i ferri ai miei cavalli e li ho messi all’aperto per l’inverno. Li controllavo regolarmente e tremavo per le rotture della muraglia. Temevo cosa sarebbe successo se qualcuna si fosse spezzata troppo in alto per consentire poi la ferratura. Il cavallo sarebbe perduto, mi dicevo. Uno alla volta, i cavalli mi hanno  convinto a non ferrarli. Entro la primavera li avrei ferrati tutti solo per lasciarli all’aperto in un umido pascolo degli Appalachi. Erano gli stessi cavalli che poi ho messo al lavoro sferrati su terreno duro, senza mancare un passo, quando ho cominciato a abituarmi allo zoccolo naturale. Mi rivolgo rispettosamente  ai maniscalchi: a prescindere da quanto potete sapere sulla ferratura e sul pareggio, lasciatemi dire che c’è molto da imparare sulla riabilitazione a piede scalzo! Io sono qua.
E adesso, ai pareggiatori barefoot. Per favore, non aggiungete benzina al fuoco… Non entrate nella suola buona. Non criticate i maniscalchi e i veterinari; fate solo  una cattiva impressione. Non forzate un obiettivo di riabilitazione al punto che il cavallo senta dolore, perché non potrete aiutare il cavallo, se il proprietario non vi chiama più!  Non togliete i ferri a un cavallo da escursione se non avete a disposizione scarpette di buona qualità per il proprietario. Avete l’obbligo di disporre di un assortimento di scarpette e di solette per laminite come un maniscalco ha l’obbligo di disporre del suo assortimento di ferri e chiodi! Sono attrezzi per il vostro lavoro. Non tentate di sostituirvi al veterinario; non siete medici. Non entrate nella suola buona. Non fornite prestazioni a un proprietario che non assicura una buona manutenzione degli zoccoli del suo cavallo. Se ogni zoccolo su cui mettete le mani sarà gestito bene, non vi mancherà mai il lavoro. Ve lo assicuro. Oh, mi raccomando, non entrate nella suola buona.

Invito tutti i professionisti della cura naturale dello zoccolo ad arruolarsi nel programma di certificazione dell’AANHCP. (correvano i primi anni del 2000, Pete ha poi fondato suo malgrado la american hoof association). Abbiamo bisogno di essere uniti e di lavorare per ottenere uno standard di lavoro di tipo industriale. Il “movimento barefoot” ha uno sviluppo esplosivo e le forze si stanno disperdendo in tutte le direzioni. Immaginatevi quanto è più efficace e quanto arriva più lontano una piccola esplosione contenuta nella canna di un fucile. Abbiamo bisogno di focalizzare le nostre energie in un’unica direzione! Perché venire alla AANHCP piuttosto che in un altro della dozzina di altri gruppi?  La AANHCP sta diventando una organizzazione legalmente riconosciuta, con possibilità di ottenere finanziamenti per attività di ricerca. In progetto ci sono una sede di supporto alla riabilitazione e un centro di ricerca nell’area che ospita cavalli selvaggi. Tuttavia, secondo me, l’aspetto che la differenzia maggiormente dalle altre organizzazioni  sta proprio nella sua organizzazione. E’ gestita da un comitato eletto annualmente, piuttosto che da un solo individuo. Se uno di noi si mette a dare i numeri, il comitato di professionisti certificati riuscirà a levarci dai pasticci senza che sia necessario alterare o perfino distruggere l’organizzazione stessa. Non vorrei ch il valore della mia certificazione stesse appesa alla popolarità politica di una sola persona. Lo sentirei come un pericolo. Cosa succederebbe se lui/lei si mettessero in urto con il mondo, in qualche modo? il tempo e il denaro impiegato per ottenere la certificazione diventerebbero inutili. I capricci di una persona sola non possono proiettare nel futuro alcuna organizzazione. La storia ce l’ha mostrato ripetutamente.

Molti professionisti mi avvicinano lamentandosi che il programma di certificazione richiede troppo tempo per essere completato. Forse potrebbe essere limato un pochino, ma rendetevi conto che noi non stiamo fornendo una licenza per pareggiare un cavallo. Noi stiamo certificando la competenza di un pareggiatore professionista. Questo non si può ottenere in una settimana se si vuole che valga qualcosa per i proprietari di cavalli di tutto il mondo o per proteggervi in eventuali procedimenti legali. I dettagli della certificazione e dell’addestramento devono ancora essere precisati più esattamente. Se volete che qualcosa cambi all’interno della AANHCP, partecipate!

(Questo vale anche per la AHA, come per tutte le associazioni che comprendono persone di buon senso sperando di avere un futuro. La associazione che Pete Ramey ha desiderato non ruota intorno a Pete, che resiste a tutti gli assalti dei soci che vorrebbero lui occupasse una posizione di maggiore rilievo. A volte  debbo dire che una posizione più marcata sarebbe stata utile, ma è una mia opinione. Democrazia e centralismo hanno entrambe dei limiti.

Una dozzina di anni dopo i rapporti tra pareggiatori e maniscalchi non sono cambiati molto. Ma l’introduzione dei profili da incollare, la diffusione di scarpe da incollare e resine ha iniziato a sfumare  toni e  appartenenze. Formalmente non certo nella sostanza. Chi tra i pareggiatori usa molto la tecnologia dei materiali si è riavvicinato alla protezione permanente. Chi tra i maniscalchi comincia a rinunciare al chiodo per la colla mette in crisi dall’interno il dogma del ferro. Probabilmente l’evoluzione sarà lenta. La semplicità e praticità del ferro nasconde o fa digerire il resto agli opportunisti. La ferratura è un male necessario sarà ancora per chissà quanto tempo una frase attuale nonostante sia chiaro che la necessità si è estinta ed il male, già riconosciuto da tanto tempo, inutile)

 

Understanding the Horse’s Soles – Pete Ramey

UNDERSTANDING THE HORSE’S SOLES           8-16-05
The sole of the foot is the most abused and misunderstood part of the domestic horse (with the possible exception of its digestive system). I’ve been guilty of it, too. As a horseshoer it always seemed necessary for me to routinely cut the sole at the toe, and in my early days as a barefoot trimmer I thought it was desirable to thin it at the back of the foot. When I began both professions, I was taught to view the sole as an idle passenger; trimming the hoof wall to certain parameters and then trimming or relieving the sole to match. Now I see the sole as the ultimate guide for hoof trimming; keeping the bars and walls 1/16 inch above the natural callused sole plane. (See the “Heel Height” article for exceptions.) When I think back on the past and compare it to my results now, I shudder at the comparison. My own learning curve has been a long one. I hope to shorten it for you, here.
It is a confusing subject, though. It can be difficult to distinguish between healthy sole that should be preserved, false sole that should be removed, shedding sole that needs to stay around as long as possible because the new sole underneath is immature, shedding sole that needs to be removed because fungal infection underneath is eating away at the new sole that is trying to grow, unsupported sole under flared walls that needs to have pressure relief………….. The list goes on, and it seems the more you learn, the less you may understand what needs to be done. Since the sole is the first line of defense between the horse and the ground, its proper management is crucial to soundness. Luckily we have a very reliable guide. The seams between the sole and frog; the collateral grooves, are the most reliable and important guide we have for determining the needs of the foot. A full understanding of their significance and the information they offer will give you “x-ray vision” when you look at every hoof.

Let’s start with the foundation. When viewed from the side, a naturally shaped hoof should have an arch from front to back much like the arch of your own foot. The coffin bone shapes the front half of the foot and in a standing horse, should thus mirror the front half of the arch, or be elevated slightly in the back. The lateral cartilages form the foundation for the back half of the foot, but with flexibility.
During normal locomotion, the horse loads the initial impact force on the more flexible back of the foot giving the horse an incredible ability to dissipate energy. Much like the rubber tires on your car, this flexibility immediately reduces the amount of shock that must be dissipated by the rest of the system.
As the foot reaches maximum load, the arch is pressed flat, giving a ground parallel orientation to the coffin bone and to the lateral cartilages. Then, the horse lifts the heels as the stride is completed, leaving the rigid front half of the foot the tremendous job of driving the horse forward.

The underside of the coffin bone and the lateral cartilages are vaulted like a dome. Looking at this dome from the bottom gives you the impression you are looking into a bowl and the papillae that grow the sole of the horse are attached to and grow from this surface. According to measurements taken from wild hooves and healthy domestic hooves the sole should be ½ to ¾ inch thick and uniformly cover the vaulted underside of the lateral cartilages and the coffin bone. This is not something we have to do for the horse. It will take this shape naturally if the horse gets plenty of movement on its bare hooves. We must allow this sole to callous into very dense material if it is to be expected to do its job of protecting the underside of the horse. Its surface area is huge when compared to that of the hoof wall’s ground surface, so it is actually the sole that is bearing the lion share of the horse’s weight (on any yielding surface, this is true, whether the hoof wall is 1/8 inch shorter or 3/8 inch longer than the sole).

The sole was designed for this, though, and does this job very well as long as humans don’t come along and routinely thin it. Personally, I can run very comfortably on gravel while barefoot, but I know I could not even walk on grass if someone were constantly cutting the soles from my feet; even if they only did it in one tiny spot and left the rest of my callous intact. A broken bottle re-taught me this lesson on a recent family camping trip. I had plenty of calloused areas left on my feet, but the dime-sized area I lost made my own boots seem like “too little, too late”. I was basically lame for a week, and a month later, I’m still not “gravel crunching” without my “hoof boots”.
Soles of horses and humans can be regrown very quickly, but callused sole is another story. Callused sole is simply a huge amount of sole material packed into a thinner space. It takes time to build adequate callus. So should we just leave horse soles alone and let them callus and build at will? Usually, yes, it’s just that simple. There are exceptions and this muddies the water, though. When a shoe has been on a horse or if it has been stall bound, the sole can build into thick layers. Domestic donkeys and minis tend to grow too much sole no matter how much they move on our soft pastures. Sub-solar abscessing can leave large false soles in its wake. Sometimes we do need to trim away this excess to allow hoof function and normal callusing of the real sole.
How do we tell the difference? How do we know when we have adequate thickness, excess thickness, or not enough? Easy. Nature gave us a trustworthy guide in the collateral grooves. If we learn to read them, we will never have to wonder what needs to be done or not done to the bottom of the foot. The very special thing about the collateral grooves is that they are very consistent in their depth to the underlying inner structures. If  you cut the grooves deeper on a cadaver hoof, you’ll find that it is about ½ inch to the sensitive corium; whether the rest of the sole is too thick or too thin. This means that if a horse has too much sole, the collateral grooves will be too deep. If there is not enough sole thickness the collateral grooves will be too shallow.  Only a sub-solar abscess can push the grooves farther from the coffin bone, and I have never seen or heard of a situation that brings them too close.

 

Above, are two “flat feet” with very different needs. The hoof on the left needs a “one-time” very aggressive trim, and the hoof on the right needs the entire bottom of the foot left completely alone. All we have to do is understand how deep the grooves are naturally, and we will immediately be able to tell if the inner structures are too close to the outdoors or too far away. This applies to the front of the foot and to the back. We can’t put exact dimensions to this, because different coffin bones have different amounts of solar concavity, and of course it varies by hoof size. A little bit too much sole bothers horses far less than having too little, so I tend to begin by erring on the side of caution. Wild hooves and healthy domestic hooves with uniform sole thickness tend to have their collateral grooves (at the deepest part) about ¾” off the ground at the apex of the frog, and about an inch off the ground toward the back (Near the termination of the bars). These measurements can be taken by laying a rasp across the foot and measuring down to the bottom of the groove.
If this measurement is ¼” deep at the apex of the frog, you can very safely assume that there is not enough sole between the coffin bone, its sensitive corium, and the outdoors. It must be allowed to build. If this measurement is 1 ½” deep, you can very safely assume material could be removed. The same exact logic applies to the back of the foot as well.
These measurements are far more critical to the horse than toe length or heel height measurements. The coffin bone and lateral cartilages often descend into a lower position in the hoof capsule and this leaves a hoof capsule that is longer than natural. This is unhealthy, of course, but trimmers and farriers who ignore this fact and trim to heel or toe length dimensions add injury to injury by overexposing the nerves in the corium on the bottom of the foot. Thinning the sole tends to cause the inner structures to move lower and lower, lengthening the overall hoof capsule. The flip side of this, is that allowing the sole to build and callus at optimum thickness drives the inner structures upward. The coronet moves down the skeleton, shortening the hoof capsule to natural proportions as the callus builds. The center and right pictures below show the natural sole thickness and concavity of a wild horse’s foot.

In the picture above left; you can see our goal when we are faced with a shallow collateral groove. The left side of the pictures show how we turn the flat foot with shallow collateral grooves into a concaved foot with adequate sole thickness by building adequate sole thickness. The right side of the picture shows the common mistake of trying to carve out solar concavity; thinning an area that is already too thin. We will build solar concavity as we build sole thickness. Contrary to the way the picture must be drawn, the hoof generally does not lengthen during this process. The coffin bone and lateral cartilages are pushed upward as the sole builds, keeping the hoof capsule the same length or often dramatically shortening it.

If this process is only partially complete, you will see a flat spot adjacent to the white line and a concaved shape to the area of live sole closer to the frog. This flat area reliably shows you where the sole is still too thin. It is very important to note that as the horse tries to build this natural sole thickness, it will often prioritize key areas where the sole thickness is needed the most. The result will be “lumps or bumps” on the flat area. Many trimmers routinely trim away these bumps; working against the horse’s attempts to build adequate solar concavity. You must visualize the natural flow of the individual horse’s solar concavity and determine if that flow goes all the way out to the white line, without going flat, anywhere.  That lump may be the only correct spot on the whole foot. If it falls within the “imaginary bowl” of natural concavity, you should leave it and hope it spreads over the rest of the sole.

To visualize proper sole thickness using the collateral grooves, use the wild hooves or a healthy domestic hoof with adequate sole thickness. Think of the collateral groove as the bottom of a bowl, and natural solar concavity flows up and out from there. Anything sticking above this bowl should probably be removed. Any area below this bowl should be left alone and allowed to grow. Misunderstanding this is where people tend to hurt horses. Again, when the bowl isn’t deep enough; there is not enough sole. There will be a flat spot in the sole in the outer perimeter touching the white line. You’ll generally see the flow of the natural concavity making its way out from the frog, but then it will flatten out where it is too thin. Study the previous line drawings if this is still not crystal clear.
In the beginning, we don’t know exactly how much concavity is needed by the individual horse, so we assume it should be 3/4 inch at the front and 1″ deep at the back to be on the safe side. These measurements are toward the maximum you will commonly find, and always a good place to start. After we build some depth, the shape of the horse’s natural solar concavity will start to emerge and we shift to trusting that shape.
The hoof above almost has complete sole thickness, but you can see a slight flattened area in the sole at the toe, indicating that a little more depth could be built there. Too many trimmers tend to cut concavity into this flat region, thinning an area that is already too thin. The result, again, is a flatter foot as the undermined coffin bone is free to migrate downward under the horse’s weight. Concavity must be built up, and cannot be cut in. The solar concavity of the specimen above was never trimmed with a knife. This was a horse I owned, who died in a fence accident. The sole naturally callused itself in this shape when it reached adequate thickness. All I did was keep any dead, chalky sole from filling in during the off season.

In Jaime Jackson’s wild hoof specimens (above), the collateral groove at the apex is only 1/2″ deep within the solar concavity. If this were a domestic horse in our care we would know that natural sole thickness has been achieved because there is no flat spot adjacent to the white line at any part of the sole. This natural shape of the callused sole overrides our original 3/4 inch “starting guess”, whether it turns out to be deeper or more shallow. If only these principles were more widely understood……
I personally see more horses lamed by the farrier’s rasp than by every other means combined. I would love to see a rasp designed to deliver a strong electric shock to its handler if it gets closer than 5/8 of an inch away from the bottom of any collateral groove for any reason.  A hoof knife that shocks its handler if it gets closer than 5/8 inch away from a coffin bone or lateral cartilage would be nice as well. I would spend my very last dime; buying them and distributing them all over the world. There is no excuse for such a blatant misunderstanding of the foot. Most subsolar abscesses and EVERY coffin bone sole penetration I have ever seen came along in the wake of previous trimming away of the sole material under the coffin bone or lateral cartilages. This is a strong statement, I know, but painfully accurate.

 

The tip of P3 in the above radiograph was actually piercing the sole. The attending veterinarian diagnosed chronic laminitis, sole penetration and calcification of the lateral cartilages. The deep rasp marks and the huge flattened area were still visible in the sole in front of the frog! This work was done in preparation for a “corrective” shoe. The collateral groove depth at the apex was zero, and the groove depth at the back of the foot was 1-3/4″. The conditions here should be immediately obvious to the educated naked eye, but I’ve seen this too many hundreds of times to count. Why do so few notice? The above right radiograph was taken six months later. I simply allowed the horse to build adequate sole thickness under P3, grew in an attached toe wall, and kept the heels 1/16″ above the sole. This restored 100% soundness and usability to the horse and melted most of the calcifications away….. In six months.
I try very hard not to point fingers at the previous farrier on cases like this. It would just come across as “putting down the competition” and I would probably spend my life as a witness in courtrooms or get beaten to death by an angry farrier, so I skillfully sidestep questions from owners about the real causes of these problems to keep peace. It makes my life easier, but I’ll probably eventually go to hell for that dishonesty.
While barefoot trimmers are usually not guilty of sole abuse at the toe, many, of them are very guilty of having the same misunderstanding at the back of the foot. Like the coffin bone at the toe, the sensitive structures at the back of the foot can prolapse, or move downward relative to the coronet. Many trimmers try to get the heels and bars trimmed into “wild horse parameters” too quickly and thin the sole at the back of the foot. The results are sensitivity, sole bruising and then abscessing. The sole is designed to bear the horse, but only if it is well callused and naturally thick.

 

In the photos above, the left pictures are of the setup trim, and the right pictures are post-trim, four months later. The sole has built so much depth and concavity because it was completely left alone during this process. I was treating the horse for very thin soles and separated laminae. Notice that at the setup trim, the collateral groove at the apex of the frog is only about 1/8″ deep and the sole in front of the frog goes flat. It should be obvious by this that the sole under P3 is very thin. Four months later, the sole has thickened, Placing the collateral groove 1/2 inch deep at the apex of the frog and solar concavity has built in to mirror the shape of the bone. All of the white line separation has grown out, with the exception of a small bit remaining at the toe.
Now look at the heels and bars. Early in my career, I would have viewed these bars as being “layed over”  or bent, and trimmed bar and sole together to straighten them. Now, however, I see the flat area in the sole at the back of the foot as an indication that the sole is too thin. The bar is not layed over, but is chopped off too short because of this missing solar depth. Over the next four months, I simply let this sole build, keeping the bar and heel wall lowered to the height of the sole. When the sole built to adequate depth, the bars follow the resulting natural concavity and straighten themselves.
When I used to trim this concavity, rather than building it, my horses were less sound and their soles were much flatter. In four weeks time, the flat spot would return, and I would trim it again. Was I seeing success with hoof rehabilitation and with barefoot performance horses? Yes I was, but I had no idea at the time how much better things could be. Now, in hindsight, it’s easy to see why.
Whether it is a shoer thinning the sole at the toe or a barefoot trimmer thinning the sole at the back of the foot, the result is sole sensitivity and bruising of the sole’s live corium. This bruising often causes sub-solar abscesses to occur. Hoof managers must realize this because sole sensitivity and sub-solar abscesses in horses with adequate sole thickness and callus are about as common as white horses that won’t roll in the mud.  Using the collateral grooves as the guide will keep you out of this trouble.

 

The same working knowledge of the collateral grooves will also tell you when its time to get very aggressive with the sole. The collateral groove in the donkey hoof above is 1- 1/2″ deep. We can very safely create the “natural bowl” of solar concavity, dramatically reducing this excess. In this case, I am keeping my nippers 3/4 inch away from the bottom of the collateral grooves at all times. After this one-time, large reduction, you should watch for the natural shape of the individual’s callusing to emerge and trust that shape, rather than the “experienced guess” you started with. The collateral groves at the back of this foot show you that the sensitive structures have migrated downward, and trimming these heels into “wild horse parameters” would actually cause you to make the grooves too shallow and even cut the lateral cartilages, in this particular case. The sole at the back of this foot must be preserved to drive them upward.

The pictures above demonstrate the information the collateral grooves have to offer. The left picture is before the setup trim. The horse was diagnosed with navicular disease and with a coffin bone rotation over 20 degrees. The right picture is the same hoof eight months later, and before a six week maintenance trim; sound and working for a living. The sole was not trimmed at any time during this process.
The collateral grooves at the setup trim are 1/16 inch deep at the apex of the frog and 1″ deep at the back of the foot. The wide distance from the from the collateral groove at the back of the foot to the hairline shows that the lateral cartilages have migrated downward and these heels cannot be significantly lowered without thinning the sole and robbing the horse of necessary protection.
At the apex of the frog, the shallow groove and the flat area of sole in front show us that the coffin bone is very close to the great outdoors. In fact you can clearly see its imprint on the sole, and the unsupported sole and hoof wall stretched out in front. Using this information and judging the severely long hoof capsule, we know the coffin bone and lateral cartilages have migrated downward in the hoof capsule. If we cut the hoof into “natural parameters” we would trim the coffin bone itself; rasping the coffin bone is bad! 🙂
Instead, I just trimmed the walls and bars to 1/16″ longer than the healthy sole and relieved the pressure on the disconnected toe walls. Eight months later, the apex of the frog is buried nicely into 5/8″ of solar concavity. The collateral groove at the back of the foot is 7/8″ deep (after trimming the walls to 1/16″ longer than the sole). There is adequate callused sole everywhere.
Additionally, this callused sole has driven the inner structures much higher in the hoof capsule; dramatically shortening the hoof. The toe wall is much shorter, and the collateral groove at the back of the foot is now above the hairline. In other words, the coronet and the rest of the hoof capsule has migrated over an inch down the skeleton, into a more natural position. The result is a naturally short heel and toe, with adequate solar concavity and thickness along the way. It was comfort, proper movement and the growth of a well attached hoof wall that shortened this hoof capsule; not the knife or rasp.
There have been too many methods and measurements applied to the hoof to possibly count. This may just sound like one more in a long list. I assure you though, that nothing is more important to the soundness and hoof function of the horse than natural sole thickness. If you doubt this, try rasping a little sole off of your own foot; just a little bit every four weeks will do the trick. Study the wild hooves and get an image in your mind of the shape of the soles and particularly, the height of the collateral grooves from the ground. The wild hoof below has a wire placed in the bottom of the collateral groove to help you visualize this on the radiograph.

 

If you make sure your horses’ collateral grooves are a natural height off the ground, you will be amazed by their soundness and by your own ability to fix and prevent hoof problems. Nature was kind to the horse to provide such an accurate guide for us to follow. As usual, we just need to learn to listen.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAPIRE LE SUOLE DEL CAVALLO                      16-08-05 traduzione Alex Brollo, corsivo Franco Belmonte AHA
La suola degli zoccoli  è la parte più maltrattata e meno compresa del cavallo domestico (con la possibile eccezione del suo apparato digerente). Anch’io ne sono stato colpevole. Come maniscalco mi sembrava sempre necessario tagliare all’interno della suola buona alla punta dello zoccolo, e nei miei primi giorni di pareggiatore barefoot pensavo fosse utile assottigliarla nella parte posteriore del piede. Quando ho cominciato entrambe le professioni, mi è stato insegnato a vedere la suola come un qualcosa di passeggero; l’importante era pareggiare la muraglia rispettando certi criteri, per poi tagliare o risparmiare la suola in modo corrispondente. Adesso invece riconosco nella suola la guida definitiva per il pareggio; la regola è semplicemente quella di tenere le barre e la muraglia 1/16 di pollice più alta del piano costituito dalla suola buona (vedete l’articolo “L’altezza dei talloni” per le eccezioni). Quando penso al passato e lo confronto con i miei risultati attuali, rabbrividisco. La mia curva di apprendimento è stata molto lunga. Spero di potervi aiutare ad accorciare la vostra.
In ogni caso, è un argomento che può confondere. Può essere difficile distinguere la suola sana che dev’essere conservata, la falsa suola che dev’essere asportata, la suola friabile che occorre lasciare sul posto il più possibile perchè la suola nuova sottostante è immatura, la suola friabile che dev’essere rimossa perchè la suola nuova sottostante viene divorata da un’infezione da funghi man mano che cresce, la suola priva di sostegno al di sotto di una muraglia slargata  che richiede che la pressione sia mitigata… La lista potrebbe continuare, e sembra che più imparate, meno potreste capire qual’è la cosa da fare. Poiché la suola è la prima linea di difesa fra il cavallo e il terreno, il suo trattamento appropriato è cruciale alla sua “soundness” [intraducibile: qualcosa come “sana gagliardia”]. Fortunatamente abbiamo un punto di riferimento molto attendibile. Sono le fessure fra suola e fettone; le lacune collaterali sono la guida più importante e valida che abbiamo per determinare quali sono le necessità del piede. Una piena comprensione del loro significato e delle informazioni che offrono vi darà una “vista ai raggi X” quando guarderete qualsiasi zoccolo.

1

Partiamo con le nozioni di base. Quando visto di lato, uno zoccolo di forma naturale dovrebbe essere arcuato dall’avanti all’indietro, proprio come il vostro piede. L’osso triangolare dà forma alla parte anteriore dello zoccolo e, nel cavallo piazzato, dovrebbe rispecchiare la parte anteriore dell’arco, o essere lievemente sollevato nella sua parte posteriore. Le cartilagini collaterali costituiscono le fondamenta della parte posteriore del piede, ma in modo flessibile.
Durante il movimento normale, il cavallo scarica la forza d’impatto iniziale sulla parte posteriore, maggiormente flessibile, del piede, che gli conferisce una straordinaria capacità di dissipare le forze d’urto. Proprio come i pneumatici di gomma della vostra automobile, questa flessibilità riduce l’entità dello shock che dev’essere dissipata dal resto del sistema.

Quando il carico del piede raggiunge il suo massimo, l’arco viene raddrizzato, dando un orientamento parallelo al suolo sia all’osso triangolare che alle cartilagini laterali. Poi, il cavallo solleva i talloni quando il passo è completato, lasciando alla metà rigida anteriore del piede il compito pesantissimo di spingere il cavallo in avanti.

2 3

La faccia inferiore del triangolare e della cartilagini laterali formano un incavo come una volta. Guardare questa volta dal di sotto vi dà l’impressione di star guardando una tazza, e le papille che producono la suola sono inserite e crescono da questa superficie. In base alle misure prese sugli zoccoli dei cavalli selvaggi e dei cavalli domestici sani dovrebbe essere spessa da ½ a ¾ di pollice [12 – 18 mm] e rivestire in modo uniforme la volta sovrastante, costituita dalle cartilagini laterali e da triangolare. Non è qualcosa che dobbiamo fare noi al posto del cavallo. Questa forma si creerà spontaneamente se al cavallo viene consentito molto movimento con gli zoccoli sferrati. Noi dobbiamo permettere che questa suola si trasformi in un materiale calloso  molto compatto, se vogliamo che svolga bene il suo lavoro di proteggere la superficie d’appoggio del cavallo. La sua superficie è notevole se paragonata al totale della superficie inferiore dello zoccolo, e quindi è in effetti la suola a svolgere la parte del leone nel sostenere il peso del cavallo (su qualsiasi superficie d’appoggio, e la cosa è vera sia che la muraglia sia 1/8 [3 mm] di pollice più corta, sia che sia 3/8 [9 mm] di pollice più lunga della suola.
In ogni caso, la suola è stata progettata per svolgere questo compito molto bene, e lo svolge, finché non arrivano gli umani ad assottigliarla sistematicamente. Personalmente, corro sulla ghiaia scalzo senza alcun fastidio, ma so bene che non potrei nemmeno camminare sull’erba, se qualcuno costantemente mi tagliasse via le callosità delle piante dei piedi; nemmeno se lo facessero su una superficie molto ridotta, lasciando il resto intatto. Una bottiglia rotta mi ha ripetuto questa lezione recentemente, durante un recente viaggio in campeggio. Mi sono rimaste abbondanti aree coperte di calli sulle piante dei piedi, ma quell’area della larghezza di una monetina, che avevo perso, mi facevano sentire perfino le mie scarpe “troppo strette, troppo nuove”. Restai praticamente zoppo per una settimana, e dopo un mese ancora non “macinavo la ghiaia” senza la protezione delle mie “hoof boots” [scarpette da cavallo].
La suola dei cavalli e lo strato corneo delle piante dei piedi può rigenerarsi rapidamente, ma per quanto riguarda le callosità, è tutto un altro discorso. La suola callosa è semplicemente una gran quantità di materiale corneo compattato in uno strato più sottile. Ci vuole tempo per ricostruire una callosità efficace. Dobbiamo quindi lasciare le suole in pace, e permettere che la callosità si sviluppi da sè? Di regola sì, dobbiamo semplicemente fare così. Ma ci sono eccezioni e questo rende le cose poco chiare. Quando sullo zoccolo c’è stato un ferro, o quando il cavallo è stato legato in posta, si possono formare spessi strati di suola. Gli asini domestici e i cavalli in miniatura tendono a formare una quantità di suola eccessiva, a prescindere da quanto si muovono nei nostri pascoli soffici. Un ascesso sotto la suola può  lasciare spesse false suole sul suo cammino. Talora dobbiamo effettivamente asportare questo eccesso di suola per consentire allo zoccolo un regolare funzionamento e alla suola buona di formare una vera callosità.
Come possiamo accorgerci della differenza? Come facciamo a sapere se abbiamo davanti uno spessore normale, uno spessore esagerato, o uno spessore insufficiente? Facile. La natura ci ha fornito una guida che non mente nelle lacune collaterali. Se impariamo a leggerle, non dovremo mai essere perplessi su quello che dobbiamo fare o non fare sulla parte inferiore dello zoccolo. La cosa veramente speciale delle lacune collaterali è che vi è una notevole costanza nello spessore della suola che le ricopre, cioè nella distanza fra la loro superficie e le sottostanti strutture interne. Se incidete a fondo in corrispondenza delle lacune laterali uno zoccolo di cadavere, noterete che la distanza dal corion vivo è di circa ½ pollice [12 mm], sia che il resto della suola sia troppo spesso, che troppo sottile. Questo significa che se un cavallo ha una suola troppo spessa, le lacune collaterali appariranno troppo profonde. Se lo spessore della suola sarà insufficiente, le lacune collaterali saranno troppo poco profonde. Solo un ascesso sotto la suola può spingere le lacune più lontano dal triangolare, e non ho mai osservato o sentito di una condizione che possa avvicinarle più della norma al triangolare.

45

Qui sopra, ci sono due “piedi piatti” che hanno bisogno di interventi molto diversi. Lo zoccolo a sinistra (in alto) ha bisogno di un pareggio molto aggressivo, fatto in una volta sola, mentre quello sulla destra (in basso) ha bisogno che l’intera superficie sia completamente rispettata. Tutto quello che dobbiamo capire è quanto profonde devono essere le lacune in una situazione naturale, e saremo immediatamente in grado di dire se le strutture interne sono troppo vicine o troppo lontane dalla superficie. Questo vale sia per la parte anteriore del piede che per la parte posteriore. Non possiamo precisare misure esatte, perchè differenti triangolari hanno entità di concavità differente, e ovviamente la cosa varia con le dimensioni dello zoccolo. Uno spessore leggermente esagerato dà al cavallo molto meno fastidio di uno spessore insufficiente, e quindi all’inizio io tendo a sbagliare dal lato sicuro. Gli zoccoli dei cavalli selvaggi e quelli dei cavalli domestici sani tendono ad avere una profondità della lacune collaterali (misurate nel loro punto di maggiore profondità) di circa ¾ di pollice [18 mm] dal suolo in corrispondenza dell’apice del fettone, e di circa un  pollice [25 mm] nella parte posteriore del piede (in corrispondenza della zona terminale delle barre). Queste misure vanno prese piazzando una raspa attraverso lo zoccolo e misurando la distanza fra la raspa e la parte più profonda della lacuna.
Se misurate una profondità di  ¼ di pollice [8 mm] in corrispondenza dell’apice del fettone, potete tranquillamente concludere che non c’è abbastanza suola fra il triangolare, il suo corion vivo e la superficie esterna. Se la misura è di  1 ½ pollici [37 mm], potete tranquillamente concludere che c’è materiale da togliere. La stessa  logica si applica alla parte posteriore del piede.
Queste misurazioni sono di gran lunga più critiche per il cavallo rispetto alla lunghezza della punta o l’altezza dei talloni. Il triangolare e le cartilagini collaterali spesso si abbassano rispetto alla loro posizione naturale all’interno dello zoccolo, e questo allunga la muraglia rispetto alla sua misura naturale. Questa situazione è patologica, naturalmente, ma i pareggiatori e i maniscalchi che lo ignorano  ed eseguono il pareggio basandosi sulle misure della punta o dei talloni aggiungono danno a danno sovraesponendo le terminazioni nervose del corion in corrispondenza della parte inferiore dello zoccolo. L’assottigliamento della suola causa un progressivo e ulteriore abbassamento delle strutture interne, aumentando ulteriormente la lunghezza della muraglia. Al contrario, lasciare che la suola si ispessisca   e si incallisca  raggiungendo lo spessore normale riporta le strutture interne verso l’alto. La corona si muove verso il basso rispetto allo scheletro sottostante, e la muraglia si accorcia tendendo alle sue misure naturali man mano che il callo si sviluppa. Le immagini al centro e alla destra mostrano lo spessore naturale della suola e la concavità del piede di un cavallo selvaggio.

ab c

Nel disegno sopra, potete vedere il nostro obiettivo quando abbiamo a che fare con una lacuna collaterale poco profonda. La parte sinistra del disegno mostra come possiamo trasformare lacune collaterali poco profonde in piedi concavi con un adeguato spessore della suola, permettendone l’aumento dello spessore. Il lato destro del disegno mostra il comune errore di tentare di scavare una concavità della suola; assottigliando una zona che è già sottile. Costruiremo la concavità man mano che costruiamo lo spessore della suola.  Contrariamente a quanto risulta dal disegno, in genere lo zoccolo non si allunga durante questa trasformazione. Il triangolare e le cartilagini collaterali sono spente verso l’alto man mano che la suola si rigenera, conservando alla muraglia la sua lunghezza e talora accorciandola notevolmente.
Se questo processo è completato solo parzialmente, vedrete un’area piatta adiacente alla linea bianca e una zona di concavità nella suola adiacente al fettone. Quest’area piatta vi mostra chiaramente dove la suola è troppo sottile e nulla dovrebbe essere tolto. Dovete visualizzare l’andamento complessivo della concavità del piede del cavallo, e rendervi conto se questo andamento continua regolarmente tutt’attorno fino alla linea bianca, senza interrompersi ed appiattirsi in alcun punto. Quella bozza potrebbe essere  l’unico punto corretto nell’intero piede. Se cade entro la “scodella immaginaria” della concavità naturale, dovete lasciarla dove sta e sperare che si estenda al resto della suola.

xhh

Per visualizzare lo spessore adeguato della suola usando le lacune collaterali, usate gli zoccoli dei cavalli selvaggi o quelli dei cavalli domestici sani. Pensate alle lacune collaterali come alla parte inferiore di una scodella, con la concavità naturale che si estende in fuori ed in alto da quel punto. Ogni cosa  che sporge al di sopra di questa superficie probabilmente dev’essere rimossa. Ogni zona che sta al di sotto di questa superficie dev’essere lasciata intatta per permetterle di crescere. Quello che danneggia il cavallo è non capire bene questo punto. Inoltre, quando la tazza non è abbastanza profonda: non c’è abbastanza suola. Ci sarà una zona piatta in corrispondenza del perimetro esterno, che tocca la linea bianca. Vedrete generalmente che la concavità si estende a partire dal fettone, ma che si appiattisce là dove la suola è troppo sottile. Studiate i disegni precedenti fino a che la cosa non vi è assolutamente chiara.
Al primo pareggio dopo la sferratura, non sappiamo esattamente quanta concavità sarebbe la norma per quello specifico cavallo, e quindi prendiamo come riferimento una profondità di 3/ 4  di pollice [18 mm] nell’avanpiede e di un pollice [25 mm] nella parte posteriore per stare dalla parte sicura. Queste misure corrispondono a quelle massime che potete osservare, e sono sempre un buon punto d partenza. Dopo che avremo lasciato sviluppare un po’ di suola, la forma della concavità naturale di quel cavallo comincerà a delinearsi, e cominceremo a basarci su quella forma.
Lo zoccolo in alto ha una concavità quasi completa, ma potete ancora vedere una piccola area appiattita nella suola alla punta, che indica che il quel punto può costruirsi ancora un po’ di concavità. Troppi pareggiatori tendono a scavare una concavità in questa regione piatta, assottigliando un’area che è già troppo sottile. Di nuovo, il risultato è un piede più piatto, perchè il triangolare privo di supporto può spostarsi verso il basso sotto il peso del cavallo. La concavità va costruita, non scavata. La concavità di quello zoccolo non è mai stata scavata con il coltello. Questo era un mio cavallo, morto per un incidente da recinzione. La suola si è naturalmente incallita in questa forma quando ha raggiunto lo spessore adeguato. Tutto quello che ho fatto è di evitare che la suola morta, friabile riempisse la concavità nella stagione di riposo.

! ?

Nei campioni di zoccolo selvaggio di  Jaime Jackson (qui sopra), la lacuna collaterale ha una profondità di solo ½ pollice [12 mm] in corrispondenza della punta del fettone. Se fosse un cavallo domestico, sapremo che è stata raggiunta una concavità naturale perchè non c’è alcuna zona piatta adiacente alla linea bianca in alcuna parte della suola. Questa forma naturale della suola callosa si impone sopra la nostra iniziale assunzione di una profondità di 3/4 di pollice [18 mm], sia quando risulta più profonda che quando risulta meno profonda. Se solo questi principi fossero compresi più diffusamente…..

(la prima osservazione deve riguardare la forma della suola che dovrebbe presentare una concavità continua senza tratti piani; se una suola presenta tratti piani assumiamo che non ha uno spessore adeguato fino a che o se non misuriamo una profondità di 18millimetri all’apice del fettone; lavoriamo di conseguenza preservando e trattenendoci; questo dato è in effetti molto cautelativo, è estremamente difficile trovare un domestico con una profondità tale secondo la mia esperienza; nella pratica se posso aiutarvi a comprendere credo che una misura della profondità all’apice superiore a 18 millimetri in contemporanea con un tratto piatto di suola autorizza l’asporto di materiale man mano procedendo dal centro verso la periferia della “suola”, una profondità inferiore no; la profondità anteriore deve essere messa in relazione con la posteriore per potere visualizzare l’insieme;  ogni dubbio dovrebbe fare astenere dalla riduzione di qualsiasi parte soprattutto se saldamente ancorata)

Personalmente, vedo più cavalli azzoppati dalla raspa di un maniscalco che da tutte le altre cause messe insieme. Mi piacerebbe moltissimo vedere una raspa progettata in modo da dare una forte scossa elettrica sul manico, se si avvicina più di 5/8 di pollice [14 mm] al fondo di qualsiasi lacuna laterale, in qualsiasi punto dello zoccolo e per qualsiasi motivo.  Userei tutto il tempo che mi rimane per fabbricarli e distribuirli in tutto il mondo. Non ci sono scusanti per un fraintendimento così vistoso del piede. La gran parte delle sobbattiture e TUTTE le penetrazioni del triangolare nella suola che ho visto sono la conseguenza di una precedente asportazione di materiale da sotto il triangolare o da sotto le cartilagini laterali. È un’affermazione forte, lo so, ma dolorosamente accurata.

òà

La punta di P3 [Phalanx 3=osso triangolare] nella radiografia in alto sta effettivamente penetrando nella suola. Il veterinario incaricato ha diagnosticato laminite cronica, penetrazione della suola e calcificazione delle cartilagini laterali. I profondi solchi da raspa e l’ampia zona appiattita sono ancora visibili nella radiografia! (andate se credete all’articolo originale) Questo lavoro era stato fatto come preparazione a una ferratura “correttiva”. All’apice del fettone la profondità della lacuna collaterale era 0, e la profondità della lacuna laterale nella parte posteriore del piede era di 1 ¾ pollici [37 mm].

(una profondità di 37 mm. dietro ed una di zero mm. davanti testimonia della pendenza eccessiva della terza falange anche senza l’ausilio di una radiografia. L’intervento corretto è lavorare quanto possibile posteriormente per ridurre l’altezza dei talloni , senza entrare nella suola! , riducendo così la pendenza ed il carico imposto sulla suola dalla punta della terza falange; evitando così la penetrazione; il lavoro per la collocazione del breakover alla punta completa il pareggio)

Questa situazione dovrebbe essere immediatamente evidente ad un occhio addestrato, ma l’ho vista troppe centinaia di volte per poterle contare. Perchè passa inosservata così spesso? La radiografia a destra è stata ripresa  sei mesi dopo. Ho semplicemente lasciato che il cavallo ricostruisse un’adeguato spessore della suola sotto P3 e  facesse crescere una muraglia ben connessa ,mantenendo i talloni ad un’altezza di 1/16 di pollice [circa 1,5 mm] sopra il livello della suola. Questo ha ridato al cavallo il 100% della sua “soundness” e della sua utilizzabilità e ha fatto sparire gran parte delle calcificazioni… In sei mesi.
Trovo molto difficile non puntare il dito contro il precedente maniscalco in un caso come questo. Verrei probabilmente accusato di concorrenza sleale e passerei la mia vita come accusato nei tribunali o picchiato da un maniscalco inferocito, e così schivo abilmente le domande dei proprietari riguardanti le vere cause di questi problemi per mantenere la pace. Mi rendo la vita più facile, ma probabilmente andrò all’inferno per questa insincerità.
Mentre i pareggiatori barefoot non sono così tanto colpevoli di questo maltrattamento della suola in corrispondenza della punta, tuttavia molti hanno la grave colpa di non comprendere lo stesso problema in corrispondenza della parte posteriore del piede. Come il triangolare alla punta, anche le strutture vive nella parte posteriore del piede possono spostarsi verso il basso rispetto alla corona. Molti pareggiatori tentano di pareggiare i talloni e le barre adeguandoli ai parametri del cavallo selvaggio troppo rapidamente, e assottigliano la suola in corrispondenza della parte posteriore del piede.

(non si fa! il tallone può essere abbassato e la pendenza ridotta se la parete sporge dal piano della suola all’angolo di inflessione e solo in questo caso)

Il risultato sono la dolorabilità, le contusioni della suola e infine gli ascessi. La suola è progettata per sostenere il peso del cavallo, ma deve avere il suo spessore naturale e la giusta densità.

+-=)

Nelle foto sopra, quelle a sinistra (in alto) si riferiscono al primo pareggio dopo la sferratura, quelle a destra (in basso) a uno dei pareggi successivi, dopo quattro mesi. La suola ha potuto sviluppare questo spessore e questa concavità perchè è stata lasciata completamente intatta durante questo periodo. Stavo trattando il cavallo per muraglie molto sottili e separazione della linea bianca. Notate che al primo pareggio la lacuna  collaterale alla punta del fettone aveva una profondità di solo 1/8 di pollice [2 mm] circa, e la suola davanti al fettone era piatta. Da questo dovrebbe essere chiaro che la suola sotto P3 era molto sottile. Quattro mesi dopo, la suola ha guadagnato in spessore,  la profondità della concavità alla punta del fettone ha raggiunto il 1/2 pollice [12 mm] e la concavità ottenuta rispecchia la forma dell’osso sottostate. La muraglia separata è cresciuta via, ad eccezione di una piccola parte in corrispondenza della punta.
Ora osservate i talloni e le barre. All’inizio della mia carriera, avrei giudicato queste barre come “layed over”  (appoggiate sulla suola) e avrei pareggiato insieme suola e barre per raddrizzarle. Oggi, invece, vedo l’area piatta nella parte posteriore del piede come in indizio che la suola è troppo sottile. Le barre non sono layed over, semplicemente sono accorciate a causa dell’insufficiente spessore della suola. Nei quattro mesi successivi, ho semplicemente lasciato che la suola crescesse, tenendo le barre e la muraglia dei talloni all’altezza della suola. Quando la suola raggiunge uno spessore normale, le barre seguono la concavità naturale che si forma e si raddrizzano da sè.
Quando avevo l’abitudine di creare questa concavità tagliando nella suola, piuttosto di permettere che guadagnasse in spessore, i miei cavalli camminavano peggio e le loro suole erano molto più piatte. Avevo comunque successo con la riabilitazione dello zoccolo e con le prestazioni del cavallo? certo, l’avevo, ma a quel tempo non immaginavo quanto le cose sarebbero potute andare meglio. Adesso, col senno di poi, è facile capirne il motivo.
Sia quando è un maniscalco ad assottigliare la suola alla punta, che quando è un pareggiatore barefoot ad assottigliarla nella parte posteriore del  piede, il risultato è la dolorabilità e la possibilità di contusioni del corion vivo. Queste contusioni sono spesso causa di ascessi sotto la suola. Chi cura gli zoccoli dovrebbe realizzare che la sensibilità della suola e le sobbattiture nei cavalli con uno spessore della suola adeguato, sono rari all’incirca come i cavalli bianchi che non hanno piacere di rotolarsi nel fango. Usando le lacune collaterali come guida, state lontano dai guai.

asino

Le stesse conoscenze operative riguardo le lacune collaterali vi dicono anche quando è il momento di affrontare la suola in modo molto aggressivo. Le lacune collaterali dello zoccolo di questo asino è profonda circa 1 1/2 pollici [36 mm]. Possiamo creare una “scodella naturale” di concavità naturale con grande sicurezza, eliminando con molta energia questo eccesso. In questo caso, sto tenendo le tenaglie a una distanza di circa 3/4 di pollice dalle lacune collaterali tutt’intorno allo zoccolo. Dopo questo pareggio massivo, eseguito in un solo tempo, dovreste aspettare che emerga la forma naturale della callosità di quello specifico individuo, piuttosto di confidare nell'”intuizione da esperto” con cui avete iniziato. Le lacune collaterali nella parte posteriore di questo piede vi mostrano che le strutture sensibili sono mirate verso il basso, e pareggiare questi talloni in base a parametri  derivati dal modello del cavallo selvaggio  vi porterebbe a rendere le lacune troppo poco profonde e addirittura a ferire le cartilagini collaterali, in questo caso  specifico. La suola posteriore di questo piede dev’essere conservata per spingere in alto  le strutture interne.

epoi

Le fotografie qui sopra mostrano le informazioni che le lacune collaterali possono offrire. La foto a sinistra è scattata prima del pareggio iniziale. Al cavallo era stata diagnosticata malattia navicolare e rotazione del triangolare di oltre 20 gradi. La foto a destra mostra lo stesso zoccolo otto mesi dopo, e prima di un pareggio di mantenimento eseguito ogni sei settimane; uno zoccolo valido e pronto al lavoro. La suola, durante tutto questo periodo, non è mai stata pareggiata.
Le lacune collaterali, al primo pareggio, erano profonde 1/16 di pollice [2 mm] alla punta del fettone, e un pollice [25 mm]  nella parte posteriore del piede. L’ampia distanza fra la lacuna collaterale e la corona, nella parte posteriore del piede, dimostra che le strutture interne sono migrate verso il basso e che questi talloni non possono essere significativamente accorciati senza assottigliare la suola e privare lo zoccolo di una protezione necessaria.
All’apice del fettone, le lacune basse e l’area di suola piatta ci mostrano che il triangolare è molto vicino alla superficie sottostante. Infatti potete vedere chiaramente delle impronte sulla suola, e potete vedere che la suola non sostenuta e la muraglia sono stirate verso l’avanti. Usando questa informazione e prendendo in considerazione il grave allungamento dello zoccolo, possiamo essere certi che il triangolare e le cartilagini laterali sono migrate verso il basso all’interno della capsula. Se pareggiassimo lo zoccolo secondo “parametri naturali”, finiremmo per raggiungere il triangolare con il nostro pareggio; raspare l’osso triangolare non è bello! :-).

Piuttosto, io mi sono limitato a pareggiare la muraglia e le barre ad una distanza di 1/16 di pollice [2 mm] dalla suola buona e ho alleviato la pressione sulla muraglia separata in corrispondenza della punta. Dopo otto mesi, la punta del fettone è ospitata da una bella concavità della suola, che misura di 5/8 di pollice [16 mm]. Nella parte posteriore del piede le lacune collaterali hanno una profondità di 7/8 di pollice [21 mm] (semplicemente continuando a mantenere la muraglia del tallone a 1/16 di pollice [2 mm] dal piano della suola buona). In ogni punto dello zoccolo, c’è uno spessore della suola adeguato.
Inoltre, questa suola callosa ha guidato le strutture interne molto più in alto; con il risultato di accorciare il piede in modo drammatico. La muraglia della punta è molto più corta, e le lacune collaterali nella parte posteriore del piede si sono avvicinate molto alla linea del pelo. In altre parole, la corona e il resto della capsula dello zoccolo sono migrate di oltre un pollice in basso lungo lo scheletro, in una posizione più naturale. I risultati sono una punta e dei talloni naturalmente corti, con una concavità e un spessore della suola adeguate nell’intera superficie inferiore dello zoccolo. Sono stati la comodità, il movimento adeguato e la crescita di una muraglia ben connessa a accorciare in questo modo lo zoccolo; non il coltello o la raspa.
Disponiamo di troppi metodi e misurazioni da applicare allo zoccolo per poterli contare. Questo che vi propongo può sembrare semplicemente un altro elemento di una lista già molto lunga. Vi assicuro, comunque, che niente è importante  per la soundness e la normale funzione dello zoccolo come il normale spessore della suola. Se avete dei dubbi, provate a raspare via un po’ di materiale corneo da un vostro piede; appena un pochino, ogni quattro settimane, basterà. Studiate lo zoccolo selvaggio e fissate nella vostra mente l’immagine della forma della suola,e soprattuto l’altezza delle lacune collaterali dal suolo. Lo zoccolo selvaggio qui sotto ha un filo di ferro adagiato sul fondo della lacuna collaterale per aiutarvi a visualizzarla nella radiografia.

finefine!!

Se vi accerterete che le lacune collaterali del vostro cavallo siano ad una altezza naturale dal suolo, resterete stupiti dalla loro soundness e dalla vostra abilità di risolvere e di prevenire i problemi dello zoccolo. La natura è stata così generosa da dare al cavallo una guida così fedele, per guidarci nella nostra attività. Come al solito, dobbiamo solo imparare a utilizzarla.

 

 

 

 

 

 

Club Foot – Pete Ramey, 2004

Club Foot – Pete Ramey 11-1-04

copyright 01-08-06

 

A “club footed” horse is defined by most people as a horse with one hoof that grows more upright than the one on the other side. Normally we’re talking about the front pair of hooves. Most farriers have treated it as a hoof problem and worked to make the pair of hooves match each other, but it is my opinion that this is a backwards way of looking at the problem.
When a problem above the hoof limits the range of motion of the foreleg, the hoof responds by becoming more upright. This is the horse’s attempt to find some measure of balance in an unbalanced situation. This does not take all of the responsibility from the farrier. If left unchecked, this pattern will become more severe over time. Each hoof needs to be treated as an individual and trimmed for uniform sole thickness and to grow out any wall flaring. Meanwhile, we should try to identify and heal the true problem while understanding that the deformation of the hoof is only a symptom of that true problem.
I’ll lay out some of the problems that can lead a horse’s hoof to become pathologically upright, and some treatment options. In every case, the best a farrier can do from a trimming standpoint is support healing by trusting what the horse is trying to do and maintaining heel height at the live sole plane on each individual hoof and allowing the sole to build under the tip of P3 to normal thickness.

Suprascapular Nerve Damage
From my observations in the field, this is the most common. Square up the horse while someone holds the mane out of the way so that the withers and the shoulders can be viewed from behind. You may have to stand on a bucket or something to get this view. If the shoulder on the side of the club foot falls away from the withers more steeply or is smaller, nerve damage is probably your culprit.
There are two muscles that run along the outside of the scapula (supraspinatus and infraspinatus). Their primary job is actually that of a ligament; to hold the scapula against the body. The reason they are muscle, rather than ligament is for increased flexibility. These muscles are innervated by a motor nerve (suprascapular). If this nerve is damaged the muscles cannot contract as well.
The nerve is usually damaged during a one time event. The foreleg is extended and under power, and suddenly looses traction and slips backward. When this happens, the lack of nerve stimuli allows the muscle to contract and become a more tendonous type of material. Fortunately, the shrinkage of the muscles and their replacement by connective tissue forms “functional” ligaments (Dr. James R. Rooney) which continue to do the job of holding the scapula in place, but with a limited range of motion.
In severe cases, this is commonly called “sweeny”, but I see it very commonly to very slight degrees. The hoof adapts to the reduced extension of the foreleg by becoming more upright. Most people only notice the horse’s resistance to turn in that direction, pick up that lead or perhaps that their saddle is always shifting to that side.
From a medical standpoint, the nerve damage is irreversible, but I have seen massage therapy and daily stretching significantly help the situation. Anything that increases mobility of the limb (massage, stretching, exercise) will in turn “normalize” the hoof. I have heard one veterinarian and one massage therapist who use electric therapy to stimulate muscles claim they can cause nerves to “jump” into the muscles, reversing the problem. I have yet to see it with my own eyes, though, so if anyone out there has documentation of this, I would love to see it.
Tendon Contracture
Tendon contracture is a misnomer. Tendons do not contract beyond their rest length. The muscles that work the flexor tendons can and do contract for many reasons. An overfed foal can “outgrow” the muscles and tendons. A stall bound horse can have simple muscle contraction due to a lack of movement. Any injury that causes reduced use or movement of a limb can result in muscle contraction. The list goes on. Either way, if this is suspected, a competent vet and farrier need to have their heads together and be on the job. Again, exercise, routine stretching and massage therapy may be the best cure and routine hoof care throughout the horse’s life and plenty of exercise are the best preventatives.
Voluntary Pain Contracture
Very often, pathologically upright hooves are caused by a horse moving to avoid pain. The result of this will often be increased musculature on the “club” side. Any of the problems in the back of the foot discussed in my “Navicular” article (www.hoofrehab.com) or many other injuries, advanced thrush or improper trimming can cause a horse to continually land toe first on one or more hooves. The heels react by “reaching” for the ground and becoming more upright. Again, identify the real problem and work to correct it while simply trusting the live sole plane on each individual hoof while trimming. The heels will almost lower themselves as you fix the real problem.
Pastern Injury
Another thing to check for is pastern joint mobility. If a joint is “over flexed” (a horse stepping in a hole, etc.) the articular cartilages that surround the bones can be damaged. As the body attempts to repair this damage, new bone can form and the result over time is a “seized” or partially seized joint. Again, this limited range of motion can cause the hoof to adapt to a steeper form that supports the horse as well as possible. Hacking down the heels in this case can only add pain and more damage.

This one is probably the worst news on the list. Consult a vet to see if anything can be done for the horse. More that likely, the horse’s working days are over, although pasture soundness and light work may still be an option for the horse.
Heredity
Some horses are just born with upright conformation. The best thing to do is not to breed them and create more. A horse with an upright conformation on one or more hooves can live over 40 years without having a lame day, but this is unlikely. A pathologically upright limb is more susceptible to almost every locomotion problem you have ever heard of. None of the shock absorbing features of the horse work as well, and none of the mechanics of the hoof itself are set up correctly. Is a horse going to die from an upright conformation? No; But arthritis, founder, navicular, problems, the list goes on, will always be more likely to occur down the road.
I should point out, though, that genetically upright horses are not as common as most people think. The tradition of thinking it’s okay to neglect foal hooves is very often the true culprit. The foal can quickly develop high heels, particularly if it lives in soft terrain, and if left unchecked, the joints, ligaments and tendons will form this way permanently. Hooves should be routinely maintained by a competent professional from the very beginning. It will pay big divedends down the road.
The same goes for the development of club feet in foals often blamed on grazing stance. A foal will often get in the habit of grazing with a particular limb forward, while the other one is held back. This causes the hoof that is most commonly in the “back” position to become more upright, while the hoof that is usually in the forward position tries to “run away” and flare forward at a lower angle. Again, just because a horse tries to develop this hoof pattern does not mean we have to allow it to permanently effect the hooves and limbs.
Routine, balanced trimming will keep the hooves and the whole horse in balance.
Rider Imbalance
Many riders tend to load one stirrup more than the other. This can cause imbalanced movement in the horse, which can cause one foot to grow steeper than the other. If a horse is turned out 24/7 and gets ridden a few hours a month, this will have little or no effect on the feet. If, however, most of the horse’s exercise happens under saddle, the effects on the feet can be very dramatic. Since most people are right handed, this type of problem is most common on the front right foot, with secondary problems on the left hind diagonal.
To fix this one, you simply need to train yourself. You should immediately suspect this if you have more than one horse with the same problem.
Remember the scapula must travel back underneath the saddle for the horse to extend the leg forward. Something as simple as a loose nail in a saddle or a saddle that is so tight it restricts this movement can cause these problems.
Tack up your horse and slide your and between the shoulder and the saddle pad. Have someone lead your horse forward as you walk along beside it. If the shoulder blade causes pain or hard pressure to your hand, you can bet it bothers your horse as well. Imagine a full day of that pressure.
Trimming Mistakes
Sometimes, for various reasons, people just think its okay to raise the heels on a horse. Don’t second guess the live sole. It is a window to the inner structures and will show you the heel height the individual horse needs at a given time. If someone has been simply leaving the heels too high, the sole will show you exactly what the horse needs. Simply exfoliate any dead sole and lower the heels until they are 1/16 inch longer than the live sole. (Please read “Heel Height: The deciding factor at www.hoofrehab.com for exceptions to this)
We all have differences in our trimming from one side to the other. We use the same hand to trim, all the way around the horse. These differences can cause changes in the movement; thus the growth patterns of the hoof. A trimmer that habitually leaves the front left heels 1/16 inch longer than the front right, or is a little better at addressing flare on one side, or always starts with the same foot and is tired by the time they get to the last foot, can create major differences between the feet over time. Pay close attention to patterns that show up on several horses in your care.
Overtrimming the live sole causes high heels as well. If a farrier or trimmer has been lowering the heels so far that live sole is cut, the body will respond by quickly growing the proper sole thickness back (and then some) to compensate for the wound the body perceives. The thinning of the sole also causes the lateral cartilages and thus the sole’s corium to move downward as well, effectively raising the heels from the inside. The “flip-side” of this is that if the live sole is left alone to callous, it will push the structures beneath upward, lowering the heel to the height that is right for the individual hoof and also concaving the sole and thus straightening the bars.
Most farriers exasperate the problem by trying to match the feet by allowing the club foot to flare. Most of the imbalances we have discussed will usually only cause a two or three degree difference between the pair of hooves. People tend to allow or even encourage the club foot to flare so that the overall hoof angle matches the “good side”. It looks better that way to most farriers and owners.
When you bring breakover forward (relative to P3) it generally shortens stride. A shorter stride causes a hoof to grow more upright. The farrier then lets the hoof flare even more………… The vicious cycle continues. Eventually, P3 and the upper band of new hoof growth are almost vertical, when all the horse wanted was a few degrees difference between the feet.
Now I’ve seen otherwise very competent trimmers who are horrified to try to grow out flare on a foot this steep. “The new hoof would be vertical!” The truth is, as you start to grow out the toe flare, breakover is moved back; lengthening stride. The hoof responds by becoming less upright. By the time you get the flare grown out, often the feet look almost perfectly matched. I have dozens of clients who think I fixed their club foot, when all I did was allow the feet to have the two degree difference they “wanted” to begin with.

At the setup trim I found lameness on the left side and comfort in the right club foot. The left heels were being allowed to grow unchecked and wedged. The sole at the toe was severely thinned in an attempt to make the angles match. most of the front left pain was caused by the crushing of the long under run heels.

foto

The second set of photos was taken one year later. The horse is very sound on both feet. Did I fix anything? Not really; I just accepted the angle differences this horse needs and didn’t go to war them.
Although the veterinarian and a skilled massage therapist have been unable to pinpoint the source of the imbalance, we know it’s there, somewhere. Fortunately if we just listen to the adaptive capabilities of the hooves, the horse can form exactly what it needs to compensate.
Trust that sole and don’t allow the walls to flare! The result again, was another barefoot horse outperforming its former shod self.

Any club foot that has been around a while will have a sensitive, unused, underdeveloped frog/digital cushion. You can fix everything else and still have the back of the foot too sensitive for the horse to land on, which will cause the shortened stride and resulting club foot on its own; another vicious cycle. Using foam hoof boot inserts and pea gravel loafing pens to develop the digital cushion and callus the frog will break this cycle like nothing else.

The bottom line to all of this is that you can’t force a hoof to make a horse sound. Almost always, I am called to club foot cases when the horse goes lame on the normal side. This is usually caused by people trying to force the hooves to match each other. This thinking often leads a farrier to cut the sole out from under P3 at the toe and allow the heels to grow unchecked on the normal foot. Two wrongs don’t make a right. Treat the hooves as individuals, figure out the true cause of the club foot and see if you can help the true problem. As you fix or partially relieve the problem, the sole at the back of the upright hoof will turn into chalky material, indicating that the body is ready for you to lower the heels. Meanwhile, the horse will be more comfortable and move in the most balanced way possible to support daily life and healing.

 

 

CLUB FOOT – Pete Ramey     1.11.04

Rivisto il 8.01.06
Copyright 2006

traduzione Alex Brollo, corsivo Franco Belmonte AHA
Generalmente si definisce   “club footed” (lett. “piede a mazza”; incastellato) un cavallo in cui uno zoccolo cresce più verticale di quella dall’altro lato. In genere si parla degli anteriori. La gran parte dei maniscalchi lo trattano come un problema dello zoccolo e si sforzano di rendere gli zoccoli dei due lati simili fra di loro, ma per me si tratta di un punto di vista che inverte i termini della questione.

Quando un problema al di sopra dello zoccolo limita il movimento dell’anteriore, lo zoccolo risponde diventando più verticale. Si tratta di un tentativo del cavallo di trovare un certo grado di bilanciamento in una situazione sbilanciata. Questo non solleva del tutto il maniscalco da ogni responsabilità. Se non corretto, il problema tende a peggiorare con il tempo. Ogni zoccolo ha bisogno di essere curato come un’entità individuale, e pareggiato per ottenere uno spessore uniforme della suola (non intendete questa frase come un invito ad intagliare in qualche modo la suola) e per eliminare ogni slargamento. nel frattempo, dobbiamo cercare di individuare e risolvere il vero problema, avendo capito che la deformazione dello zoccolo è solo un sintomo di quel problema.

Vi indicherò alcuni problemi che possono provocare una verticalizzazione patologica di uno zoccolo, e qualche alternativa di trattamento. In ogni caso, il meglio che un maniscalco può fare, dal punto di vista del pareggio, è di aiutare il processo di guarigione, dando fiducia alla reazione del cavallo, tentando di mantenere i talloni all’altezza della suola buona e permettendo alla suola sotto la punta del triangolare di riacquistare uno spessore normale. (una suola più sana e spessa alla punta riduce la pendenza dello zoccolo)

Danno al nervo soprascapolare
In base alla mia esperienza sul campo, è questa la condizione più comune. Piazzate il cavallo mentre qualcuno solleva la criniera in modo che il garrese e le spalle siano visibili da dietro. Potreste dover salire su uno sgabello o qualcosa di simile per assumere una buona posizione di osservazione. Se la spalla sul lato del club foot cade dal garrese più verticalmente o è più piccola, il colpevole è probabilmente il danno al nervo soprascapolare.

Ci sono due muscoli che corrono sulla superficie esterna della scapola, il sopraspinoso e il sottospinoso. Il loro compito principale è in effetti quello di un legamento; sorreggono la scapola sul corpo. Sono muscoli, invece che legamenti, per ottenere una maggiore flessibilità. Questi muscoli sono innervati da un nervo motore (il soprascapolare). Se questo nervo è danneggiato, i muscoli non possono contrarsi.

Il nervo viene generalmente danneggiato nel corso di un avvenimento specifico. L’anteriore viene esteso e, sotto sforzo, improvvisamente perde aderenza e scivola indietro. Quando questo succede, la successiva mancanza di stimoli nervosi fa sì che il muscolo si contragga (perde la sua capacità di contrazione e riduce la sua massa) e si trasformi un un materiale di tipo tendineo. Fortunatamente, la sostituzione del tessuto muscolare con tessuto connettivo lo trasforma in un “legamento funzionale” (dott. James R. Rooney) che continua a svolgere il compito di mantenere la scapola al suo posto, ma con un’ampiezza di movimento limitata.
Nei casi gravi, questa alterazione prende il nome di “sweeny”, ma io ne ho visti molti casi di grado lieve. Lo zoccolo si adatta alla ridotta (capacità di) estensione dell’anteriore diventando più verticale. La maggior parte dei cavalieri noterà solo una resistenza del cavallo a girare in quella direzione, o che la loro sella tende a pendere da quel lato.

Da un punto di vista medico, il danno nervoso è irreversibile, ma ho constatato che i massaggi migliorano sensibilmente il quadro. Qualsiasi cosa sia in grado di migliorare la mobilità della gamba (massaggi, stretching, esercizi) tenderà a normalizzare lo zoccolo. Ho sentito, da un veterinario e da un massoterapista che utilizzano stimoli elettrici per attivare i muscoli, che questo è in grado di rigenerare la connessione nervosa dei muscoli, risolvendo il problema. Io devo ancora vederlo con i miei occhi,  per cui se c’è qualcuno che ne ha documentazione, mi piacerebbe molto vederla.

Contrattura tendinea
Il termine “Contrattura tendinea” è inappropriato. I tendini non si contraggono rispetto alla loro lunghezza di riposo. Sono i muscoli che agiscono sui tendini flessori che possono farlo, e lo fanno per molte ragioni. Un puledro sovralimentato può ipertrofizzare muscoli e tendini. Un cavallo confinato può avere una contrazione muscolare da disuso. Qualsiasi trauma che causa una limitazione del movimento può provocare una contrazione muscolare. La lista potrebbe proseguire. In ogni caso, se ce n’è il sospetto, un veterinario competente e un maniscalco devono collaborare lavorando insieme sul problema. Anche in questo caso, l’esercizio e il massaggio sono la migliore cura; una buona gestione degli zoccoli e un intenso esercizio fisico costituiscono la migliore prevenzione.

Contrazione volontaria da dolore
Molto spesso, gli zoccoli verticalizzati sono la conseguenza del fatto che il cavallo si muove per evitare un dolore. Il risultato di questa situazione sarà spesso un aumento della muscolatura dal lato del piede incastellato. Qualsiasi dei problemi alla parte posteriore del piede, discussi nel mio articolo “Navicolite”, o altri traumi o anche un marciume in fase avanzata può causare un sistematico atterraggio di punta su uno o più zoccoli. I talloni reagiscono “raggiungendo” il suolo e diventano più lunghi. (perché non vengono consumati dall’attrito con il terreno). Ancora una volta, identificate le cause e lavorate per correggerlo, e nel frattempo semplicemente date fiducia al piano della suola buona su ognuno degli zoccoli, mentre pareggiate. I talloni si accorceranno quando avrete risolto il problema di base.
Traumi al pastorale
Un’altra cosa da verificare è la mobilità articolare del pastorale. Se un’articolazione  è  stata sforzata per iper flessione (per caduta del cavallo in una buca, ecc), le cartilagini articolari che circondano le ossa potrebbero essere state danneggiate. Durante il tentativo del corpo di riparare il danno, può formarsi nuovo osso e il risultato può esser quello di un’articolazione completamente, o parzialmente, bloccata. Di nuovo, il range di movimento limitato può provocare un adattamento dello zoccolo in modo da fornire al cavallo il migliore supporto possibile. In questo caso, accorciare brutalmente il tallone aggiungerebbe soltanto dolore e danni ulteriori.
Questa è probabilmente la situazione peggiore della lista. Consultate un veterinario per verificare se si può fare qualcosa per il cavallo. Probabilmente, il periodo di attività del cavallo è finito, anche potrà stare bene al pascolo o con un lavoro leggero.
Ereditarietà
Alcuni cavalli nascono incastellati. La cosa migliore NON  metterli in riproduzione. Un cavallo incastellato può vivere più di 40 anni senza marcare un giorno, ma è improbabile. Un arto patologicamente verticale è più soggetto a quasi ogni tipo di problema locomotorio che avete sentito nominare.  Nessuno dei meccanismi di assorbimento degli urti lavora bene, e nessuno dei meccanismi funzionali all’interno dello zoccolo funziona normalmente. IL cavallo è destinato a morire per il fatto di essere incastellato? No; ma sarà molto più soggetto a artrosi, laminite, navicolite, e altro, durante la sua vita.
Devo comunque sottolineare che i cavalli incastellati per motivi genetici  non sono così comuni come la gente pensa. la tradizione di pensare che va bene trascurare gli zoccoli dei puledri è spesso il vero responsabile. Il puledro può rapidamente sviluppare talloni alti, soprattutto se vive su terreno morbido, e se non corretto le articolazioni, i legamenti e i tendini si sviluppano in questo modo in maniera definitiva. Gli zoccoli dovrebbero essere curati routinariamente da professionisti competenti fin dall’inizio. L’investimento pagherà alti dividendi con il trascorrere del tempo.
Lo stesso vale per lo sviluppo di un piede incastellato nei puledri spesso attribuito a una postura nel brucare. Spesso un puledro prende l’abitudine si brucare con un particolare atto in avanti, mentre l’altro è tenuto dietro. Da questo deriva che il piede che è più spesso nella posizione arretrata tende ad essere più verticale, mentre il piede che in genere è in avanti rende a “sfuggire” e a slargarsi verso l’avanti con un angolo più basso. Di nuovo, il semplice fatto che un cavallo tenta di sviluppare questa alterazione non significa che dobbiamo permettergli di alterare permanentemente gli zoccoli e gli arti.
Un pareggio routinario e bilanciato manterrà in equilibrio gli zoccoli e l’intero cavallo.
Squilibrio del cavaliere
Molti cavalieri tendono a caricare una staffa più dell’altra. Questo causa un movimento sbilanciato del cavallo, che provoca una crescita più inclinata di un piede rispetto all’altro. Se un cavallo è lasciato all’aperto sempre, e poi viene cavalcato qualche ora al mese, questo ha un effetto scarso o nullo sui suoi piedi. Se, invece, la gran parte del movimento del cavallo avviene quando è montato, l’effetto sul piede può essere drammatico. Poichè le persone in genere sono destrimani, questo tipo di problema è più comune sull’anteriore destro, con problemi secondari sul posteriore diagonali sinistro.
Per risolvere questo problema, dovete semplicemente lavorare su voi stessi. Dovete immediatamente sospettare l’esistenza di questo problema se avete più di un cavallo con un’alterazione simile.
Ricordate che la scapola deve muoversi all’indietro sotto la sella per permettere al cavallo di avanzare l’arto in avanti. Qualcosa di banale come un chiodo allentato o una sella così stretta da limitare questo movimento può causare questi problemi.
Sellate il vostro cavallo e infilate la vostra mano fra la spalla e il sottosella. Fate condurre il vostro cavallo in avanti mentre voi gli camminate a fianco. Se la spalla provoca dolore o una forte pressione sulla vostra mano, potete giurare che dà fastidio anche al vostro cavallo. Immaginate l’effetto di un’intera giornata con questa pressione.
Errori di pareggio
Talora, per varie ragioni, la gente immagina che sia bene sollevare i talloni di un cavallo.

(è il caso dei cavalli laminitici nei quali il maniscalco da supporto al fettone aumentando la pendenza dello zoccolo nel tentativo di ridurre la supposta trazione esercitata dal tendine flessore sulla terza falange. Trazione ritenuta a torto nella maggior parte dei casi  responsabile della rotazione della terza falange in senso orario all’interno della capsula cornea. La realtà è che la capsula ruota in senso opposto sottoposta alle forze di reazione del terreno alla forza peso del cavallo…..)

Non trascurate la suola buona. È una vera finestra sulle strutture interne e vi mostrerà l’altezza dei talloni di cui un cavallo ha bisogno in quel preciso momento. Se qualcuno ha semplicemente lasciato i talloni troppo alti, la suola vi mostrerà esattamente quello di cui ha bisogno il cavallo. Semplicemente grattate via ogni traccia di suola friabile e abbassate i talloni finché sono 1/16 (1.5 mm) più alti della suola buona (Per favore, leggete “Altezza dei talloni: il fattore decisivo” per le eccezioni a questa regola).
Noi tutti pareggiamo differentemente da un lato e dall’altro. Usiamo la stessa mano per pareggiare, lavorando su tutti i lati del cavallo. Queste differenze possono causare un’alterazione del movimento; e quindi dei pattern di crescita degli zoccoli. Un pareggiatore che per abitudine lascia i talloni dell’anteriore sinistro 1/16 di pollice più lunghi di quelli del sinistro, o che elimina più accuratamente gli slargamenti da un lato rispetto all’altro, o che comincia sempre dallo stesso piede ed è stanco al momento in cui arriva all’ultimo piede, può creare importanti differenze fra i piedi con il passare del tempo. Ponete molta attenzione ai problemi che si verificano  su parecchi cavalli fra quelli di cui vi curate.
Un eccessivo pareggio all’interno della suola buona può anch’essa causare talloni alti. Se un maniscalco o un pareggiatore abbassano i talloni al punto di tagliare la suola buona, il corpo risponderà facendo ricrescere rapidamente uno spessore di suola adeguato (e qualcosa di più) per compensare la ferita che avverte. L’assottigliamento della suola buona provoca anche un movimento delle cartilagini laterali e quindi del corion della suola verso il basso, allungando i talloni dall’interno. L’opposto di questo è che se alla suola è permesso di incallirsi,(irrobustirsi e aumentare di spessore) spingerà le strutture interne verso l’alto, abbassando i talloni all’altezza appropriata per quel particolare zoccolo e anche rendendo concava la suola e raddrizzando le barre.

La maggior parte dei maniscalchi peggiorano il problema tentando di uniformare gli zoccoli permettendo alla punta di slargarsi. Molti degli sbilanciamenti che abbiamo discusso in genere causano una differenza di soli due o tre gradi fra gli zoccoli corrispondenti. La gente tende a permettere o perfino a incoraggiare il piede incastellato a slargarsi in punta in modo che l’angolo complessivo del piede corrisponda a quello del “lato buono”. Alla maggior parte dei maniscalchi e dei proprietari sembra che abbia un aspetto migliore.

Quando portate il breakover in avanti, rispetto al P3, in genere il passo si accorcia. Un passo più corto provoca una crescita più verticale dello zoccolo. Allora il maniscalco lascia slargare lo zoccolo ancora di più… il circolo vizioso continua. Alla fine, P3 e la parte più alta della nuova crescita sono quasi verticali, mentre tutto quello di cui il cavallo aveva bisogno erano pochi gradi di differenza fra i due piedi.

Ora, ho visto pareggiatori per altri aspetti molto competenti che sono terrificati dal tentativo di eliminare lo slargamento da un piede di questa pendenza. “La nuova crescita sarà verticale!”. La verità è che appena cominciate a eliminare lo slargamento, il breakover arretra; la lunghezza del passo aumenta. Lo zoccolo risponde diventando meno verticale. Nel momento in cui lo slargamento è eliminato, spesso i piedi sembrano quasi perfettamente simmetrici. Ho dozzine di clienti che pensano che io abbia guarito i loro piedi incastellati. Mentre tutto quello che ho fatto è di permettere ai piedi di avere quella differenza di un paio di gradi che loro “vogliono”.

Al pareggio iniziale (foto sotto) ho riscontrato zoppia a sinistra e comodità a destra, nel piede incastellato. Ai talloni era stato permesso di crescere senza controllo e a cuneo. La suola alla punta era stata gravemente assottigliata nel tentativo di far corrispondere gli angoli dai due lati. Gran parte del dolore a sinistra era causato dalla compressione di lunghi talloni scivolati di sotto [underrun].

1 1bis

La seconda serie di fotografie (sotto ) è stata presa dopo un anno. Il cavallo è molto comodo su entrambi i piedi. Ho risolto qualcosa? a dire il vero no; ho solo accettato le differenze negli angoli di cui questo cavallo ha bisogno e non li ho combattuti.
Nonostante che un veterinario e un abile massoterapista siano stati incapaci di individuare esattamente la causa dello squilibrio, sappiamo che da qualche parte c’è. Fortunatamente se diamo ascolto alla capacità adattative degli zoccoli, il cavallo può modellarli esattamente nella forma adeguata richiesta per la compensazione.
Credete nella suola e non permettete alla muraglia di slargarsi! Di nuovo il risultato è stato un cavallo barefoot le cui prestazioni superano di gran lunga quelle di quando era ferrato.

2 2bis

Ogni piede incastellato da tempo avrà un fettone e un cuscinetto digitale sensibili, poco usati, e poco sviluppati. Potete correggere tutto il resto e avere ancora una parte posteriore del piede troppo sensibile per permettere al cavallo un atterraggio di tallone, cosa che accorcierà il passo e provocherà ancora incastellatura; un altro circolo vizioso. Usando scarpette con soletta e aree di riposo in giahia rotonda per far maturare il cuscinetto digitale e per rendere il fettone calloso romperà questo circolo vizioso come nient’altro potrebbe.
La conclusione di queste considerazioni è che non dovete forzare uno zoccolo per rendere dritto un cavallo (Jaime Jackson). Quasi sempre, sono chiamato nei casi di club foot quando un cavallo zoppica sul lato normale. In genere è la conseguenza dei tentativi di forzare gli zoccoli per renderli simili. Questa intenzione spesso porta un maniscalco a tagliare la suola sotto il triangolare in punta sul lato incastellato e a lasciar crescere i talloni sul lato normale. Due cose sbagliate non ne fanno una giusta. Trattate gli zoccoli come individualità, cercate di immaginare quale potrebbe essere la vera causa di un club foot e controllate se riuscite a risolvere il vero problema. Quando avrete risolto o ridotto il problema, la suola della parte posteriore del piede incastellato si trasformerà in materiale friabile, segnalandovi che il corpo del cavallo è pronto a lasciarvi abbassare il tallone. Nel frattempo, il cavallo starà più comodo e si muoverà nel modo più bilanciato possibile, percorrendo la strada della vita quotidiana e della guarigione.

 

 

 

Draft Horses – Pete Ramey

IS “BAREFOOT” AN OPTION FOR YOUR DRAFT HORSE?

By: Pete Ramey 1-10-06
It is so difficult to keep well connected hoof walls on draft horses, many owners and trainers have incorrectly decided draft horses are supposed to have flared, split hoof walls. The weight of a heavy draft is often more than the walls can take and the very finest shoers can really struggle to keep everything held together. On top of this, the expense of draft shoeing often causes owners to “stretch out” the shoeing schedule to save money. This makes the farrier’s job of keeping the hooves healthy almost impossible.

I “cut my teeth” on draft horses. I originally learned to shoe because I was running a rental string of trail horses in rugged mountain country. Of my 27 horses, 9 of them were Percherons and Belgians. I was spending all of my “would be” profit on horse shoeing, so I began an apprenticeship with a local farrier. The very first horse I ever shod was a 2,200 pound Percheron with #7 hooves.

Later in life I started studying Natural Hoof Care and immediately found the answers to most of the questions rattling around in my head about hoof pathology, soundness and gait problems. I wrote a book, “Making Natural Hoof Care Work” in 2000, and more recently my wife, Ivy, built a very informative website www.hoofrehab.com to try to deliver some of the important information we’ve learned since I wrote my book. These days I am an instructor for the American Association of Natural Hoof Care Practitioners and travel the world teaching hoof clinics to veterinarians, farriers and horse owners.

This heavy draft horse plows several gardens every year, works kids to a plow (at our local “farm days” fair), trail rides and pulls a wagon on the road. His hooves are always ready to handle whatever the owner dishes out. The pictures were taken before a six-week maintenance trim during peak work season.

It may come as a surprise to you, but throughout my career, I have very consistently found that Draft Horses tend to #1) Take to being barefoot easier than smaller breeds and #2 Benefit from it more than smaller breeds. Why?

Recent research from Michigan State University (Dr. Robert Bowker) confirms what many insightful farriers have suspected all along. The hoof walls were never intended to bear all the horse’s weight. The soles, frogs and bars are supposed to share in the load, with the primary initial impact force received by the frog. This is why draft hooves seem so easily ripped apart; most people are trying to force the walls into a role nature never intended. Wall flares, chips and splits are easily grown out when the wall is not forced to bear the horse alone.
The reason draft horses seem to easier to go “barefoot” than most breeds was discovered by more new research from Bowker’s team at MSU: When a foal is born, the foot hasn’t finished developing. The lateral cartilages, which form the foundation for the flexible back half of the foot are 1/16th inch thick and exist only on the sides of the hoof capsule. Miles and miles of twisting, flexing and expansion of the hoof capsule develops them so that by the time a horse reaches adult weight, they are almost an inch thick and also a solid “floor” of cartilage has formed beneath the frog.
The digital cushion is another structure that fills the heel bulbs and the space between the pastern bones and the frog. It is a very important nerve center in the foot that allows the horse to “feel” the terrain under him. When the foal is born, they aren’t fully developed, yet. They are “lumps of fat” that protect the nerves well enough for the weight of a foal. Miles and miles of frog stimulation cause fibrocartilage to gradually fill the digital cushion. By the time the horse reaches adult weight, the digital cushion should be a solid mass of fibrocartilage, offering enough protection for the nerves to withstand the impact force of an adult horse.
In domestication, we tend to provide for our horses’ every need. They don’t have to travel very much. We also tend to keep horses in soft terrain, which limits the hooves’ development. We tend to neglect foal hooves; allowing the frogs to be lifted off the ground by excess wall length. This means that most of our horses reach adult weight with “baby feet” that haven’t developed enough inside, to do their intended job. Many of our domestic horses reach adulthood with digital cushions that are still mostly comprised of fat and lateral cartilages that are 1/8 inch thick. The result is sensitivity and short-strided, stiff movement. This leaves us with two choices. We can cover it all up, robbing the horse of much of its natural ability to dissipate energy; or we can develop the natural structure within the feet. This is important. Most horsemen think “we’ve bred the feet off our horses”, when in fact we can usually make any hoof healthy when changes are made to the lifestyle and care. It’s easier to blame a horse for having bad feet; usually more accurate, though, to blame ourselves.

Front left foot of an 1800 lb. Percheron working every day as a guide horse for a trail riding outfit in rugged mountain teWe created the heavy draft horse through breeding. We didn’t manage to scale everything up proportionately, though. While overgrown walls can usually lift the soles and frogs off the ground in a light horse, they are rarely proportionately strong enough in a draft. Instead the walls flare, split and break away. Believe it or not, this actually works to the draft horse’s advantage. With the soles and frogs on the ground throughout life, it is rare to find a draft horse with inadequate, sensitive structures in the back of the foot. Because of this, we almost always can pull the shoes, start a competent natural trimming program and the horse will comfortably keep on working. (If not, we use hoof boots for work while we wait for the inner structures to develop. I usually use the Easyboot Epics; available up to size #7’s)

Sole and frog trimming should almost never be necessary. What is necessary is routine trimming of the walls, every four to six weeks. The walls and bars should be trimmed to 1/16th inch longer than the sole plane and then the walls should be dramatically beveled or “mustang rolled”.  During the first 2-3 trims, the flare should be removed in the lower 1/3 of the wall to match the upper 2/3 of newer growth. Watch for flaring between trims and trim before any additional flaring occurs. This way, the walls should be perfectly attached to the bones in one growth cycle.
Disconnected, flared walls cannot even help support the horse. If large flares are present, the horse is walking on the soles, anyway, so don’t worry about being aggressive with growing out the flares. The large mustang roll rarely adds more pressure to the soles when you really think about it and it gives you a chance to grow in walls that are actually attached to the coffin bone well enough to help support the horse. As you grow out the flared walls, the splits and chips will usually be gone forever as well.
The end results? Traction, performance and health.

The 17.3 hand Percheron above was working for a living on asphalt; pulling a carriage 25 hours a week in a hilly mountain tourist town. I was called to the horse because the hooves were severely split and broken. Rapid growth stimulated by work made growing out better walls quick and easy, and the drivers reported better traction and endurance than they had seen on any horse. The soft “thup-thup-thup” of his hooves left his joints and muscles fresh at the end of the day. The owner of the carriage company was so happy she built me a website and married me!

If you decide to try this, please do it sensibly. If your horse is currently in shoes and in work, order boots and have them available before you pull the shoes so you can safely continue work while you wait for callus and healthy structure to develop. It is best if your farrier has studied natural hoof care. There is very little similarity between trimming for a shoe and for performance barefootedness. You might check the locator list on www.aanhcp.org to see if there is a trained professional in your area. If so, you will be in good hands, but don’t tell them I sent you; draft horses are hard work! You need to watch out for the groups of barefoot trimmers that carve out the soles from the bottom of horse’s feet. Your horse would be better off neglected, so avoid these folks.

The barefoot vs. shod debate strikes emotion in many people. Really, though, I think it shouldn’t. Done correctly, the “worse case scenario” is that you will have a healthier foot to nail a shoe to. Every farrier text I’ve ever seen recommends long barefoot periods to” rest the feet from shoes” and heal the feet. We just allow this healing to continue throughout the horse’s life and provide boots when the horse asks for them. The result is improved traction and improved health of the feet. The flexible energy dissipation provides safety and comfort to the joints, muscles, ligaments and tendons of the whole body. If you’ve ever worked all day on concrete, you already understand a lot of it. That’s why workers stand on rubber mats in front of every machine in every plant in America. That’s why we have rubber tires on our cars instead of steel wheels. Lets consider providing the same thing for our beloved horses.
For more information and Pete’s current clinic schedule, please visit www.hoofrehab.com .

 

 

 

 

PUÒ ANDARE SCALZO IL VOSTRO CAVALLO DA TIRO?

Pete Ramey, 10.01.2006

traduzione Alex Brollo, corsivo Franco Belmonte AHA

 

Sui cavalli da tiro è così difficile mantenere delle muraglie ben connesse, che molti proprietari ed addestratori decidono che i cavalli da tiro sono destinati ad avere muraglie slargate e spezzate. Il peso di un cavallo da tiro è spesso più di quello che le muraglie possono sopportare e anche il più abile dei maniscalchi può veramente impazzire per tenere il tutto assieme. Inoltre, il costo della ferratura di un cavallo da tiro è così elevata che i proprietari spesso “stiracchiano” il programma di ferratura per risparmiare. Questo rende al maniscalco il compito di mantenere gli zoccoli sani pressoché impossibile. Io mi sono “fatto le ossa” con i cavalli da tiro. All’inizio, ho imparato la mascalcia perchè lavoravo con un gruppo di cavalli da escursione in una aspra regione montagnosa. Dei miei 27 cavalli, 9 erano dei Percheron e Belgi. Spendevo tutto il mio profitto teorico nella ferratura dei cavalli, e così ho fatto apprendistato presso un maniscalco locale. Il primo cavallo che io abbia mai ferrato era un Percheron da 2.200 libbre con zoccoli di misura 7. In seguito, ho cominciato a studiare la Natural Hoof Care e immediatamente ho scoperto la risposta alla maggior parte delle domande che mi ronzavano in testa riguardo alle alterazioni patologiche, alla soundness e ai problemi delle andature. Ho scritto un libro, “Making Natural Hoof Care Work”, e più recentemente mia moglie, Ivy, ha realizzato un sito ricco di informazioni , www.hoofrehab.com, per cercare di condividere alcune delle importanti informazioni che avevo imparato dopo la scrittura del libro. Attualmente sono istruttore della American Association of Natural Hoof Care Practitioners e viaggio il mondo tenendo corsi sullo zoccoli a veterinari, maniscalchi e proprietari.

df1

df 4Questo pesante cavallo da tiro ara molti giardini ogni anno, mostra l’aratura ai bambini (nella nostra “fattoria dei tempi andati”), fa escursioni e tira un carro sulla strada. I suoi zoccoli sono sempre pronti ad affrontare qualsiasi compito il proprietario sedideri. Le foto sono state scattate prima di un pareggio di mantenimento a sei settimane nella stagione di punta del lavoro.

df2 df3

Può sembrarvi sorprendente, ma durante la mia intera carriera ho visto con grade costanza che i cavalli da tiro tendono: 1) a restare scalzi co maggiore facilità delle razze più leggere; 2) a beneficiare maggiorente della sferratura rispetto alle razze più piccole. Perché? Recenti ricerche presso la Michigan State University (dott. Robert Bowker) confermano quello che molti acuti maniscalchi hanno sospettato da sempre. Le muraglie non sono mai state fatte per sopportare l’intero peso del cavallo. Le suole, i fettoni e le barre hanno il compito di condividere il carico, e il fettone ha lo scopo di sopportare il primo impatto del terreno. È per questo che i cavalli da tiro mostrano una tendenza così accentuata allo slargamento; la gran parte delle persone tentano di forzare un ruolo che la natura non ha mai attribuito alla muraglia. Slargamenti di muraglia, scheggiature e spaccature sono facilmente eliminate quando la muraglia non è costretta a sostenere da sola il peso del cavallo.

La ragione per cui i cavalli da tiro sembrano andare più facilmente scalzi delle altre razze è stata scoperta da ulteriori ricerche del team del dott. Bowker alla MSU. Quando un puledro  nasce, il piede non ha terminato il suo sviluppo. Le cartilagini laterali, che formano le fondamenta della parte posteriore flessibile del piede, sono spesse 1&16 di pollice ed esistono solo sui lati della capsula dello zoccolo. Miglia e miglia di torsioni, di piegamenti e di espansioni della capsula dello zoccolo le fanno sviluppare in odo che quando il cavallo raggiunge il peso adulto sono spesse quasi un pollice e si è formato anche un solido “pavimento” di cartilagine sotto il fettone.

Il cuscinetto digitale è un’altra struttura che riempie i glomi e lo spazio fra i pastorali e il fettone. È sede di un centro nervoso molto importante del piede e permette al cavallo di “sentire” il terreno sotto di sè. Quando il puledro nasce, non sono ancora completamente sviluppati. Sono un “grumo di grasso” sufficiente a proteggere le terminazioni nervose di un puledro. Miglia e miglia di stimolazione dei fettoni permettono lo sviluppo di fibrocartilagine che gradualmente riempie il cuscinetto digitale. Nel momento in cui il cavallo raggiunge il peso adulto, il cuscinetto digitale dovrebbe essere una massa solida di fibrocartilagine, che offre sufficiente protezione ai nervi per sopportare la forza di impatto di un cavallo adulto.

Allo stato domestico, tendiamo a soddisfare ogni necessità dei nostri cavalli. Non devono camminare molto per mangiare. Tendiamo anche a tenere i cavalli su terreni morbidi, cosa che limita lo sviluppo dei piedi. Tendiamo a trascurare gli zoccoli dei puledri, permettendo che i talloni restino sollevati dal suolo per eccesso di lunghezza della muraglia. Questo significa che la maggior parte dei nostri cavalli raggiungono l’età adulta con dei “pedi da puledro” che all’interno non si sono abbastanza sviluppati da fare il loro lavoro. Molti dei nostri cavalli domestici raggiungono l’età adulta con cuscinetti digitali fatti prevalentemente da grasso e con cartilagini laterali dello spessore di 1/8 di pollice. Il risultato è un’eccessiva sensibilità e movimenti poco ampi, rigidi. Questo di lascia due possibilità. Possiamo mascherare il tutto, privando il cavallo di gran parte della sua capacità naturale di dissipare l’energia; o possiamo fare in modo di sviluppare all’interno del piede una struttura normale. Questa è una cosa importante. La maggior parte delle persone di cavalli pensano “abbiamo selezionato razze con cattivi piedi”, quando invece possiamo di regola rendere sano qualsiasi piede con cambiamenti nello stile di vita e apposite cure. È facile dare al cavallo la colpa di avere un piede cattivo; sarebbe tuttavia più esatto incolpare noi stessi.

Abbiamo creato i cavalli da tiro con la selezione. Tuttavia non siamo riusciti a ingrandire proporzionalmente tutto. Mentre delle muraglie cresciute eccessivamente possono tener sollevato dal terreno il fettone e le suole di un cavallo leggero, di rado sono proporzionalmente più forti in un cavallo da tiro. Invece, le muraglie si slargano, si fessurano e vanno via a pezzi. Ci crediate o no, il risultato è a vantaggio del cavallo da tiro. Con suole e fettoni a terra per tutta la vita, è raro trovare un cavallo da tiro con strutture poco sviluppate, inadeguate nella parte posteriore del piede. Per questo, quasi sempre possiamo togliere i ferri, iniziare un buon programma si pareggio e mantenere il cavallo  al lavoro senza fastidio (In caso contrario, usiamo scarpette per lavorare intanto che aspettiamo che le strutture interne si sviluppino. In genere uso le Easyboot Epic; sono disponibili fino alla misura #7).

Il pareggio della suola e del fettone sono raramente necessari. Quello che serve è un pareggio regolare della muraglia, ogni sei settimane. La muraglia è pareggiata circa 1/16 più lunga del piano della suola e poi va arrotondata con un robustissimo “mustang roll”.

(Poi rielaborato da Pete in bevel e mustang roll. Leggete gli articoli della serie il pareggio in pratica e studio di zoccoli per una maggiore comprensione della differenza ed evoluzione di tecnica e pensiero. luglio 2016).

Durante i primi 2-3 pareggi, devono essere eliminati gli slargamenti dal terzo inferiore della muraglia, per corrispondere all’angolo di crescita dei 2/3 superiori. State attenti agli slargamenti fra pareggio e pareggio e pareggiate prima che si verifichi qualsiasi ulteriore slargamento. Così, la muraglia risulterà perfettamente aderente all’osso triangolare in un solo ciclo di crescita.

(Sul “lavoro da sopra” e “da sotto” trovate ancora delucidazioni negli articoli di cui sopra. Non è detto che si debba lavorare “da sopra” luglio 2016).

Una muraglia disconnessa e slargata non forisce alcun aiuto per sostenere il peso del cavallo. Se sono presenti grandi slargmenti, il cavallo cammina già sulle suole, e quindi non preoccupatevi di essere aggressivi nell’eliminare gli slargamenti. Il grande mustang roll (ora bevel) raramente aggiunge ulteriore pressione sulla suola, se ci pensate veramente, (su terreni opportunamente penetrabili) e vi dà un’opportunità di far crescere delle muraglie abbastanza connesse al triangolare da fornire un aiuto per il sostegno del peso del cavallo. Appena eliminate la muraglia slargata, le setole e le scheggiature in genere scompariranno per sempre. Il risultato? Trazione, prestazioni e salute.

df3 df6

Il Percheron qui sopra lavorava per mantenersi sull’asfalto, tirando un carro per 25 ore alla settimana in una cittadina turistica montana. Sono stato chiamato a curarmi del cavallo perchè i suoi zoccoli erano seriamente fessurati e spezzati. La rapida crescita stimolata dal lavoro ha fatto crescere una muraglia migliore velocemente e facilmente, e i conduttori hanno riferito una trazione e una resistenza migliore di quella che avevano mai visto su altri cavalli. Il soffice “thup-thup-thup” dei suoi zoccoli lasciava articolazioni e muscoli freschi alla fine della giornata. La proprietaria della ditta era così felice che mi ha costruito un sito web e mi ha sposato. 🙂

Se decidete di provarlo, per favore fatelo con ragionevolezza. Se l vostro cavallo al momento è ferrato e sta lavorando, ordinate le scarpette e abbiatele a disposizione prima di sferrare il cavallo, per poter lavorate tranquillamente mentre aspettate che si costruiscano la callosità della suola e una struttura sana. È meglio che il vostro maniscalco abbia studiato il pareggio barefoot. C’è una scarsissima analogia fra il pareggio per ferrare e il pareggio per un cavallo scalzo da lavoro. Potete verificare l’elenco dei pareggiatori disponibili sulla lista del sito www.aanhcp.org  (allora Pete Ramey era con Jackson nella aanhcp. In seguito ha costituito l’ american hoof association di cui fanno parte in Italia Franco Belmonte, Leonardo de Curtis, Gianluca Balzani. luglio 2016) 

per vedere se nella vostra area c’è un professionista addestrato. Se c’è siete in buone mani, ma non ditegli che vi ho indirizzato io; il pareggio dei cavalli da tiro è un lavoro durissimo! Guardatevi dai pareggiatori barefoot che scavano le suole dal fondo del piede del cavallo. Il vostro cavallo andrebbe meglio trascurandolo del tutto, per cui evitate questi personaggi.

Il dibattito fra cavallo ferrato e scalzo suscita in molti delle forti preoccupazioni. A dire il vero, secondo me, non ce  n’è motivo. Se fatto bene, la cosa peggiore che può succedere è di avere uno zoccolo più sano da ferrare. Anche tutti i libri di mascalcia che ho letto raccomandano dei periodi di “riposo dalla ferratura” per risanare i piedi. Il risultato è una trazione migliore e una migliore salute del piede. La dissipazione elastica dell’energia fornisce sicurezza e comodità alle articolazioni, ai muscoli, ai legamenti e ai tendini di tutto il corpo. Se avete già lavorato un solo giorno su terreno duro, lo capite benissimo. È per questo che gli operai stanno su piattaforme di gomma davanti a ogni macchina in ogni impianto degli Stati Uniti. È per questo che sulle nostre macchine abbiamo pneumatici di gomma invece di ruote d’acciaio. Fate un pensiero a fornire la stessa cosa ai nostri amati cavalli.

Per ulteriori informazioni e per il programma aggiornato dei corsi di Pete, visitate il nostro sito presso   www.hoofrehab.com .

Pete ha interrotto la sua attività didattica per alcuni anni e la ha ripresa nel 2015. La pubblicazione del nuovo libro “Care and Rehabilitation of the Equine Foot” e la famiglia oltre al lavoro di pareggiatole hanno preso tutto il suo tempo. Nel frattempo indicò come suoi rappresentanti e istruttori i membri certificati della American Hoof Association. (luglio 2016)

 

 

 

 

Frog Management – Pete Ramey

1 2 3

Frog Management        4/14/06               Pete Ramey
Copyright 2006
Recent (Dr. Robert M. Bowker/MSU) and not-so –recent (Dr. James R. Rooney) research has shown us that problems in the navicular region are caused by unnatural use or specifically a lack of use of the back of the foot. (Please read “Digging for the Truth About Navicular Syndrome” in the “Articles” section of www.hoofrehab.com) We once thought of navicular disease (damage to or remodeling of the navicular bone) as a primary problem, but now look at it as a simple symptom of long term toe-first impact, a lack of frog pressure, excessive bar length and/or peripheral loading (forcing the hoof wall to bear all the weight; without natural help from the frog and sole). This knowledge has rightfully caused us to panic if our horses land toe-first and to have deep concern if they have dysfunction in the back of the foot.

In these feral cadavers (front feet), notice the prominence of the frog. This horse came from the rockiest terrain I have ever seen and these tough frogs gave the protection, traction and front-line energy absorption she needed for the rigorous lifestyle.

In the previous articles, “Heel Height; The Deciding Factor” and “Boots and Pads; A Breakthrough in Healing” we discussed the importance of trimming to achieve correct heel-first impact and frog stimulation, and beneficial shortcuts to frog development we can reap from boot and pad use.
In this article, we’ll discuss frog trimming and management. Many horses are stuck in a pattern they can’t easily escape. The frogs are too weak, infected with fungus and have a lack the callusing necessary to be the natural, front-line impact zone nature intended. If the frog is too sensitive to impact the ground, the lack of stimulation reduces growth and makes callusing and development impossible; thus a “wheel-spinning” vicious cycle for hoof managers. While thoughtful heel trimming and the use of padded insoles in hoof boots help break this pattern, the proper trimming and management of the frog itself is critical.

 

After the setup trim we should very often leave the frogs alone. Neither of these frogs have been trimmed at all in the past year, and both horses are all-terrain “gravel crunchers”. It would take exactly one pass through these frogs with a hoof knife to make boots a necessity on rocky terrain for the next six months! Too many professionals keep the horses in their care sensitive to rocky ground simply by over-trimming the frogs and never give it a moment’s thought!

An often overlooked, but very important factor is the diet of the horse. The most common reason diabetic humans are hospitalized is foot pathology. Number two; altered skin wound healing. A key feature of any metabolic stress is a shutdown of nutrition to the extremities. High insulin levels increase keratin growth. High glucose levels decrease keratin growth (skin, hair, hoof, laminae, sole and frog). Unnatural, high sugar/starch diets can have the same devastating effect to the frogs that we see in the horses’ laminae.
That said, from a physical standpoint, constant pressure and release stimulation is the real hero with any frog improvement. Everything we do with trimming, pads and living terrain should focus on this. Every time you trim a frog, you should consider these four things the trim may be accomplishing:

1)  The removal of “flaps” that harbor destructive fungus and bacteria. (frog trimming is healthy)
2)   The removal of external callusing that protects the frog from destructive fungus and bacteria. (frog trimming is harmful)
3)   The removal of excess frog height/pressure that can cause sensitivity. (frog trimming increases comfort)
4)   The thinning of the frog’s protective barrier between the sensitive corium and the terrain can overexpose nerves to pressure. (frog trimming causes lameness and bruising)
If this thoroughly confused you; you’re on the right track to learning some important lessons. There are no simple answers, so you should carefully consider each factor before you pull your hoof knife out of your pocket. Lets wade through these contradictions one by one.
The removal of “flaps” that harbor destructive fungus and bacteria.
The flaps that commonly fold over the central sulcus and the collateral grooves may naturally form to hold dirt in place within the grooves to help support the center of the foot (Ovnicek, Bowker). Leaving these flaps alone usually works well in dry areas similar to the high desert biomes most of our horses evolved for. In wet environments or when horses are stabled in close quarters, these “flaps” can harbor mud, manure, and be an ideal breeding ground for harmful microbes. In these environments it is usually best to trim away these flaps so the grooves can self-clean; this is especially important at the central clefts.

The frog tends to callus in the correct shape and thickness if the horse is barefoot and excess wall length is not allowed. If you look for the “body” of the frog, you should be able to visualize the shape of the inner structures, the natural frog’s shape and the flaps that protrude from it. You should usually remove the flaps only and avoid any temptation to “make it prettier” by trimming deep into the frog. It is particularly important to open the central cleft. This “opening” should parallel the inner structures without thinning the needed frog material. Follow the natural shape into the cleft.

These are contracted frogs. The digital cushions and lateral cartilages are underdeveloped. The frog’s corium is “pinched” together (thus closer to the ground) and the body of the frog flows into the deep collateral groove with no excess material built up. There is no room here for trimming to open the central cleft; both would be easily quicked and any trimming will create sensitivity. The right photo shows a partially shed frog, but the new frog growing in underneath is still immature. Pea gravel, foam boot insoles, anti-fungal soaking, constant barefoot stimulation and thousands of heel first landings are needed to build adequate inner structure and healthier frogs. I see no trimming that needs to be done to either one; both are too thin, now.

 

Also, of course daily hoof picking is particularly important in these environments. Most horse owners think it is a waste of time because the grooves are immediately filled back up with mud, manure or dirt. They need to understand how quickly microbes can multiply while consuming their horse. Picking out the hooves removes high concentrations of destructive microbes next to the “skin” even if the hoof is packed again one minute later.
Hygiene is important. I have seen too many horses that were lame simply because of advanced fungal infection in the frogs. It is very easy to prevent; very difficult to get rid of, once it becomes established. If you live in a wet environment and want to see “frog magic” try pea gravel for a loafing surface.
The removal of external callusing that protects the frog from destructive fungus and bacteria. Here’s where things get complicated. Yes, we should often trim a frog to create better hygiene and protection from microbes, but you must also be aware that every time you trim away the outer callused layer of frog material, the softer tissue you expose is a perfect target for opportunistic pathogens.
I was originally taught as a farrier to routinely trim the entire frog every time I trimmed the rest of the foot. I was also taught that most horses (shod or bare) living in our wet Appalachian environment could be expected to get thrush every winter. When I became more conservative with the trimming of my client’s frogs, I almost eliminated thrush in my clientele. I had to admit to myself I had been causing thrush for years, by routinely removing the protective callus from the frogs.
<>Of course there is a time and a place to trim frogs. Just think before you do it, and have a good reason why. To make things pretty? Not a good enough reason. Flap removal for hygiene? Maybe, maybe not. It varies from horse to horse; barn to barn. Just don’t trim an entire frog because one small part of it needed a trim. Trim the part that needs attention and leave the rest untrimmed. If a frog needs a large reduction, do it; but if you think a particular frog needs to have 1/8 inch layer shaved off, leave it alone!

The removal of excess frog height/pressure that can cause sensitivity. As discussed in the articles previously mentioned, most domestic horses have not been allowed to roam enough to fully develop the internal structures in the back of the foot. (Bowker) This is the most common cause of hoof sensitivity and ultimately, navicular disease.
Hooves with fully developed inner structures often have tremendous frogs, often longer than the heel walls yearning to absorb the energy of impact. This is natural, very good news for the horse and should be encouraged.

This horse, diagnosed with navicular disease, had been lame during three years of heel wedging. The sole and frog’s corium have migrated to a pathologically low position in the hoof capsule. At the setup trim I lowered the heel walls to the level of the healthy sole plane, attempting to leave protruding frog alone. We walked the horse and found him to be miserable, so my next step was to immediately lower the frog to the heel height. He was instantly more comfortable, and rideable (for the first time in several years) in padded hoof boots. Four months later, he no longer needed the boots.

Sometimes, however, a frog that is longer than the heels can cause pain if the internal structures aren’t ready for it. Often a horseshoe or a long heel on a barefoot horse lifts the frog from its natural impact position. The frog’s corium, “knowing” how important frog pressure is, responds by moving towards the ground or prolapsing. Suddenly trimming heels to a more natural height or pulling the shoes can cause soreness because a tremendous new excessive pressure is being applied to the weak internal structures. Trimming the frogs can relieve this pressure and increase comfort while the corium migrates back up into its natural position. This is very often the right thing to do on a “set-up” trim; BUT…….
The thinning of the frog’s protective barrier between the sensitive corium and the terrain can cause sensitivity. Every time we trim (thin) the frog we risk sensitivity. Most of us are too quick to routinely trim the entire frog. It looks prettier and more professional if the entire frog is clean, white and perfectly shaped after a trim. But “pretty is, as pretty does”. Imagine the calluses being routinely trimmed from your own heels every four weeks. Can you see that it could rob your performance? Certainly, and the horse is no different.

<>To really develop the skill of trimming frogs without over-thinning the protective material, a professional should do as many cadaver dissections as possible to become familiar with the shape and location of the inner corium. If you understand the shape of the frog’s corium and understand that the bottom of the collateral grooves are about a 1/2 inch from the corium, you can learn to paint a picture of the inner structure in your mind when looking at the foot from the outside.
You should always leave at least 5/8 inches of frog covering the sensitive structure and it is even more important to understand that the 5/8 inch thick callused frog horses need can take at least a year to build and compact. This fully callused frog can never build if it is routinely cut away at regular intervals.

If the heel height is diligently maintained, you will find that most frogs will callus off at the right height and need little or no trimming. Routine frog thinning can seriously rob performance. Even if the trim cycle is long enough that ¼ inch of excess heel is removed during the maintenance trim it is usually okay to leave the frog longer than the heels. It will find the “right place” in a matter of hours or days. Don’t touch it if trimming would only accomplish shaving off the external callus.
Frog pressure is critical for the support of the impact loaded, dropped fetlock, the coffin joint and thus the ligaments and tendons. It is a strong statement, but I truly believe a lack of frog support (including too-soft terrain) is the culprit behind almost all ligament injuries in the lower leg. Frog pressure is important for P3 support on impact, armor plating the back of the foot and plays a role in overall hoof mechanism or function. Too many of us were taught to protect it or relieve it from pressure…. We need to put it into hard work. Frog pressure is good!
If we do anything to cause or allow sensitivity through the frog, the horse will toe walk. This motion directly causes all known “navicular problems” and most joint, tendon and ligament problems, it can also wreck the entire body. Toe walking can single-handedly cause white line separation; even P3 rotation in spite of the best hoof care and management efforts.  Not only that, the resulting lack of frog pressure slows frog growth and prevents protective callusing; perpetuating the problems.

In spite of the penetrated coffin bone, this horse actually “tiptoed” because of the greater pain in the back of the foot. (Actually I think the toe walking contributed to the P3 penetration). The photo at right is of the same hoof 18 months later; the day the horse was awarded the Annual Speed Event Championship for our local saddle club. He came in first in every race all year. In my opinion, building the back of the foot was more important to this rehab than building the new sole under P3 or growing the well connected wall.

This may muddy the waters for you. Many professionals are content to routinely trim the entire frog, while others never touch it. Performance and comfort can be dramatically improved if more careful thought and decision making is applied to frog trimming. Just think before you cut! There is no such thing as a “good habit”. So much has been written about the management of every other part of the external foot and so little about the frog. Experience has shown me that the decisions we make with frog trimming may be more important than with any other part of the foot.

 

 

 

Gestione del fettone        16.04.06               Pete Ramey
Copyright 2006,

traduzione Alex Brollo
Ricerche recenti  (Dr. Robert M. Bowker/MSU) e meno recenti  (Dr. James R. Rooney) ci hanno mostrato che i problemi della regione navicolare sono causati da un uso innaturale o specificamente da una mancanza dell’uso della regione posteriore del piede  (leggete, per favore, “Trovare la verità sulla sindrome navicolare nella sezione “Articoli” di www.hoofrehab.com. Un tempo pensavamo che il problema iniziale fossa una malattia dell’osso navicolare (un danno o una deformazione dell’osso), ma la nuova idea è che sia semplicemente un sintomo di un atterraggio di punta di lunga data, di una carenza di pressione sul fettone, di un’eccessiva lunghezza delle barre e/o di un carico periferico (forzando la muraglia a sostenere l’intero peso del corpo, senza il naturale sostegno della suola e del fettone). Queste conoscenze giustamente ci hanno indotto a guardare con terrore il fatto che i nostri cavalli atterrino di punta e a preoccuparci molto quando hanno una disfunzione della parte posteriore del piede.

2 1 Dopo il pareggio iniziale, dovremmo spesso lasciare stare fettoni di questo tipo. Nell’anno precedente questi fettoni non sono stati pareggiati affatto, ed entrambi i cavalli sono “spaccasassi” su qualsiasi terreno. Basterebbe un singolo passaggio del vostro coltello su questi fettoni per rendere le scarpette necessarie su terreno roccioso per i successivi sei mesi! Troppi pareggiatori mantengono i loro cavalli in uno stato di sensibilità ai terreni difficili semplicemente esagerando nel pareggio dei fettoni, senza pensarci un attimo!4 3

In questi anteriori di cadaveri di cavalli selvatici, notate la sporgenza del fettone. Questo cavallo viene da uno dei terreni più rocciosi che io abbia mai visto e questi forti fettoni consentono la protezione, la presa e l’assorbimento iniziale dell’energia di cui la cavalla aveva bisogno nella sua dura vita. 9Nei precedenti articoli,  “Heel Height; The Deciding Factor” e “Boots and Pads; A Breakthrough in Healing” abbiamo discusso l’importanza di pareggiare in modo di ottenere un corretto impatto sui talloni e un’opportuna stimolazione dei fettoni, e le utili scorciatoie per un corretto sviluppo dei fettoni che possiamo raggiungere attraverso l’uso delle scarpette e delle solette.
In questo articolo, discuteremo il pareggio e la gestione del fettone, Molti cavalli sono bloccati in un vicolo cieco da cui non possono sfuggire. I fettoni sono troppo deboli, infettati da miceti e non hanno la callosità necessaria per renderli quella prima linea naturale di impatto con il suolo, che vuole la natura. Se un fettone è troppo sensibile per ricevere l’impatto con il suolo, l’assenza di stimolazione riduce la sua crescita e rende impossibile il suo incallimento e il suo sviluppo; da qui un circolo vizioso per chi si occupa degli zoccoli. Anche se il pareggio dei talloni e l’uso di solette nelle scarpette aiuta a interrompere questa sequenza, anche l’opportuno pareggio e trattamento del fettone sono fattori critici. E un fattore spesso trascurato, ma molto importante è la dieta del cavallo. Il motivo più frequente per cui i pazienti diabetici sono ricoverati in ospedale è una patologia ai piedi. Il secondo è la difficoltà a guarire dalle ferite cutanee. Una caratteristica essenziale di ogni stress metabolico è la sospensione dell’apporto di nutrienti alle estremità. Alti livelli di insulina accentuano la crescita delle unghie. Alti livelli di glucosio diminuiscono la formazione di cheratina (pelle, peli, muraglia, lamine, suole e fettone). Diete innaturali ad alto contenuto di amidi/zuccheri hanno sul fettone le stesse devastanti conseguenze che vediamo nelle lamine.
Detto questo, dal punto di vista fisico, una costante stimolazione del fettone, costituita dall’alternanza di pressione e rilascio, è il vero toccasana. Qualsiasi cosa facciamo con il pareggio, l’applicazione di solette e la preparazione del terreno dev’essere focalizzato a questo obiettivo. Ogni volta che pareggiamo un  fettone, dobbiamo considerare questi quattro criteri:
1)     La rimozione delle pieghe che ospitano batteri e funghi distruttivi  (il pareggio del fettone è salubre)
2)     La rimozione della callosità esterna che protegge il fettone dai funghi e batteri distruttivi   (il pareggio del fettone è dannoso)
3)     L’eliminazione di un eccesso di pressione sui talloni e sul fettone che può causare dolorabilità  (il pareggio del fettone aumenta la comodità)
4)     L’assottigliamento della barriera protettiva fra il terreno e il corion sensibile, costituita dal fettone, può esporre eccessivamente le sottostanti strutture alla pressione  (il pareggio del fettone causa zoppia e sobbattiture)
Se questo vi getta in uno stato di confusione, siete sulla buona strada per imparare qualcosa di buono. Non ci sono risposte semplici, per cui dovete soppesare ognuno di questi fattori prima di tirar fuori il vostro coltello dalla tasca. Cerchiamo di superare queste contraddizioni una a una.
1)     La rimozione delle pieghe che ospitano batteri e funghi distruttivi
Le pieghe con frequentemente coprono il solco centrale e le lacune collaterali possono costituire un ricettacolo di materiale che contribuisce a sostenere la parte centrale del piede  (Ovnicek, Bowker). Lasciare intatte queste pieghe è generalmente utile nelle aree secche simili agli ecosistemi degli altopiani desertici ai quali la maggioranza dei nostri cavalli si sono adattati nel corso dell’evoluzione. Negli ambienti umidi o quando i cavalli sono stabulati, queste pieghe possono intrappolare fango e letame, ed essere un terreno di coltura ideale per germi pericolosi. Il questi ambienti è meglio asportare queste pieghe in modo che gli zoccoli possano pulirsi da soli; questo è particolarmente importante per le la lacuna mediana. Il fettone tende a incallirsi e ad assumere la giusta forma e consistenza se il cavallo è sferrato e se non è permessa un’eccessiva crescita della muraglia. Se guardate il “corpo” di questo fettone, dovreste riuscire a visualizzare la forma delle strutture interne, la forma naturale del fettone e le pieghe che protrudono da quest’ultima. Dovreste eliminare solo le pieghe e resistere a qualsiasi tentazione di “abbellirlo” pareggiandolo nel suo spessore. Questo è particolarmente importante nella fessura centrale. Questa “apertura” dovrebbe decorrere parallela alle strutture interne senza alcun assottigliamento del materiale del fettone. Seguite la forma naturale all’interno della fessura.7Questi sono fettoni contratti. I cuscinetti digitali e le cartilagini laterali sono sviluppate in modo insufficiente. Il corion del fettone è “pizzicato” (per cui è più vicino al suolo) e il corpo del fettone decorre all’interno delle profonde lacune collaterali senza alcun eccesso di materiale. Qui non c’è spazio per un pareggio che tenti di aprire una fessura centrale; si otterrebbe un’irritazione, e qualsiasi pareggio causerebbe dolorabilità. La foto a destra (manca dal testo, la trovate nell’originale) mostra un fettone parzialmente staccato, con il nuovo fettone che sta ricrescendo, ancora immaturo. Per costruire un’adeguata struttura interna e fettoni più sani sono indispensabili un fondo di ghiaino, l’uso di solette, impacchi antifungini, una costante stimolazione del piede sferrato e migliaia di atterraggi di tallone. Non vedo alcun pareggio utile in nessuno dei due; al momento, entrambi sono troppo sottili.

Manca dalla traduzione questo passo aggiunto da Pete in seguito: Added 5-22-07
For years I’ve searched for the perfect thrush medicine. Most products that kill the fungi and bacteria also kill living tissue; contributing to the problem. I use a 50/50 mix of Triple Antibiotic Ointment and Athletes Foot Cream (1% Clotrimazole) (for humans; over the counter at any pharmacy). I mix it thoroughly and put it in a 60cc catheter-tip syringe (available from any vet) (The syringe may well be more important than the cream, as it allows deep penetration to the core of the problem). Mix the products in a Tupperware bowl, then spoon in or ‘top load’ 15cc with a butter knife. I have my horse owners treat deep into central cleft daily until no cleft is present. No need to squirt it all over the frog; just a pea-sized dab at the very bottom of the central sulcus. To date, I’ve seen it eliminate deep, sensitive central frog clefts in 100% of cases within 2 months. (A first, with every treatment I’ve ever used, though past experience tells me we’ll never find a product that works on every case in every environment). 

(Andate sul sito di Pete e cercate il link che segue a questo passo, relativo al trattamento dell’infezione. Potete anche leggere nella sezione pareggio della pagina letture di bitlessandbarefoot-studio l’articolo sulla disinfezione dello zoccolo)

Inoltre, è ovviamente importante, in questi ambienti, una pulizia quotidiana dello zoccolo. La maggior parte dei proprietari ritiene che sia una perdita di tempo, perchè le lacune sono di nuovo immediatamente riempite di fango, letame e sporcizia. Bisogna rendersi conti di quanti microbi si riproducono, mentre consumano il fondo dello zoccolo. Pulire gli zoccoli elimina alte concentrazioni di germi distruttivi anche se lo zoccolo è di nuovo riempito da sporcizia un minuto dopo.

L’igiene è importante. Ho visto così tanti cavalli zoppi solo per infezioni da funghi in stadio avanzata a carico dei fettoni. È qualcosa che è facile prevenire, ma molto difficile da guarire, una volta che è iniziata. Se vivete in un ambiente umido e volete vedere “fettoni da sogno”, tentate l’uso della ghiaia per una superficie di riposo.
2)     La rimozione della callosità esterna che protegge il fettone dai funghi e batteri distruttivi. Ecco dove le cose si complicano. Sì, dovremmo pareggiare spesso il fettone per creare migliori condizioni igieniche e maggiore protezione dai germi, ma dobbiamo anche essere consapevoli che ogni volta che tagliamo via lo strato esterno calloso del fettone, il tessuto più molle che esponiamo è un obiettivo perfetto per i germi opportunisti. Mi era stato insegnato di pareggiare routinariamente l’intero fettone ogni volta che pareggiavo il resto del piede. Mi era anche stato insegnato che dovevo aspettarmi che la maggior parte dei cavalli (ferrati o sferrati) si sarebbero presi il marciume ogni inverno. Quando sono diventato più conservativo nel pareggio dei fettoni dei cavalli  dei miei clienti, ho praticamente eliminato il marciume nella mia clientela. Devo ammettere che sono stato io a causare il marciume per anni, rimuovendo routinariamente il callo protettivo dal fettone.
Ovviamente c’è tempo o modo di pareggiare i fettoni. Solo, pensateci prima di farlo, e tenete conto che dovete avere un buon motivo per farlo. Per farlo sembrare più bello? Non è una ragione sufficiente. Rimozione delle pieghe per motivi igienici? Può essere, può non essere. La cosa varia da cavallo a cavallo; da maneggio a maneggio. Ma non pareggiate un intero fettone solo perchè ne ha bisogno una sua piccola parte. Pareggiate quella parte che ha bisogno di cure, e lasciate il resto intatto. Se un fettone ha bisogno di una grande riduzione, fatela. Ma se pensate che quel fettone richieda l’asportazione di qualche millimetro di superficie, lasciatelo stare!
3)     L’eliminazione di un eccesso di pressione sui talloni e sul fettone che può causare dolorabilità
Come discusso negli articoli menzionati precedentemente, la maggior parte dei cavalli domestici non hanno avuto l’opportunità di muoversi abbastanza da sviluppare completamente le strutture interne della parte posteriore del piede (Bowker) più comune di sensibilità degli zoccoli e, alla fine, della navicolite.
Gli zoccoli con strutture interne completamente sviluppate hanno spesso dei fettoni impressionanti, spesso più lunghi dei talloni, dedicati all’assorbimento dell’energia di impatto. Questa è la conformazione naturale, ottima per il cavallo, e dovrebbe essere incoraggiata.11

12Questo cavallo, diagnosticato come navicolitico, è rimasto zoppo durante tre anni di ferratura correttiva. La suola e il corion del fettone sono migrati un una posizione patologicamente bassa all’interno della capsula dello zoccolo. Nel pareggio iniziale, ho abbassato la muraglia dei talloni a livello del piano della suola buona, provando a lasciare il fettone sporgente. Abbiamo fatto camminare il cavallo e faceva pena; per cui il mio passo successivo è stato di abbassare immediatamente il fettone all’altezza dei talloni. Il cavallo si è sentito immediatamente meglio, ed ha potuto essere cavalcato (per la prima volta dopo anni) in scarpette con soletta. Quattro mesi più tardi, non aveva più bisogno delle scarpette. Tuttavia, qualche volta un fettone più lungo dei talloni può causare dolore se le strutture interne non sono pronte. Spesso un ferro o un tallone lungo in un cavallo sferrato solleva il tallone dalla sua naturale posizione di impatto. Il corion del fettone, “sapendo” quanto è importante la pressione sul tallone, risponde spostandosi verso il terreno o prolassandosi.

(semplicemente la sua massa non è contenuta dal consumo ed il fettone si presenta di scarsa consistenza)

Un improvviso accorciamento dei talloni a un’altezza più naturale, o la sferratura, può causare dolore perchè una tremenda e inconsueta pressione viene improvvisamente applicata alle strutture interne indebolite. Il pareggio del fettone può ridurre questa pressione e aumentare ila comodità del cavallo, mentre il corion migra di nuovo in una posizione più naturale. Questa è molto spesso la cosa giusta da fare nel primo pareggio; MA….4)     L’assottigliamento della barriera protettiva fra il terreno e il corion sensibile, costituita dal fettone, può esporre eccessivamente le sottostanti strutture alla pressione.  Ogni volta che pareggiamo (ossia, assottigliamo) il fettone rischiamo la dolorabilità. Molti di noi sono troppo affrettati a pareggiare l’intero fettone. Ha un aspetto migliore e sembra una cosa più professionale che il fettone sia completamente pulito, bianco e perfettamente conformato dopo un pareggio. Ma “è bello quello che funziona bene”. Immaginate di pareggiare routinariamente le vostre callosità sotto i talloni ogni quattro settimane. Capite che vi priverebbe delle vostre prestazioni? Certo, e lo stesso vale per il cavallo.14Per sviluppare veramente l’abilità di pareggiare i fettoni senza assottigliare eccessivamente il materiale protettivo, un pareggiatore professionista dovrebbe eseguire quante più  dissezioni di zoccoli di cadavere può, per familiarizzarsi con la forma e la posizione del corion interno. Se capite la forma del corion del fettone e capite che il fondo delle lacune collaterali sono a circa 12 mm dal corion, potete imparare a farvi un’immagine mentale delle strutture interne del piede guardando lo zoccolo dall’esterno.

Dovreste lasciare sempre almeno 5/8 di pollice (15 mm) di fettone a coprire la struttura interna sensibile ed è ancora più importante capire che i 5/8 di fettone calloso di cui il cavallo ha bisogno impiega almeno un anno per formarsi e compattarsi. Questo fettone completamente maturo non potrà mai svilupparsi se è pareggiato continuamente a intervalli regolari. Se l’altezza dei talloni viene curata con diligenza, vedrete che la maggior parte dei fettoni si incalliranno alla giusta altezza e richiederanno un pareggio scarso o nullo. L’assottigliamento routinario del fettone può danneggiare seriamente le prestazioni. Anche se l’intervallo di pareggio è abbastanza lungo da dover asportare 8 mm di tallone durante il pareggio di mantenimento, in genere si può tranquillamente lasciare un fettone più alto dei talloni appena pareggiati. Troverà la “posizione giusta” nel giro di ore o di giorni. Non toccatelo, se il pareggio comporterebbe solo l’eliminazione della superficie esterna callosa.

La corretta pressione sul fettone è critica per sostenere il pastorale caricato dall’impatto, l’articolazione del triangolare e quindi i legamenti e i tendini. La pressione sul fettone è importante per sostenere il triangolare durante l’impatto, blindando la parte posteriore del piede, e gioca un ruolo nel meccanismo complessivo dello zoccolo e nella sua funzione. A troppi di noi è stato insegnato di proteggerlo o di liberarlo dalla pressione… Dobbiamo invece farlo lavorare duramente. La pressione sul fettone è una cosa buona!
Se facciamo qualcosa che causa o che permette una dolorabilità del fettone, il cavallo camminerà di punta. Questo movimento causa il “dolore navicolare” e la maggior parte dei problemi nelle articolazioni, nei tendini e nei legamenti, e può danneggiare l’intero corpo. Non solo; la mancanza di pressione sul fettone rallenta la sua crescita e impedisce un corretto incallimento; il che perpetua i problemi.1516Nonostante un triangolare penetrato nella suola, questo cavallo in realtà “cammina sulle punte”, a causa del dolore più forte nella parte posteriore del piede (In realtà io sono convinto che l’atterraggio di punta abbia contribuito alla penetrazione del triangolare nella suola). La foto a destra (sotto) è lo stesso zoccolo 18 mesi dopo; nel giorno in cui il cavallo è stato premiato al  Annual Speed Event Championship per il nostro club equestre locale. È arrivato primo in ogni gara durante l’intero anno. Penso che in questa riabilitazione la ricostruzione della parte posteriore del piede sia stata più importante della ricostruzione della suola sotto il triangolare o della ricrescita di una muraglia ben connessa.

Questo può confondervi le idee. Molti professionisti sono perfettamente soddisfatti dal pareggio completo del fettone, mentre altri non lo toccano mai. Le prestazioni e la comodità possono migliorare drammaticamente se al pareggio del fettone si dedica una accurata riflessione e decisioni ponderate. Pensate prima di tagliare! Non esistono cose come “buone abitudini”. È stato scritto così tanto sulla gestione di ogni altra parte dell’esterno del piede e così poco del fettone. L’esperienza mi ha mostrato che le decisioni che prendiamo sul fettone potrebbero essere più importanti di quelle che prendiamo per qualsiasi altra parte del piede.

 

 

 

Digging for the Truth about Navicular Syndrome – Pete Ramey

DIGGING FOR THE TRUTH ABOUT NAVICULAR SYNDROME          Pete Ramey (updated 12-28-05)
Copyright 2005
One of the most mind boggling areas of hoof pathology for a farrier to attempt to research is navicular syndrome. Every old text contradicts the next, and mountains of new research are being done every day. The good news is that farriers studying the hooves of feral horses and trimming domestic hooves to a closer facsimile to what nature intended, have been routinely restoring soundness to hopeless navicular cases. Veterinary researchers have been studying in this new direction and are steadily unlocking all of the old mysteries about navicular problems.
As one of these farriers who has come to think of restoring comfort and usability to navicular horses as a routine task, I am writing this article in hopes of familiarizing others with the current and very successful ways we are dealing with the problem. Understanding what the real problems are is 99 percent of the battle.
At the forefront of veterinary research on the way naturally shaped hooves are supposed to function, is Dr. Bowker of Michigan State University. He has identified the heel first landing as the most important element of hoof function and more importantly; hoof development. He teaches that as the hoof impacts the ground heel first, the hoof expands and the solar dome descends, thus dramatically increasing the volume of the hoof capsule. This sudden increase in volume creates a vacuum, which sucks blood into the hoof capsule. The movement of blood not only nourishes the living hoof, but acts as a very important hydraulic shock absorber. [Hemodynamics; Bowker. You can link directly to his published works from my “Links” page if my lay interpretations don’t suit your fancy] This is quite the opposite from the way most of us were taught. I was once taught to view the frog as something similar to a pump bulb for an outboard motor or a blood pressure cuff, with the frog squeezing out blood on impact. Either way, we’ve known for years that the hooves themselves aid in circulation, but the huge difference between the new and old theories, is that the expansion and function of the entire hoof capsule is harder to obtain than the simple squeezing of the frog, and since we now know how important this expansion is to shock absorption and longevity; much more important.
Enter Dr. James Rooney of the American College of Veterinarian Pathologists. He specializes in the post mortem study of horses. Although everyone I’ve ever known who owns more than ten horse books owns his book The Lame Horse, his startling findings on navicular bone changes have gone largely unnoticed by the farrier and veterinary communities. I hope to change that.
We’ve known for many years that some horses with navicular bone changes are perfectly sound, while many horses without such damage to the navicular bone show severe lameness at the back of the foot. It has long been assumed, though that damage to the navicular bone happened first, either because of a mysterious degenerative disease, a lack of circulation, or as I stated in my book (Making Natural Hoof Care Work For You) the result of the body reacting to unnatural pressure in that region. I can still buy two out of those three as being part of what’s happening (the degenerative disease part is dead wrong for sure). It has long been assumed that the pain of navicular syndrome is being caused by the friction on the already damaged navicular bone by the deep flexor tendon. It was assumed that this friction with a rough surface then damaged the deep flexor tendon. I wondered years ago how this could be so. It would increase pain dramatically if this were the case, for a horse to voluntarily land toe first. The only way he could move this way, would be to hang all of his weight by the deep flexor in the very pulley system that is supposed to be hurting him!
In thousands of dead horses he examined, Dr. Rooney found that the fibrocartilages surrounding the flexor tendon and the navicular bone were ALWAYS damaged if bone remodeling was present. He found not one single case in which the damage to the bone was beginning, and the cartilages at the interface between the navicular bone and the deep flexor tendon were not yet damaged. Not one case in thousands. Read this again if your eyebrows didn’t go up.
Specifically, the order in which damage occurs is; first the fibrocartilage surrounding the navicular bone (as will any arthrosis begin on the more convex surface), second the fibrocartilages surrounding the deep flexor tendon, then the deep flexor itself, and finally the navicular bone is damaged by the rough surface of the damaged deep flexor tendon.   How? Why? Dr. Rooney wondered too. Simulating a toe first landing in test machines with dead horse legs, he was able to simulate this exact process that is the beginning of navicular bone remodeling.
During normal, heel first locomotion, the deep flexor tendon is quickly tightened by the descending fetlock joint. At the same time, the coffin joint is rotating forward toward breakover, and is loosening the deep flexor. In a toe first landing however, the descending fetlock joint is still tightening the tendon just after impact, but after the toe impacts the ground, then heel rocks downward, tightening the tendon at the same time. Understand that in a heel first landing we have one pulley tightening as the other is releasing tension, but with a toe first landing, both pulleys are tightening at the same time. Far greater force is directed to the navicular pulley than was ever intended by nature. This is a very big difference; adding greatly to the force applied to the tendon and navicular bone. This force is of course dramatically increased if the unnatural movement is occurring on a hard surface. Greater force means greater friction, and the continued repeat of this insult causes damage to the region. These are major findings that Dr. Rooney has known and documented for years. (The earliest publication I have found was 1974!)
We’ve known for many years that horses can have serious caudal foot pain and no changes to the navicular bone. We’ve also known for many years that horses can have dramatic changes to the navicular bone, but show no lameness. Dr. Rooney proved and published that it was actually the unnatural toe first movement (usually caused by avoiding heel pain) that causes navicular remodeling; not the other way around as most professionals thought. Understandably, Dr. Rooney is one of the most frustrated people I know of. Thousands of navicular horses have been needlessly destroyed since his groundbreaking research. He was just 40 years ahead of his time.
This lost information goes neatly hand in hand with the newer research from Dr. Bowker. He has studied the back of the equine foot extensively. When a horse is born, all four feet are the same; even microscopically. Their development is incomplete; physical stimulation is supposed to finish the job.
The foundation of the front half of the foot is the coffin bone. The sole and hoof walls are rigidly attached to it, resulting in a firm structure to push from during locomotion. The lateral cartilages form the foundation of the rear half of the foot. This provides a yielding area to dissipate much of the initial impact energy; like the tires on your car. When a foal is born, the lateral cartilages are tiny, like the rest of the foot. They are less than 1/16th inch thick, and don’t even extend across the bottom of the foot underneath the frog, yet. As the foot grows, expansion, flexion and twisting of the hoof capsule develops the lateral cartilages. By adulthood, feral horses have developed the lateral cartilages to almost an inch thick and a solid floor of cartilage has been formed between the frog corium and the digital cushion.
At the same time, the digital cushion is continuing to develop as well. The digital cushion is a very important nerve center in the foot. In fact, most of the proprioceptors in the foot lie within the digital cushion. When the foal is born, the digital cushion is comprised of fat. It offers the right amount of exposure so the nerves can “feel”, but the right amount of protection so the lightweight foal doesn’t feel pain when the back of the foot slams into the ground.
Every time the foot hits the ground, pressure and release to the frog causes a bit of fibrocartilage to grow from the front of the digital cushion and spread toward the back. By the time the wild horse reaches adult weight, the digital cushion should have transformed into a solid mass of fibrocartilage. This offers the right amount of protection of the nerves for the impact force of an adult horse.
In domestication, however, we tend to keep foals on soft terrain. The hoof capsule can’t twist and distort, so the development of the digital cushion falls behind. Then we tend to shoe horses at two years old and ensure the hoof cannot twist and flex, effectively putting the brakes on the development completely. The result is very commonly, adult-sized hooves that still have lateral cartilages as thin as 1/8th inch, rather than the natural inch they are supposed to have.
At the same time, the soft terrain we traditionally raise our foals on limits frog pressure. We also tend to provide for the foals every need, so they have little reason to move the twenty miles a day that is natural to the horse. We tend to neglect foal hooves; allowing the heels to grow long and over-protect the frogs, further reducing frog pressure throughout the growing foal’s life.
The result is that very consistently, in domestic horses, the digital cushion development falls behind. The back of the foot is too sensitive to be the “landing zone” it was supposed to be so our horses start the pattern of loading the toes first to avoid the pain. This movement stops the development of the back of the foot in its tracks.
[You can easily learn to feel complete digital cushion development with your fingertips. If you pick up a foot and press the area above the bulbs; between the lateral cartilages, you will find a much more firm, dense feel in a well developed digital cushion. The easiest way to develop this feel is to go around comparing the feel of fronts and hinds. Pay particular attention to the different “feels” on horses with beautiful, sound hind feet and poor front feet.]
By the time many domestic horses are first ridden, the back of their feet are practically useless, and cause pain on rocky terrain. This problem shows up worse in the front feet than the hinds. Most of us were taught that the horse has more problems on the front feet than the hinds, because 60% of the horse’s weight and almost all the rider’s weight is on the front feet. In a standing horse, this is true, but once the horse steps into motion, the back end does a far greater amount of work.
From the time our foals hit the ground, they are gloriously moving off their hindquarters during their spirited play. Very consistently, domestic horses thus develop the hind feet more completely. This is important to know. It is the only reason the hardest working feet on the horse (the hinds) have increased resistance to founder, navicular disease and just generally tend to be tougher and healthier. Not in spite of the fact they do harder work than the fronts, but because of it!
So when we discuss the pathology behind navicular disease, we must understand that the real problem lies in the fact that most domestic horses are incapable of landing on their heels in soft footing and surely not in the rocky terrain they were born to roam. When a horse is sensitive on rocky terrain, most people blame the soles, but watch closely how they move. Almost every time they will shorten their stride, landing on their toes, and lean forward. They are keeping their sensitive frogs and underlying digital cushions out of harms way. Dr. Bowker has established that the longer they try to move this way, the weaker the structures become.
Continued toe first landing stresses and tears the attachment of the impar ligament (the attachment of P3 and navicular bone). The navicular bone is a part of the articulating surface of the joint between P2 and P3. When the horse lands on its toes, the weight of the horse then slams back into the navicular bone as the heels rock down. This constantly tears away at the impar ligament. 80% of the blood supply to the navicular bone goes through the impar ligament. Bowker blames a loss of circulation through the impar ligament for many of the navicular bone changes, as well as the attempts to repair this attachment leaving ossifications on P3 and the navicular bone.
Michigan State University has also found that the bone loss often diagnosed as navicular disease is the result of a lack of natural pressure (think of the bone loss suffered by astronauts during extended stays in space) in the region from continued toe first landing, and Dr. Bowker is consistently finding much more damage to the coffin bone in navicular horses, with 40-60% bone loss in P3 being common. Specifically he blames peripheral loading, or loading the walls only without the aid of natural sole support and toe first landings. Either situation robs P3 of the natural pressure it requires to maintain health and function.
Although Dr. Rooney and Dr. Bowker have discovered differing causes of navicular bone changes, both are adamant that it is the result of long term toe first landing or lack of use of the back of the foot. Wild horses of the high desert slam the back of the foot first into all terrain. [The Natural Horse; Jackson] Most of their domestic brothers jump with pain when a hoof pick is scraped along their frog or through the central cleft and this should be starting to really scare the owner of such a horse.
In the past (and in many places the present as well, unfortunately) when a horse was pointing or landing toe first with a shortened stride, navicular syndrome would be suspected. The nerves at the back of the foot would be blocked to see if this made the horse temporarily sound, or perhaps hoof testers would be used to check for pain along the heels and frogs. If it was confirmed that the back of the foot was in pain, radiographs were taken to check for changes to the navicular bone. If this was positive, the choice given to the owner was to put down the horse, or use orthopedic shoeing to squeeze another year or two out of the doomed horse. I see every day that weak digital cushions and thrushy frogs cause enough sensitivity to force a toe first landing. Dr. Rooney and Dr. Bowker have established that favoring a toe first landing causes the damage to the fibrocartilage of the navicular bone and the deep flexor, and that the bone changes of true navicular disease occur later.  In other words it is heel pain that cause navicular disease. I have personally seen that when the real problems causing pain for the horse are addressed, the presence of the navicular bone changes cause no pain for the horse (noticeable by us). It is sobering to think of all of the horses that may have been put down for chronic thrush.
When faced with this situation we are left with two options. First, we can cover up the problem with bar shoes and pads, ensuring that the frog never touches the ground. This would be just fine, if not for the destructive forces at work when we do this. For one, the more we protect the frog and digital cushion, the worse they will fall out of function. Masking the true problems by attacking symptoms will catch up to us every time in the end. Worse yet, by doing this we stop the natural expansion and hydraulic shock absorption. When we raise heels to protect the painful frogs, shock can’t be properly absorbed by the suspensory apparatus either, and from a skeletal standpoint (which is what matters to the horse), a toe first landing is being forced anyway (try running in high heeled shoes or cowboy boots and you will see exactly what I mean). Understand that all this talk of heel first landings is about the natural alignment of the bones during locomotion; NOT the outer heel we see. If a horse’s heels are artificially raised and they (heels) happen to hit the ground first, P3 may STILL be toe first on impact and causing the same unnatural forces. All of this research can be summarized by saying that the long held notion that raising the heels provides “slack” to the deep flexor tendon and thus decreases stress on the navicular bone, is untrue. While it may be true in the standing horse, it works the opposite way for the horse in motion. A low heel, a short breakover, a healthy functioning hoof and a heel first landing minimize stress to the deep flexor tendon and thus the navicular region.
The result of this unnatural movement and loss of natural energy dissipation, is the fact that most people think that it is normal for horses to have joint or back problems, and just be plain old by the time they reach ten years of age. The truth is that horses in nature are healthy and vibrant on average at least three times longer than in domestication. [Jackson] One of the big causes of this dramatic difference is the wear and tear we put on their bodies with the very unnatural movement we are talking about here.
I don’t mind debating “shod versus barefoot” with people. An educated farrier can come up with compelling arguments for shoeing horses and a spirited debate keeps my juices flowing. However, in light of modern research on hoof development, I humbly think that veterinarians should step in and throw a raging fit if someone shoes a horse before the development of the inner structures of the foot is complete!
So what is the other option when faced with a navicular horse? Fix the real problems. This is done by bringing the frogs and the digital cushions back into work. (I hope no one will try to learn to trim from this article. I wrote a whole book, countless articles and am a small part of a large training program, the AANHCP, for that purpose) The sole of the horse must be left alone while the heels are gradually brought down to increase frog pressure as the horse can stand it. This is like walking a tightrope. If you go too slowly, you will make no progress. If you do it too fast, the horse will be over-sensitive at the back of the foot and walk on his toes anyway, and you will make no progress (read “Heel Height: The Deciding Factor” on www.hoofrehab.com ). Skill at walking this tightrope separates the masters from the hackers in hoof trimming. Avoid trimming the frog, other than removing any tissue already destroyed by disease. It should be allowed to pack into dense callous just like the sole. Keep breakover back where it should be, relative to the coffin bone (read “Breakover” on www.hoofrehab.com ).
Do everything you can to dry up the situation for the horse. Well scraped paddocks and stalls or paddocks with deep pea gravel should be provided as all or part of the horse’s daily routine if you live in a wet region. It is surprisingly cheap and easy to maintain. (Dr. Bowker takes it a step farther and says, “You must bed your horse on the surface you wish to ride.”, but he is in a position to be a bit more bold than I, isn’t he)  Allow plenty of free roaming exercise with other horses and ride often on terrain the horse can currently land heel first in. Use hoof boots (I favor the Easyboot Epics for most situations) for riding when terrain forces a toe first landing or causes tenderness. The rest of the time, let the horse be barefoot. The ground will strengthen the back of the foot, and lifting the frogs higher off the ground and impeding stimulation and circulation with a permanent shoe can only work against us.
Often, horses with reduced health of the frogs and digital cushions will show lameness and/or a voluntary toe first landing on all terrain, and even in hoof boots or metal shoes. I have found that by adding foam padding inside the boot under the frog, the horses immediately move comfortably and correctly.  Since the boot alone very effectively relieves pressure on the frogs and the addition of the pad dramatically increases pressure to the region, I can only assume that the original pain is being caused by vibration, rather than pressure. Perhaps vibration dampening is an important purpose of the frog and digital cushions and the pad artificially imitates this effect. The horses described here make very dramatic healing progress when exercised often in this setup.
I use Epic boots for this, and cut neoprene saddle pads for the padding. (A new pad will be available from Easycare by Jan ’06 that lasts much longer than the saddle pads.) If the boot is a perfect fit for the horse, I cut a frog shaped triangular wedge, tape it in place on the foot with a single piece of duct tape, then put the boot on. If the boot is a bit too large for the horse, I cut the pad to fit the entire bottom of the boot and use it as an insole. This creates a right and left boot, though, and they should be marked accordingly.
You can play around with different pad combinations and almost always find a combination that makes these horses comfortable when nothing else will. Miles of exercise in this setup will develop the inner structures faster than any method I know of and get you on the horse when nothing else will work. It’s truly like magic for a navicular horse! (Please read the article “Boots and Pads” on www.hoofrehab.com for more detailed descriptions and pictures)
Very quickly, the frogs and digital cushions will toughen up and the horse will get comfortable. If there is navicular bone damage it will remain there long after the horse appears comfortable, but the horse probably won’t know it. Some say the damage can be repaired over time by the body, but no one seems to care when the horse feels better, so I’ve never heard of anyone proving or documenting this. I was very excited to find out that Dr. Bowker is methodically documenting the increase in hoof health over time in many navicular horses. I can’t wait for him to publish his results.
Dr. Rooney still maintains that once the bone damage of true navicular disease begins, it is irreversible. I, on the other hand have seen these horses returned to use and apparent happiness with my own eyes with shocking consistency. As we bounced this disagreement back and forth I was starting to think we were going to have to “agree to disagree”. Then I realized we were talking about two different things. I use myself as an example. I got in the wrong car one night as a teenager and earned four vertebrae in my lower back that are now fused into one mass by surgeons. My wrists are permanently damaged from hanging by my fingertips during my rock climbing days. Dirt bikes claimed my shoulders. Running in dry river beds got my knees. Would it be possible to make me clinically sound? No. My x-rays will always reveal the errors of my past and a good flexion test would probably cripple me for three days. I’m very happy though, and I perform one of the most physically demanding jobs known to man every day with a big smile on my face. That’s good enough for me and probably for most navicular horses as well.
When navicular bone changes are treated as a symptom of simple loss of function and sensitivity at the back of the foot, restoring soundness is usually an easy task. I have personally seen many horses with confirmed navicular changes that have endured years of pain while the owners footed the bill for orthopedic shoeing, only to watch them become completely sound within days of a correct trim and a chance to go barefoot. Sometimes it is a longer process of course, but I have yet to experience failure on one single navicular case. (Yes, I know my time will come, but I wrote the same thing in my book five years ago. I’m still waiting.) The very best thing the reader can get out of all this is that everything we have discussed is preventable. We are setting back the lifespan and the athletic potential of our foals at a very early age. Take care of your babies’ hooves, provide them with lots of exercise, and allow them some time on dry, rough footing. Be sure the frogs and digital cushions of your horse are tough enough to allow extension and a heel first landing in all situations. It will pay big dividends down the road.

SCOPRIRE LA VERITÀ’ SULLA NAVICOLITE (aggiornato il  28.12.05)  di   Pete Ramey

Copyright 2005

traduzione Alex Brollo, corsivo Franco Belmonte AHA

Una delle aree più confondenti della patologia degli zoccoli, per un maniscalco che vuole approfondire l’argomento, è la navicolite (“navicular syndrome”). Ogni libro  contraddice gli altri, e ogni giorni vengono pubblicate montagne di ricerche. La buona notizia è che i maniscalchi che hanno studiato gli zoccoli dei cavalli selvaggi e che pareggiano i cavalli domestici secondo un modello quanto più possibile simile a quello che detta la natura, hanno routinariamente restituito la piena salute a cavalli giudicati “senza speranza”. I ricercatori veterinari hanno orientato i loro studi in questa direzione e stanno rapidamente svelando tutti i vecchi misteri sui problemi della navicolite.
Essendo uno dei maniscalchi giunti a pensare al recupero del benessere e dell’utilizzo del cavallo navicolitico come a un risultato di routine, sto scrivendo questo articolo nella speranza di familiarizzare altri con le strade attuali e molto efficaci di affrontare il problema. La comprensione di quali sono i problemi effettivi rappresenta il 99 per cento  della battaglia.
All’avanguardia della ricerca veterinaria sul funzionamento degli zoccoli di configurazione naturale, troviamo il dott. Bowker, della  Michigan State University. Il dott. Bowker ha individuato  nell’atterraggio di tallone l’elemento più importante del funzionamento dello zoccolo. Insegna che quando lo zoccolo prende contatto con il suolo di tallone, lo zoccolo si espande e la cupola della suola scende, aumentando drammaticamente il volume della capsula dello zoccolo. Il movimento del sangue non solo nutre i tessuti vivi dello zoccolo, ma agisce anche come un importantissimo ammortizzatore idraulico  [Hemodynamics; Bowker. Potete collegarvi ai suoi studi pubblicati dalla mia pagina “Links” se le mie interpretazioni da profano non vi soddisfano] Questo è esattamente l’opposto di quanto è stato insegnato alla maggior parte di noi. Un tempo mi era stato insegnato di considerare il fettone come il pistone di un motore o una fascia per misurare la pressione, con il fettone che comprime e allontana il sangue al momento dell’impatto. In ogni caso, sapevamo da anni che gli zoccoli stessi contribuiscono alla circolazione, ma la grande differenza fra la nuova teoria e le vecchie è che l’espansione e la funzione dell’intero zoccolo non si ottiene semplicemente comprimendo il fettone, e che ora sappiamo quanto sia importante questa espansione per l’assorbimento degli urti e per la longevità del piede; e questo è molto  più importante.
Leggete quanto scritto dal dott.  James Rooney dell’ American College of Veterinarian Pathologists. Si è specializzato nello studio autoptico dei cavalli. Nonostante che tutti quelli che conosco, che  possiedono più di dieci libri sui cavalli, abbiano il suo libro The Lame Horse, le  sue sbalorditive osservazioni sulle alterazioni nel navicolare sono passate largamente inosservate nelle comunità dei maniscalchi e dei veterinari.  Spero di modificare questo stato di cose.

Sappiamo da molti anni che alcuni cavalli con alterazioni del navicolare sono perfettamente diritti, mentre altri cavalli senza queste alterazioni soffrono di gravi zoppie che originano dalla parte posteriore del piede. Per lungo tempo si è dato per scontato che il danno al navicolare si realizzasse per primo,  per causa di una misteriosa malattia degenerativa, o per carenza di circolazione, oppure, come ho detto nel mio libro  (Making Natural Hoof Care Work For You)  come risultato di un’anomala pressione in questa regione. Posso ancora considerare che due di queste tre cause possano essere una parte di quello che avviene veramente (l’ipotesi della malattia degenerativa è morta e sepolta). Per un lungo tempo si è dato per scontato che il dolore della sindrome navicolare fosse causato dalla frizione del  navicolare già danneggiato contro il tendine flessore profondo; si pensava che lo sfregamento con una superficie ruvida danneggiasse il tendine. Per anni mi sono domandato come fosse possibile. Se fosse stato vero, il dolore avrebbe dovuto aumentare drammaticamente, se un cavallo fosse volontariamente atterrato di punta. L’unico modo di ottenere questo movimento, sarebbe stato di appoggiare tutto il suo peso sul tendine flessore, proprio nel sistema a puleggia che si riteneva gli causasse il dolore!
In migliaia di cadaveri esaminati, il dott.  Dr. Rooney ha osservato che le fibrocartilagini che circondano il tendine flessore e il navicolare erano SEMPRE danneggiate quando c’era rimodellamento osseo. Al contrario, non ha trovato nemmeno un caso in cui il danno all’osso era un reperto iniziale, senza che le fibrocartilagini all’interfaccia fra navicolare e tendine flessore profondo fossero già danneggiate. Nessun caso, in una casistica di migliaia di casi. Rileggetelo ancora se non credete ai vostri occhi.

In particolare, la progressione temporale del danno è il seguente: prima, viene interessata la fibrocartilagine che circonda il navicolare (come ogni forma di artrosi, la prima a essere colpita è la parte convessa di un’articolazione); per seconde, si  danneggiano le cartilagini che circondano il tendine profondo; successivamente, si altera il tendine flessore; per ultimo, si modifica il navicolare. Come? Perché? Se lo è domandato anche il dott. Rooney. Simulando l’atterraggio di punta su simulatori meccanici con gambe di cadavere di cavallo, si è ottenuta una ricostruzione dell’esatto meccanismo da cui inizia il rimodellamento del navicolare.

Durante la locomozione normale, con atterraggio di tallone, il tendine flessore profondo è rapidamente messo in tensione dall’articolazione del pastorale, che sta discendendo. Allo stesso tempo, il triangolare ruota in avanti verso lo stacco da terra, e questo rilascia la tensione sul tendine. Al contrario, nell’atterraggio di punta l’articolazione del pastorale sta ancora tenendo in tensione il tendine subito dopo l’impatto, ma dopo l’impatto della punta, il tallone piomba in basso, mettendo in tensione il tendine. rendetevi conto che in un atterraggio di tallone una delle pulegge va in tensione mentre l’altra la rilascia, ma nell’atterraggio di punta entrambe le pulegge entrano in tensione nello stesso momento. Sulla puleggia navicolare si crea una pressione molto più intensa di quella prevista dalla natura. Si tratta di una differenza veramente notevole, che aumenta molto la forza applicata al tendine e al navicolare. Una forza più grande significa una frizione maggiore, e il trauma ripetuto causa un danno di queste strutture. Questi sono i più importanti risultati che il dott.- Rooney ha riconosciuto e ha documentato da anni (la prima pubblicazione che ho trovato è del 1974!).

Sappiamo da molti anni che i cavalli possono avere grave dolore alla parte posteriore del piede e nessuna alterazione all’osso navicolare. Sappiamo anche da molti anni che i cavalli possono avere delle alterazioni drammatiche del navicolare, ma non avere alcuna zoppia. Il r. Rooney ha provato e pubblicato che è l’innaturale movimento di atterraggio sulla punta (in genere causato dal tentativo di evitare dolore ai talloni) che causa il rimodellamento dell’osso navicolare; non il contrario, come la maggior parte dei professionisti pensa. Comprensibilmente, il Dr. Rooney è una delle persone più amareggiate che io conosca. Migliaia di cavalli navicolitici sono stati abbattuti inutilmente dal momento della sua illuminante ricerca. Erano giusto 40 anni da oggi.
Questa informazione dimenticata si accorda perfettamente con le ricerche più recenti del dott. Bowker. Ha studiato in modo approfondito la parte posteriore del piede. Quando un puledro nasce, i quattro piedi sono identici, anche microscopicamente. Il loro sviluppo è incompleto;  la stimolazione fisica è necessaria per finire il lavoro.
Le fondamenta della parte anteriore del piede sono costituite dall’osso triangolare. La suola e la muraglia gli sono rigidamente attaccate , e ne risulta una struttura dura che svolge la funzione di spinta durante il movimento. Le cartilagini laterali costituiscono le fondamenta per la parte posteriore del piede. Costituiscono un’area cedevole per dissipare la maggior parte dell’energia di impatto; come gli ammortizzatori della vostra automobile. Alla nascita, le cartilagini laterali sono sottili, come il resto del piede. Sono spesse meno di 1/16 di pollice (circa 2 mm) e non si estendono ancora attraverso la base del piede, sotto il fettone. Man mano che il piede cresce, l’espansione, la flessione e la torsione della capsula dello zoccolo fa sviluppare le cartilagini laterali. All’età adulta, i cavalli selvaggi hanno sviluppato delle cartilagini laterali spesse quasi un pollice e un solido pavimento di cartilagine si è formato fra il corion del fettone e il cuscinetto digitale.
Nello stesso tempo, anche il cuscinetto digitale si è sviluppato. Il cuscinetto digitale è  (sede di terminazioni) un centro nervoso molto importante del piede. Quando il puledro nasce, il cuscinetto digitale è fatto di tessuto adiposo. Offre il giusto grado di esposizione per permettere ai nervi di “sentire”, ed il sufficiente grado di protezione perchè il leggero peso del puledro non causi dolore quando la parte posteriore del piede impatta sul suolo.
Ogni volta che il piede tocca il suolo, la pressione e il rilascio del fettone produce una leggera crescita di fibrocartilagine dalla parte anteriore del cuscinetto digitale verso l’indietro. Quando i cavalli selvaggi raggiungono il peso  dell’età adulta, i cuscinetti digitali si sono trasformati in una massa solida di fibrocartilagine. Questo offre alle terminazioni nervose  la protezione adeguata nei confronti della forza di impatto in un cavallo adulto.
Nello stato domestico, invece, tendiamo a tenere i puledri su suolo morbido. La capsula dello zoccolo non può flettersi e deformarsi, e lo sviluppo del cuscinetto digitale resta indietro. Poi tendiamo a ferrare i cavalli a due anni, e impediamo definitivamente che la capsula dello zoccolo si pieghi e si deformi, frenando ulteriormente lo sviluppo completo del suo sviluppo. Il risultato è che molto spesso zoccoli di cavalli adulti hanno ancora cartilagini laterali spesse solo 1/8 di pollice (4 mm), piuttosto del pollice (16 mm) che dovrebbero avere.
<>Nello stesso tempo, il terreno morbido su cui abitualmente alleviamo i nostri puledri limita la pressione sul fettone. Tendiamo anche a fornire ai puledri tutto quello di cui hanno bisogno, per cui loro non hanno motivo di percorrere le venti miglia al giorno che sono abituali per un cavallo selvaggio. Tendiamo a trascurare gli zoccoli dei puledri, permettendo ai talloni di allungarsi e di proteggere eccessivamente i fettoni, riducendo ulteriormente la pressione sui fettoni durante tutto il periodo di crescita del puledro. Il risultato è che con grande costanza lo sviluppo del cuscinetto digitale resta indietro. La parte posteriore del piede rimane troppo sensibile per essere il “punto di atterraggio” che dovrebbe essere e di conseguenza i nostri cavalli cominciano ad atterrare di punta, inizialmente per evitare il dolore. Questo tipo di movimento interrompe del tutto lo sviluppo della parte posteriore del piede.

[Potete facilmente imparare a riconoscere al tatto il completo sviluppo del cuscinetto digitale con la punta delle vostre dita. Se sollevate uno zoccolo e premete l’area sopra i glomi, tra le cartilagini laterali, avrete la sensazione di una consistenza molto più solida e densa in un cuscinetto digitale ben sviluppato. Il modo migliore di sviluppare questa sensibilità e di andare in giro confrontando le sensazioni su anteriori e posteriori. Ponete particolare attenzione alle diverse sensazioni che vi danno cavalli con posteriori belli e  “sound” e con anteriori di scarsa qualità.]
Nel momento in cui molti cavalli sono montati per la prima volta, la parte posteriore dei loro piedi è praticamente inutilizzabile, e provoca dolore sui terreni sassosi. Questo problema si manifesta in modo peggiore negli anteriori che nei posteriori. Alla gran parte di noi è stato insegnato che i cavalli hanno più problemi agli anteriori che ai posteriori, perchè il 60% del peso del cavallo e la gran parte del peso del cavaliere gravano sugli  anteriori. In un cavallo piazzato è vero, ma non appena il cavallo inizia a muoversi il bipede posteriore svolge un lavoro molto più  intenso.

Dal momento in cui i nostri puledri toccano il suolo,  muovono fantasticamente i loro posteriori durante i loro giochi vivaci. Molto spesso, i cavalli domestici sviluppano i posteriori molto più completamente. Questo è importante da sapere. È  l’unico motivo per cui i piedi che lavorano più duramente, i posteriori, hanno un’aumentata resistenza alla laminite, alla navicolite e in generale tendono a essere più robusti e più sani.  Non nonostante debbano fare un lavoro più pesante degli anteriori, ma proprio a causa di questo!

Così, quando discutiamo le alterazioni patologiche alla base della sindrome navicolare, dobbiamo capire che il problema reale consiste nel fatto che la gran parte dei cavalli domestici sono incapaci di atterrare sui talloni nei terreni morbidi, e di certo non lo fanno sui terreni sassosi dove sono nati per vagare. Quando un cavallo è sensibile su suolo sassoso, gran parte delle persone incolpano le suole, ma guardate attentamente come si muovono. Quasi sempre accorciano l’andatura, atterrando sulle punte, e inclinandosi in avanti. Stanno proteggendo i loro fettoni sensibili ed i sottostanti cuscinetti digitali. Il dott. Bowker ha stabilito che più a lungo tentano di  muoversi in questo modo, più diventano deboli le strutture sottostanti.

Il prolungato atterraggio di punta stressa e usura l’inserzione del legamento impari (la connessione fra P3 e navicolare). Il navicolare è parte di una superficie articolare dell’articolazione fra P3 e P2. Quando il cavallo atterra sulle punte, il peso del cavallo di colpo impatta sul navicolare nel momento che i talloni toccano terra. Questo consuma il legamento impari. L’80% dell’apporto sanguigno del navicolare proviene dal legamento impari. Bowker incolpa una riduzione di irrorazione sanguigna del navicolare attraverso il legamento impari per molte delle alterazioni dell’osso navicolare, ed anche dell’esito del tentativo di riparare questa connessione con calcificazioni sul P3 e sul navicolare.

La Michigan State University ha anche scoperto che la riduzione ossea spesso diagnosticata come malattia navicolare è il risultato di una carenza di pressione fisiologica (pensate alla perdita di osso che colpisce gli astronauti durante prolungate permanenze nello spazio) in  questa regione causata dal costante atterraggio di punta, e il dott. Bowker sta costantemente trovando un danno molto maggiore nell’osso triangolare nei cavalli navicolitici, con una perdita del 40-60% dell’osso come reperto comune. Specificamente incolpa il carico periferico, ossia il carico sulla muraglia senza il supporto della suola, e l’atterraggio di punta. Entrambe le cose sottraggono a P3 la pressione naturale richiesta per mantenere la salute e la piena funzionalità.

Nonostante che il dott. Rooney e il dott. Bowker abbiano individuato cause diverse per le alterazioni dell’osso navicolare, entrambi sono chiarissimi nell’indicare che sono il risultato a un atterraggio di punta di lunga data, o del mancato uso della parte posteriore del piede. I cavalli selvaggi del deserto atterrano di tallone su ogni terreno [The Natural Horse; Jackson] . La gran parte dei loro fratelli domestici sobbalzano  dal dolore quando un curasnetta è passato lungo il fettone o attraverso la lacuna centrale e questo dovrebbe cominciare a spaventare veramente il padrone di un cavallo del genere.

In passato (e, sfortunatamente, ancora attualmente, in varie località), quando un cavallo inciampava di punta o atterrava di punta con un passo accorciato, veniva sospettata la navicolite. I nervi della parte posteriore del piede venivano bloccati per vedere se questo eliminava temporaneamente la zoppia, oppure veniva usato il tester per zoccoli per evidenziare un dolore al fettone o ai talloni. Se si confermava che il dolore nasceva dalla parte posteriore del piede, si eseguivano radiografie per evidenziare alterazioni del navicolare. In caso affermativo, veniva posta al proprietario l’alternativa di abbattere il cavallo o di usare una ferratura correttiva per spremere ancora uno o due anni dal cavallo condannato. Vedo ogni giorno che cuscinetti digitali deboli o fettoni con marciume possono causare abbastanza dolore da costringere all’atterraggio di punta. Il dott. Rooney ha accertato che la scelta di un atterraggio di punta comporta danni alla fibrocartilagine del navicolare e al flessore profondo, e che le alterazioni del navicolare si realizzano in un momento successivo. Io ho personalmente constatato che quando si cura il vero problema che causa dolore, la presenza di alterazioni del navicolare non causa alcuna sofferenza al cavallo. E’ avvilente pensare a quanti cavalli sono stati abbattuti per un semplice marciume.

Di fronte a questa situazione abbiamo due possibilità. la prima: possiamo nascondere il problema con ferri barrati e con solette, assicurandoci che il fettone non tocchi mai terra. Sarebbe giusto, se non per le forze distruttive che nel frattempo sono al lavoro. Prima di tutto, più proteggiamo il fettone e i cuscinetti digitali, peggiore sarà la loro perdita di funzione. Mascherare il vero problema lottando contro i sintomi ci presenterà il conto alla fine. E, cosa ancora peggiore, agendo in tal modo blocchiamo la naturale espansione dello zoccolo e il sistema di assorbimento idraulico degli urti. Quando alziamo i talloni per proteggere il fettone dolente, gli urti non possono essere adeguatamente assorbiti dall’apparato sospensorio, e dal punto di vista scheletrico (quello che ha veramente importanza per il cavallo) costringerà comunque a un atterraggio di punta (provate a correre con scarpe con i talloni alti o con stivali da cowboy e constaterete esattamente quello che sto dicendo).

Rendetevi conto che tutto questo parlare di atterraggio di tallone riguarda il naturale allineamento delle ossa durante la locomozione; NON i talloni esterni come li vediamo. Se i talloni di un cavallo sono artificialmente rialzati e toccano terra per primi, P3 potrebbe ANCORA atterrare di punta e causare le stesse forze innaturali. Tutte queste ricerche possono essere riassunte dicendo che la nozione lungamente sostenuta che alzare i talloni procura una protezione al tendine flessore profondo e quindi riduce lo stress sul navicolare, è falso. Mentre potrebbe valere nel cavallo fermo, avviene esattamente l’inverso nel cavallo in movimento. Talloni bassi

( tali da rendere quanto più possibile il movimento confortevole sul terreno a disposizione )

 un breakover corto, uno zoccolo funzionante normalmente e un atterraggio di tallone minimizzano lo stress al tendine flessore profondo e quindi alla regione navicolare.

Il risultato di questo movimento innaturale è il fatto che la gente ritiene normale che un cavallo abbia problemi alle articolazioni o alla schiena, e che possa essere considerato vecchio quando ha dieci anni. La verità è che in natura i cavalli sono sani e vigorosi per un tempo tre volte più lungo dei cavalli domestici [Jackson]. Una delle principali cause di questa drammatica differenza è il logorio dei loro corpi che noi provochiamo con i movimenti molto innaturali di cui stiamo parlando.

Non mi interessa dibattere il problema “ferrato o sferrato” con la gente. Un maniscalco istruito può presentarsi con argomenti convincenti a favore della ferratura e i dibattiti vivaci mi mettono in agitazione lo stomaco. Tuttavia, alla luce delle moderne ricerche sullo sviluppo dello zoccolo, penso umilmente che i veterinari dovrebbero intervenire e andare su tutte le furie se qualcuno ferra un cavallo prima che le strutture interne del piede siano completamente sviluppate!

Qual’è l’atra possibilità quando dovete occuparvi di un cavallo navicolitico? Risolvete i problemi veri. Questo si fa rimettendo al lavoro i fettoni e i cuscinetti digitali (spero che nessuno imparerà a pareggiare da questo articolo. Ho scritto un intero libro, un gran numero di articoli e una piccola parte di un vasto programma di addestramento, quello della AANHCP, a quello scopo). la suola del cavallo dev’essere lasciata stare mentre i talloni gradualmente si abbassano accettando la pressione quanto il cavallo la può sopportare. E come camminare su una corda da funambulo. Se andate troppo piano, non fate progressi. Se andate troppo veloci, il cavallo diventerà ipersensibile nella parte posteriore del piede è camminerà comunque sulle punte, e non farete progressi (leggete “L’altezza dei talloni: il fattore decisivo”). La capacità di camminare su questa fune sospesa separa i maestri dai taglialegna, nel pareggio dello zoccolo. Evitate di pareggiare il fettone, tranne che togliere ogni parte già distrutta da un processo patologico. Occorre lasciarlo indurire in un denso materiale calloso come la suola. Tenete il breakover dove dovrebbe essere, in in relazione al triangolare (leggete “Breakover”).
Fate tutto quello che potete per asciugare l’ambiente del cavallo. Paddock ben fresati e box con uno strato profondo di ghiaia rotonda dovrebbero essere forniti al cavallo per l’intera o almeno per una buona parte della sua giornata, se vivete in regioni umide. Permettetegli tutto il girovagare possibile in compagnia di altri cavalli e cavalcate spesso su terreni in cui il cavallo può ( si dimostra in grado di ) atterrare di tallone. Usate le scarpette (io preferisco le Boa Boot in gran parte delle circostanze) per cavalcare il cavallo sui terreni in cui sarebbe costretto a atterrare di punta. Per il resto del tempo, lasciatelo scalzo. Il terreno rinforzerà la parte posteriore del suo piede. Evitare il contatto del fettone con il suolo, ostacolando la circolazione con un ferro o una scarpetta permanente, sarebbe controproducente. Man mano che il fettone si ritira, seguitelo con l’altezza dei talloni, facendo in modo che i talloni restino sempre all’altezza della parte posteriore del fettone finché, così facendo, li avrete abbassati fino al livello della suola buona. Non tagliate mai dentro la suola buona per nessun motivo.

Spesso, i cavalli con una ridotta salute dei fettoni e dei cuscinetti digitali mostrano zoppia e/o atterraggio volontario di punta su ogni tipo di terreno, e lo fanno anche se indossano scarpette o ferri. Ho visto che aggiungendo solette in schiuma nella scarpetta sotto il fettone questi cavalli si muovono immediatamente in modo comodo e corretto. Siccome la scarpetta di per sè allevia molto efficacemente la pressione sui fettoni e l’aggiunta della soletta aumenta notevolmente la pressione in quest’area, posso solo presumere che il dolore originale sia causato dalla vibrazione, più che dalla pressione. Forse lo smorzamento della vibrazione è un importante ruolo del fettone e dei cuscinetti digitali e la soletta imita artificialmente questo effetto. I cavalli di cui parlo hanno dei progressi drammatici nella guarigione quando fanno molto esercizio con questi accorgimenti.

Per fare questo uso le scarpette Epic e ottengo solette ritagliando del neoprene da sella (è disponibile dal gennaio ’06 una nuova soletta prodotta a Easycare dalla durata molto superiore alle solette da sella). SE una scarpa è della misura perfetta per il cavallo, taglio un cuneo  triangolare con la forma del fettone, lo fisso al piede con un singolo pezzo di nastro adesivo e poi metto la scarpetta. Se la scarpetta è di misura leggermente più grande del piede del cavallo, taglio la schiuma in modo da ottenere una soletta della misura dell’intera suola della scarpetta e la uso come soletta interna. Tuttavia, questo crea una scarpetta destra e una sinistra, e devono essere segnate di conseguenza.

Potete provare diverse combinazioni di solette e quasi sempre troverete una combinazione che permette ai cavalli di sentirsi comodi anche quando nient’altro ha funzionato. Miglia di lavoro con questi supporti faranno sviluppare le strutture interne più velocemente che qualsiasi altra cosa che io conosca e vi riporteranno sul cavallo quando altrimenti sarebbe stato impossibile. Sono una vera magia per un cavallo navicolitico!

(Per favore, leggete l’articolo “Scarpette e solette” su questo sito per leggere descrizioni più dettagliate e per vedere  immagini).

Molto rapidamente, il fettone e i cuscinetti digitali si irrobustiranno e il cavallo si sentirà a suo agio. Se c’è danno al navicolare, il danno rimarrà presente a lungo dopo che il cavallo avrà superato la zoppia, ma il cavallo probabilmente non se ne accorgerà. Alcuni sostengono che il danno verrà riparato nel corso del tempo, ma nessuno se ne preoccupa più  di tanto, una volta che il cavallo si sente meglio, e così non ho ancora sentito di nessuno che l’abbia provato o l’abbia documentato. Sono molto eccitato dalla scoperta che il dott. Bowker sta sistematicamente documentando la progressiva  guarigione nel tempo di molti cavalli navicolitici. Non vedo l’ora che siano pubblicati i suoi risultati.
Il dott. Rooney sostiene ancora che il danno al navicolare, una volta iniziato, è irreversibile. D’altra parte, ho visto con i miei occhi questi cavalli ritornare al lavoro e a un’apparente pieno benessere. Dopo aver dibattuto a lungo questa apparente contraddizione, stavo cominciando a pensare che stavamo andando verso “un accordo sul fatto di essere in disaccordo” . Poi ho capito che stavamo parlando di due cose diverse. Uso me stesso come esempio. Una notte, da ragazzo, ho incontrato la macchina sbagliata e mi sono spezzato quattro vertebre della parte bassa della schiena, che adesso sono fuse in un unico blocco dall’opera del chirurgo. I miei polsi  sono irreversibilmente danneggiati dal fatto di appendermi sulle dita, quando ero rocciatore. Le bici da fuori strada mi hanno rovinato le spalle. La corsa nei letti dei ruscelli asciutti mi ha rovinato le ginocchia. Sarebbe possibile definirmi clinicamente sano? No di certo. I Rx rivelano sempre gli errori del mio passato e un buon test di flessione mi immobilizzerebbe dal dolore per tre giorni. Tuttavia io mi sento benissimo, e svolgo ogni giorno uno dei lavori più pesanti che un uomo possa sopportare con un gran sorriso sul volto. A me basta e avanza, e lo stesso vale probabilmente per la maggior parte dei cavalli navicolitici.
Quando i problemi al navicolare sono trattati semplicemente come un sintomo di una semplice perdita della funzione della parte posteriore del piede, ristabilire la salute è in genere un compito facile. Ho visto personalmente cavalli con navicolite confermata sopportare anni di dolori mentre i proprietari pagavano per la ferratura ortopedica, solo per vederli tornare perfettamente dritti dopo alcuni giorni di un pareggio adeguato e della opportunità di stare scalzi. In altri è un processo più lungo, ma deve ancora capitarmi un caso di fallimento nella cura di un cavallo navicolitico (Si, so che prima o poi mi succederà, ma ho scritto questa frase anni fa e sto ancora aspettando). Ma la cosa veramente notevole che il lettore può trarre da tutto questo è che tutto quello che avviamo discusso può essere prevenuto. Noi programmiamo la durata della vita e il potenziale atletico dei nostri puledri quando sono molto giovani. Prendetevi cura dei loro piccoli zoccoli, e permettetegli di camminare per qualche tempo su terreno duro e irregolare. Accertatevi che i loro fettoni e i loro cuscinetti digitali siano abbastanza forti da permettergli l’atterraggio di tallone su qualsiasi terreno. Nel tempo riceverete gli interessi del vostro investimento.

 

Balance end the Live Sole Plane – Pete Ramey

BALANCE AND THE LIVE SOLE PLANE                                  Pete Ramey
When I was first learning the farrier trade, I was fortunate enough to be taken under the wing of an old shoer right before time caught up with his wrecked body enough to put him out of business. He had been taught years before by another old shoer, and I doubt very seriously that either of them had ever read a paragraph of a farrier text and definitely not a veterinary paper. His methods were very simple. Keep the horses barefoot and well trimmed during the off season to “drive up the sole”, keep the heels low and the shoe way back under the horse. “Cheat” the toes back if you need to, leave the frog alone and most of all, leave the sole alone and let it tell you where the foot wants to be. In fact, I am pretty sure I never really used a hoof knife until I was on my own. His dietary and conformational skills were apparently limited to a strong distaste for fat on a horse. “You’d better back off on that horse’s feed or he won’t be able to carry you anywhere.” That was pretty much it, as far as the horses and their hooves go; the rest was all metal work.
As I later studied deeper into corrective shoeing and worked hard to educate myself, I came to think him as a “cowboy shoer”; incompetent even. I failed to notice the fact that the people in the fancy barns who used the expensive “educated” corrective farriers had horses and hooves that were wrecked with problems. I also conveniently forgot for a while that very few of the horses in my teacher’s care ever had a problem at all. When they did it was usually from an injury and not sore feet. Which came first, the chicken or the egg? My answer at that time would have been wrong. Since then, I have systematically had to unlearn many of the things I learned to do to the horse that once made me feel superior to my teacher and at the same time developed a deep respect for the pure, raw effectiveness of his simple, “uneducated” ways.
These days I have traded in my metal shoes for state of the art hoof boots, and I have learned the awesome power in allowing the “off season barefoot healing period” to extend throughout the horse’s life. I have gone full circle and become one of the loudest voices in the world to “trust the sole”. I’m not alone; thankfully the whole farrier world is shifting in that direction. Is this the “fad” for the 2000’s? No, it is an important, basic fundamental of hoof care that the scientific farrier community just forgot for a while.
Let’s take it all a step further. In my book (Making Natural Hoof Care Work For You) I taught the typical hoof balancing methods practiced by most farriers with a footnote added that said I felt that this “cosmetic” balancing was wrong, but wasn’t quite ready to talk about it. After four years of constant experimentation since writing that, I am ready now. I now am convinced that the “little bit of sole” I would have had you to remove to achieve balance, is a direct violation of everything the horse is trying to do to protect himself and optimize performance.
The problem with traditional thoughts on hoof balance is that we are programmed to set horses up to be in balance while standing square on concrete. Few horses are asked to perform while standing square on concrete and I have never seen a horse limp or get injured while standing square on concrete either. If left to its own devices on, a horse will not stand square at all, but cock to one side and rest one foot at a time, just as you would. So what is the significance of balancing horses this way? I say none.
Like with most things, I came to this backwards. I started deeply studying the way horses move and wondering how I could make things better for each horse in my care. One of the most dramatic “for instances” is a horse that is worked extensively at the trot on a hard track or road. When a horse trots the hooves fly inward and land under his center of gravity. The footprints look like a tightrope walker. This is normal, natural, and efficient. As I observed this movement, I also noticed that the outside heel on a “cosmetically balanced” hoof lands first and that after this impact the hoof slams inward as the other heel is driven to the ground, snapping the fetlock and pastern joints. Knowing how destructive this could be, I decided I should experiment with lowering the outside of the hoof so that it could land in a more balanced way while the horse was performing the hardest work asked of it. Very quickly, in case after case, I found that the live sole plane was already begging for it. I didn’t have to invade the sole or leave anything higher than the sole to achieve this “balance for work”. In fact, these were the very hooves I would have previously had to invade the sole a bit to achieve cosmetic balance. I noticed this in case after case and it slowly became obvious that the sole could be totally trusted for optimum heel balance and toe balance as well.
The same thing holds true in problem horses. The “pigeon-toed” horse is a prime example. When a horse toes in, you will usually find that the joints of the pastern and/or fetlock are set in an inward angulation. This is readily visible when the hoof is picked up and the angle of the frog turns in relative to the lower leg. If you try to twist the hoof with your hand so that the frog is in line with the leg, you will often find that it is impossible or painful to align the two. Traditionally, the inside toe has been lowered to try to straighten the leg. Doing this puts enormous strain on the joints and never seems to permanently change things for the horse anyway. Cutting a straight hoof onto a crooked leg is just as damaging to the joints and tendons as cutting a crooked hoof onto a straight leg! We have to accept what is there to work with.
By allowing a bit of cosmetic imbalance to remain in the hoof, we optimize the way the horse can move with what he has to work with. A pigeon-toed horse will almost always grow severe flare in the walls on the inside toe. If you have read my book you know that growing out wall flare is one of the top priorities of my trimming. I have many customers who think I have fixed their pigeon-toed horses, when in fact all I have done is grow out the flare. The 1/8 inch of imbalance the horse needs is still there and I haven’t made any attempt to correct it. It’s just imperceptible to the lay eye.
Please understand that I am talking specifically about adult horses here. In a foal, I will go to great lengths to combat any imbalance. After the joints are set and the bones finish growing, though, it is far better to allow the horse to forge the hoof he wants to. We aren’t smart enough or subtle enough to figure it out for him, but the sole will tell it to you every time.
This is not to say that I am not correcting imbalances. In fact I have become quite confident that treating imbalances of the hooves and limbs this way gives superior ability to correct those imbalances which can be corrected and maximum support to those that cannot (AND THE WISDOM TO KNOW THE DIFFERENCE) . Any experienced farrier can name countless imbalances he/she has worked out and some that tend to hang around in spite of every effort. I was the same way when I was still shoeing and still am very much in the same boat today (but not as often). The problem with trying to force a limb to straighten is that we overstress the joints, tendons ligaments and muscles and cause damage or soreness. The horse then moves in a manner that protects the injuries and the imbalance is perpetuated or worsened. By trusting the live sole for balance we work with the horses’ self healing abilities, rather than fighting against them. The result is amazing ability to straighten long term balance issues no matter where they are in the horse’s body or hooves.
How could it possibly be that simple? Realize that the horse is a wild animal that we have brought into domestication. He is highly adaptable and the only reason we have to care for the hooves at all is that the domestic horse doesn’t get the twenty miles a day of movement over rocky, varied terrain he was meant to. The hoof wall and the sole protect each other. The hoof wall is the tough, protective outer shell and the primary “digging out” tool of the hoof. Everyone agrees that it protects the sole, but few people realize that in nature, the sole protects the hoof wall in return. In feral horses, the wall rarely grows past the sole, yet in spite of the extreme conditions, doesn’t wear too short either. I have seen the same thing in the naturally trimmed horses in my care. I have professional trail horses working hard in rocky terrain every day, and even carriage horses working barefoot on the street. In my experience with literally thousands of barefoot horses I have never seen a horse fail to put out enough growth to do what the owner wanted it to do. Not even once.
The simple reason is that I never let the hooves in my care grow more than ¼ inch past the sole and don’t let them flare. Yes, the hooves are alive and as with every living thing they have their limits. It’s just that those limits are way beyond what most people think they are. Most farriers and horse owners not schooled or experienced in natural hoof care would quickly say that they have seen excessive hoof wear many times. What they have seen, though, are hooves that have overgrown and then broken away in chunks, not excessive wear. This is because the sole and its attachment to the hoof wall protects the hoof wall much the way our fingers protect our fingernails. I work very hard with my hands every day and have never once broken a nail. My fingernails aren’t of better quality than my mom’s, who does break nails. I just keep mine trimmed short so that my fingers protect them.
The supercorium (all of the venous, nerve filled living tissue that lies under and produces the hoof wall, sole, white line and frog) is alive and receiving information every second of every day of a horse’s life. It reads the terrain and needs of the horse and reacts accordingly by putting out the growth it needs in the areas it needs to support optimum movement and also the healing of problems. It assumes that given natural wear (or routine natural trimming) the hoof wall will maintain itself at or slightly above the height of the live, calloused sole. If a horse needs a high heel on one foot because a shoulder injury won’t allow that leg to move as far forward in the stride or if the horse needs a cosmetic imbalance in one hoof because of a crooked fetlock joint, the supercorium adjusts the growth and it will show up in the sole. In nature, the hoof wall on that hoof would wear to the sole, placing the hoof wall in the optimum position at a given time. In domestic horses, most farriers fight tooth and nail to try to make the hooves match each other cosmetically. Usually it is a losing battle for the farrier, with the movement of the horse getting less balanced, and the lameness increasing more and more as time goes by.
The natural way to deal with this is to respect what the horse is trying to do by trusting the sole for hoof wall height. At the same time, do anything you can to diagnose and heal the real problem. The result is a better life for the horse and the optimum healing power for the problem. I know many “club footed horses” that move with beautiful balance and comfort, because I am working with nature rather than fighting her.
I sat down and started writing my book with only two goals in mind. I wanted to stop barefoot trimmers from carving out the sole in the back of the foot, and I wanted to stop farriers from rasping the sole out from under P3 at the toe. It grew into more on its own, but those were the marks I hoped to leave on the world. Since then, obviously, I have learned to stop trimming it myself, even for balance. Let’s talk about the first two some more.
My book has made a difference I know, but there are still barefoot trimmers out there who are coming up with reasons to trim the live sole at the back of the foot. Usually it is to straighten the bars. I have worked with several professional trimmers who just can’t shake that feeling that the crooked bars are causing pain. They just can’t stop carving into the sole to try to straighten them. I have gone into their areas and looked at their horses. The soles are flat and the horses are tenderfooted. They have no idea how poorly their hooves look or perform, compared to those of barefoot practitioners who respect the sole. When you leave the live sole alone you will quickly have deeper concavity and lower heels than you ever would have dared to trim. This is one more effort to get this across.
The thickness of the live sole will adjust to perfect uniformity quickly after you stop trimming into it. Solar concavity must be built, by densely compacted sole material being built up to natural thickness and following the natural concavity of the structures underneath. Solar concavity cannot be trimmed into the hoof because every time you trim the sole away, you undermine the sensitive tissue above, and it drops lower. The bars can’t straighten up and help support the horse until there is vertical room for them to stand up. This vertical height can not be achieved until the sole is no longer being cut. Barefoot practitioners who don’t trim into live sole and use the sole as a guide for trimming the bars have sound horses and strong, straight bars and they rarely even have to trim them at all. (If I totally lost you in the last two paragraphs, don’t worry about it. You don’t want to know.)
And for the farriers; be sure you recognize that the angle of hoof wall growing just below the coronet is what the horse needs to continue all the way to the ground. Look at this carefully, because it is causing a world of hurt for horses. The live sole under the tip of P3 is very uniform in thickness. It is around a half inch thick, and will not get thicker without piling into dead flakes or soft, rotting material. (An exception being false sole. Please read my book for details) The live sole very accurately shows you the p3 position, and thus proper balance. If you find yourself “needing” to rasp into live sole at the toe or allowing the heels to grow past the sole to achieve pastern alignment or desirable toe angle, look at the hoof from the side at ground level. You will see that the wall is flared from the coffin bone (The angle just below the coronet). You will need to leave the live sole alone under P3 and work to grow out the toe flare, or you are ensuring major trouble for the horse down the road.
When you rasp into live sole at the toe you are bringing P3 too close to the ground. It varies slightly from horse to horse, but generally speaking, the apex of the frog should be around 3/4 inch deep into the solar concavity in a #1 sized hoof. Lay a rasp across the hoof walls (after trimming them to 1/16 inch above the sole). If the apex of the frog is not at least 3/4 inch deep, no sole should be touched at the toe for any reason. Back up toe flare so that tightly connected wall can grow in. If you are concerned about pastern alignment or hoof angle, look at the angle of growth at the coronet. I’ll bet you will find that you and the horse are actually in agreement. When you grow out the flare, you will both like the results.
I know that the total trust of the live sole plane for toe height, heel height and hoof balance seems oversimplified. If only you knew the hard knocks I have seen to get to this point. Understand that at one time or another I have done each of the things I am protesting in this article. As I have moved past each of them my rehabilitative abilities, the performance, and the comfort of the horses in my care has dramatically increased. I hope to turn this learning curve into a straight line for you; for the horse’s sake. Trusting the sole puts Mother Nature on your side, whether you are trying to fix a major hoof problem or trying to shave off 1/10 of a second. And Mother Nature makes a very tough ally!

BILANCIAMENTO E PIANO DELLA SUOLA BUONA      anno 2005   Pete Ramey

traduzione Alex Brollo, corsivo di Franco Belmonte (AHA)

Quando avevo appena iniziato a imparare il mestiere di maniscalco, ho avuto la fortuna di essere tenuto sotto l’ala protettiva di un anziano maniscalco poco prima che si ritirasse . Lui aveva imparato molti anni prima da un altro vecchio maniscalco, e dubito fortemente che entrambi avessero mai letto una singola riga di un manuale di mascalcia, né, certamente, di una pubblicazione veterinaria. Il suo metodo era molto semplice. Tenere i cavalli sferrati e ben pareggiati durante la stagione in cui stavano all’aperto per “farsi la suola”, tenere i talloni bassi e il ferro indietro, sotto il peso del cavallo.  Arretrare la punta se ce n’era bisogno, lasciar stare quasi completamente il fettone, lasciar stare la suola e lasciar che dica come il piede vuole essere. In effetti, sono assolutamente certo di non aver mai usato un coltello da zoccoli fino al momento che mi sono messo per conto mio. I suoi criteri riguardo l’alimentazione e la conformazione di un cavallo erano apparentemente limitati a un’avversione per il grasso sul cavallo. “E’ meglio che riduci la razione a quel cavallo o non sarà in grado di portarti da nessuna parte”. Questo era tutto, per quanto riguardava i cavalli e i loro zoccoli; tutto il resto riguardava la lavorazione del metallo.
Quando, più avanti, ho studiato a fondo la ferratura correttiva e ho lavorato duramente per istruirmi, sono giunto a considerarlo “un maniscalco per cowboy”; addirittura incompetente. Non mi ero accorto che la gente in magnifiche tenute che si serviva dei costosi maniscalchi “istruiti” avevano cavalli e zoccoli sovraccarichi di problemi. Per molto tempo, mi è inoltre convenuto dimenticare che i cavalli curati dal mio maestro non avevano mai un problema. Quando succedeva era in genere per un trauma, e non per zoppie. Cosa veniva prima, l’uovo o il pulcino? La mia risposta, a quel tempo, sarebbe stata sbagliata. Da allora, ho dovuto sistematicamente disimparare molte delle cose che avevo imparato e che mi avevano fatto sentire superiore al mio maestro, e al tempo stesso ho sviluppato un profondo rispetto per la limpida, grezza efficacia dei suoi semplici metodi “da ignorante”.
Attualmente ho barattato i miei ferri con le moderne scarpette, e ho imparato l’impressionante potenza di permettere che “la stagione riposo senza ferri” si estenda all’intera vita del cavallo. Ho chiuso il cerchio e adesso sono una delle voci più forti al mondo che gridano “credete alla suola”. Non sono solo; grazie a Dio l’intero mondo della mascalcia sta andando in questa direzione. E’ un “capriccio” del 2000? No; è solo un principio importante, basilare della cura dello zoccolo che la comunità della mascalcia scientifica aveva temporaneamente dimenticato.
Facciamo un passo avanti. Nel mio libro  (Making Natural Hoof Care Work For You) insegnavo i tipici metodi di bilanciamento insegnati dalla maggior parte dei maniscalchi, con una nota a piè di pagina che diceva che avevo l’impressione che questo bilanciamento “cosmetico” fosse sbagliato, ma che non mi sentivo pronto a parlarne. Dopo anni di sperimentazione costante da quando l’ho scritto, adesso sono pronto. Adesso sono convinto che quel “pochino di suola”che avrei dovuto asportare per ottenere il bilanciamento sia una violazione diretta a tutto quello che il cavallo sta cercando di fare per proteggere se stesso e per ottenere le migliori prestazioni.
Il problema riguardo il pensiero tradizionale sul bilanciamento dello zoccolo è che noi siamo addestrati a bilanciare il cavallo che sta piazzato sul terreno duro. A pochi cavalli si richiede un lavoro che consiste nello stare fermi sul terreno duro, e non ho mai visto un cavallo zoppicare o farsi male mentre stava fermo su terreno duro. Se lasciato per conto suo, un cavallo non starebbe affatto fermo e piazzato, ma si appoggerebbe su un lato e riposerebbe un piede alla volta, come fareste voi. Per cui ha senso  ricercare il bilanciamento in questa posizione? Secondo me, no.
Come avviene di solito, ci sono arrivato per vie traverse. Ho cominciato studiando  approfonditamente il movimento del cavallo, e chiedendomi come potevo migliorarlo per ognuno dei cavalli di cui mi prendevo cura. Uno dei casi esemplari è quello del cavallo che lavora intensamente al trotto su tracciati duri o su strade. Quando un cavallo trotta gli zoccoli volano all’interno e atterrano sotto il suo centro di gravità. Le impronte sembrano un percorso lungo una fune. Questo è normale, naturale, ed efficiente. Appena ho notato questo movimento, ho anche osservato che il tallone esterno di uno zoccolo “bilanciato esteticamente” atterra per primo e che dopo il primo impatto lo zoccolo sbatte all’interno nel momento in cui l’altro tallone tocca terra, con un violento scatto del pastorale e delle sue  articolazioni. Sapendo quanto questo shock può essere distruttivo, ho deciso di sperimentare un maggiore abbassamento della parte esterna dello zoccolo, in modo che potesse atterrare in modo più bilanciato nel momento in cui il cavallo eseguiva il lavoro più duro che gli veniva richiesto. Molto in fretta, caso dopo caso, ho constatato che il piano della suola buona me lo stava già chiedendo. Non dovevo entrare nella suola buona né lasciare niente più alto della suola per ottenere questo “bilanciamento adatto al lavoro”. Infatti, questi erano stati gli unici zoccoli in cui avevo dovuto entrare nella suola buna per ottenere il bilanciamento cosmetico. L’ho notato caso dopo caso, e lentamente mi è diventato ovvio che occorre credere in tutto e per tutto alla suola per il bilanciamento dello zoccolo.
Lo stesso vale per i cavalli problematici. Un primo esempio è il cavallo cagnolo. Quando un cavallo ha la punta verso l’interno, troverete generalmente che le articolazioni del pastorale sono angolate all’interno. Questo si nota chiaramente quando si solleva lo zoccolo e si vede che il fettone è ruotato all’interno rispetto alla parte inferiore della gamba. Se tentate di ruotare lo zoccolo in modo da allineare gamba e fettone, osserverete che questo è impossibile o doloroso. Per tradizione, la punta viene abbassata all’interno per cercare di raddrizzare la gamba. Facendo così si sottopongono le articolazioni  a un enorme sforzo e comunque non si ottiene alcun risultato permanente. Rendere diritto lo zoccolo di una gamba curva danneggia le articolazioni e i tendini come rendere obliquo uno zoccolo in una gamba diritta!   Dobbiamo lavorare su quello che c’è.

Permettendo che resti un po’ di sbilanciamento “estetico” nello zoccolo, ottimizziamo  il movimento del cavallo con i mezzi che possiede. Un cavallo cagnolo svilupperà quasi sempre gravi slargamenti nella muraglia della parte interna della punta. Se avete letto il mio libro saprete che l’eliminazione degli slargamenti è una delle priorità assolute del mio stile di pareggio. Ho molti clienti che ritengono che abbia sistemato il loro cavallo cagnolo, quando in effetti io ho solo eliminato lo slargamento. L’ottavo di pollice di sbilanciamento di cui il cavallo magari ha bisogno per compensazione è ancora lì e io non ho fatto il minimo tentativo di correggerlo. E’ solo impercettibile al profano.
Vi raccomando di rendervi conto che sto parlando specificamente dei cavalli adulti. In un puledro, faccio la massima attenzione a combattere ogni tipo di sbilanciamento. Dopo che le articolazioni si sono stabilizzate e le ossa hanno finito di crescere, è molto meglio lasciare che il cavallo si costruisca gli zoccoli che preferisce. Non siamo abbastanza bravi né abbastanza acuti da immaginarli al suo posto, ma la suola ci guiderà sempre.
Non sto dicendo che non correggo affatto gli sbilanciamenti. In realtà, sono realmente convinto che trattare gli sbilanciamenti dello zoccolo e della gamba con questo metodo ci conferisce la maggiore capacità di correggere gli sbilanciamenti che possono essere corretti, e al tempo stesso offre il maggior supporto possibile a quelli che non possono esserlo (E LA SAGGEZZA DI DISTINGUERLI). Qualsiasi maniscalco esperto può nominare una serie senza fine di sbilanciamenti su cui ha lavorato, e di alcuni che tendono a recidivare a dispetto di ogni sforzo. Mi succedeva lo stesso quando ferravo, e mi succede anche adesso (ma non così spesso). Il problema, quando si tenta di forzare un arto a raddrizzarsi, è che sovraccarichiamo le articolazioni, i tendini, i legamenti e i muscoli e provochiamo danni o dolore. Come reazione, il cavallo si muove in maniera di evitare di farsi male, e lo sbilanciamento si perpetua. Dando credito alla suola per ottenere il bilanciamento, noi utilizziamo le capacità di guarigione proprie del cavallo, piuttosto che lottargli contro. Il risultato è di ottenere i risultati positivi di un bilanciamento stabile, e non importa come.
Com’è possibile che la cosa sia così semplice? rendetevi conto che il cavallo è un animale selvatico che abbiamo addomesticato. E’ molto adattabile, e l’unica ragione per la quale noi dobbiamo occuparci dei suoi zoccoli è che il cavallo domestico non può percorrere venti miglia al giorno su terreno roccioso e irregolare, come vorrebbe. La muraglia e la suola si proteggono a vicenda. La muraglia è l’involucro forte e protettivo e il principale attrezzo “da presa” dello zoccolo. Chiunque è convinto che la muraglia protegga la suola, ma pochi capiscono che in natura la suola protegge altrettanto la muraglia. Nei cavalli selvaggi, la muraglia raramente cresce oltre la suola, e tuttavia, nonostante le condizioni durissime, non si consuma mai troppo. Ho visto la stessa cosa nei cavalli pareggiati naturalmente di cui mi occupo. Ho cavalli che lavorano duramente in escursioni su terreni rocciosi, ogni giorno, e perfino cavalli da tiro che lavorano scalzi sull’asfalto. Nella mia esperienza di migliaia di cavalli scalzi non ho mai visto un cavallo a cui la muraglia non è cresciuta abbastanza da  sostenere il lavoro assegnatogli dal proprietario. Nemmeno uno.
La ragione è che io non lascio mai che la muraglia sporga di oltre 1/4 di pollice dal piano della suola, e non permetto alcuno slargamento.

(nella mia esperienza anche per cavalli che vivono purtroppo nonostante tutto continuamente su terreni umidi e quindi bisognosi di presa il quarto di pollice di Pete di una quindicina di anni fa, 6 millimetri, è diventato un ottavo, raramente qualche cosa di più nel caso di cavalli pesanti. Credo che anche Pete nel tempo abbia fatto lo stesso. IL fango vero e proprio necessita più di una riorganizzazione dell’ambiente e educazione del proprietario piuttosto che di una parete ancora più lunga).

Tuttavia, gli zoccoli sono vivi e hanno i loro limiti. Semplicemente tali limiti sono molto più avanti di quanto si aspetta la gente. La gran parte dei maniscalchi e dei proprietari non hanno studiato o sperimentato la cura dello zoccolo scalzo, diranno subito che hanno constatato molte volte un consumo eccessivo dello zoccolo. Quello che hanno visto, in realtà, sono zoccoli che sono eccessivamente cresciuti e che si sono scheggiati, non che si sono usurati. Questo perché la suola e i suoi collegamenti con la muraglia proteggono la muraglia stessa come le nostre dita proteggono le nostre unghie, (se corte). Lavoro duro ogni giorno con le mie mani e non una volta mi si è rotta un’unghia. Le mie unghie non sono di una qualità diversa da quelle di mia madre, a cui si rompono. Semplicemente, le tengo tagliate corte in modo che le mie dita le proteggano.

(il supercorium è inteso come l’insieme del tessuto connettivo, derma, nel quale sono contenute tutte le parti dello zoccolo. Un bollettino di Jackson è espressamente dedicato ad esso dove tratta della infiammazione di quello che chiama supercorium e della inopportunità del termine laminite).

Il  supercorium (il tessuto vivente ricco di vasi e di nervi che sta sotto la muraglia, la suola, la linea bianca e che le produce) è vivo e riceve informazioni durante ogni secondo della vita del cavallo. “Legge” il terreno e le richieste del cavallo e reagisce conseguentemente con l’accrescimento che serve, là dove serve, per supportare il movimento ideale e per rimediare agli eventuali problemi. Egli dà per scontato che dato un certo consumo naturale (o un certo pareggio naturale) lo zoccolo manterrà il livello della suola viva. callosa. Se un cavallo ha bisogno di un  tallone più alto su un piede, a causa di un danno alla spalla che non gli permette di estenderla molto nel passo, e se il cavallo ha bisogno di uno sbilanciamento brutto ma funzionale a causa di un’articolazione del garretto danneggiata, il supercorium regolerà la crescita e questo si manifesterà nella suola. In natura, lo zoccolo di quel cavallo si consumerà fino al livello della suola, posizionando lo zoccolo nella posizione ottimale per la situazione in atto. Nei cavalli domestici, la maggior parte dei maniscalchi combattono con le unghie e coi denti per cercare di rendere simili gli zoccoli dal punto di vista estetico. In genere per il maniscalco è una battaglia perduta; con il movimento lo sbilanciamento peggiora, e la zoppia si aggrava con il passare del tempo.

(sostanzialmente l’asimmetria delle forze in gioco stimola la diversa crescita delle varie parti).
La strategia naturale per affrontare questo problema è quella di rispettare quello che il cavallo sta tentando di fare, dando credito alla suola per quanto riguarda l’altezza della muraglia.

(muraglia della stessa altezza lungo tutto il perimetro della suola preso a riferimento e inviolabile).

Il risultato è una migliore qualità della vita del cavallo e un’ottimale efficacia nella risoluzione del problema. Conosco molti cavalli incastellati che si muovono bene e comodamente, perché sto lavorando in accordo con la natura piuttosto che combatterla.
Mi sono fermato a scrivere il mio libro con questi due soli obiettivi. Volevo che i pareggiatori barefoot smettessero di scavare nella suola buona della parte posteriore del piede, e volevo che i maniscalchi smettessero di raspare via la suola da sotto il triangolare alla punta. Poi è cresciuto da solo, ma quelli erano i due segni che io volevo lasciare. Fino ad allora, naturalmente, ho dovuto imparare a smettere di farlo per conto mio. Il mio libro ha cambiato le cose, come so, ma ci sono ancora pareggiatori barefoot che  trovano ragioni per entrare nella suola viva della parte posteriore del piede. Di solito è per raddrizzare le barre. Ho lavorato con molti pareggiatori professionisti che proprio non sanno scrollarsi di dosso la sensazione che le barre incurvate causino dolore. Proprio non riescono a smettere di scavare nella suola per cercare di raddrizzarle. Sono andato da loro e ho esaminato i loro cavalli. Le suole erano piatte e i cavalli erano doloranti. Loro non riuscivano a immaginare perché i loro zoccoli avevano un aspetto così malandato e prestazioni così scarse, in confronto a quelli dei pareggiatori che rispettavano la suola. Quando rispettate la suola, presto otterrete una maggiore concavità e talloni più bassi di quanto avreste mai osato con il pareggio. Ci vuole uno sforzo per capirlo.
Lo spessore della suola diventerà perfettamente uniforme rapidamente, dopo che avrete smesso di tagliarla. La concavità della suola dev’essere costruita dalla produzione di denso materiale calloso, di spessore uniforme, che segue la naturale concavità delle strutture sottostanti. La concavità della suola non può essere ottenuta scavando nello zoccolo, perché ogni volta che si toglie suola, si toglie supporto ai sensibili tessuti sovrastanti, che “cadono verso il basso”. Le barre non possono raddrizzarsi e contribuire a sostenere il cavallo, finché non c’è per loro uno spazio verticale sufficiente per stare erette. Questo spazio verticale non può essere ottenuto finché non si smette di tagliare dentro la suola. I professionisti barefoot che non tagliano dentro la suola buona e che usano la suola come guida per accorciare le barre hanno cavalli diritti e forti, barre diritte e raramente devono pareggiarle (Se negli ultimi due paragrafi vi ho perso per strada, non preoccupatevi).
E per i maniscalchi; accertatevi di aver capito che è l’angolo che la muraglia forma nella parte più alta dello zoccolo, proprio sotto la corona, quello che deve crescere fino a terra. Guardatelo attentamente, perché questo problema crea molti danni ai cavalli. La suola viva sotto la punta del triangolare ha uno spessore molto uniforme. E’ spessa circa mezzo pollice, e non diventerà più spessa senza cadere in scaglie o in un materiale molle, friabile (un’eccezione è la falsa suola, vi raccomando di leggere il mio libro per i dettagli). La suola viva mostra con molta precisione la posizione dell’osso triangolare, e quindi il bilanciamento appropriato. Se vi sembra di “aver bisogno” di entrare nella suola buona alla punta, o di lasciar crescere i talloni più alti della suola, per ottenere un buona allineamento del pastorale o un buon angolo della punta, guardate lo zoccolo di lato dall’altezza del suolo. Vedrete che la muraglia è slargata dal triangolare (basatevi  sull’angolo della punta proprio sotto la corona). Dovrete lasciar stare la suola sotto la punta e lavorare per eliminare lo slargamento, o provocherete grossi guai al cavallo con il passare del tempo.

(tutto questo articolo è rivolto a chi pareggiatore o maniscalco identifica le varie parti di cui Pete parla e per esperienza se non teoricamente “visualizza”. Le traduzioni di per sé introducono altri problemi e andrebbero forse rivisitate. Considerate che questi sono ormai documenti storici. Da studiare per comprendere non solo la tecnica ma i problemi che via via si sono dovuti affrontare e risolvere. Per la pratica vi consiglio di leggere, o di leggere anche, gli articoli sul sito bitlessandbarefoot-studio che della tecnica di Ramey sono una evoluzione e completamento).

Quando raspate nella suola buona alla punta, portate il triangolare troppo vicino al terreno. La cosa varia da cavallo a cavallo, ma in genere alla punta del fettone dovrebbe corrispondere a una concavità di circa 3/4 di pollice in uno zoccolo di misura 1. Appoggiate una raspa a traverso dello zoccolo (dopo aver pareggiato la muraglia fino a un’altezza di 1/16 di pollice sopra la suola). Se la profondità della punta del fettone non è di almeno 3/4 di pollice, non dovete assolutamente toccare la suola della punta per nessuno motivo. Fate arretrare lo slargamento della punta perché possa crescere una muraglia con una ottima connessione della line bianca. Se siete preoccupati per l’allineamento del pastorale o l’angolo della punta, guardate l’angolo di crescita sotto la muraglia. Scommetto che voi e il vostro cavallo siete d’accordo. Quando eliminerete lo slargamento, otterrete entrambi i risultati.

(Pete intende per combattere lo slargamento la riduzione del lavoro effettuato dalla parete accorciandola innanzitutto per poi finire il lavoro con un bevel ed un roll che interessa solo la parte pigmentata).

Mi rendo conto che l’idea di credere completamente nella suola per ottenere l’altezza della punta, l’altezza dei talloni e il bilanciamento dello zoccolo possa sembrare una semplificazione eccessiva. Se solo immaginaste le botte che ho preso per arrivare a questa conclusione. Ho dovuto vedere le cose con i miei occhi per arrivarci. Ho fatto ognuno degli sbagli che deploro in questo articolo. Quando li ho superati, uno per uno,  la mia efficacia eriabilitativa, le prestazioni e il benessere dei cavalli di cui mi occupo sono drammaticamente migliorate. Spero di aver raddrizzato la vostra curva di apprendimento, per il bene dei cavalli. Credere nella suola che Madre Natura mette inal vostro fianco, sia che stiate cercando di risolvere un grosso problema dello zoccolo, sia che stiate cercando di guadagnare 1/10 di secondo. E Madre Natura è un alleato potente!

 

The End of White Line Disease – Pete Ramey

THE END OF WHITE LINE DISEASE        (UPDATED 5-5-05)                    Pete Ramey
Copyright 2005
First of all “white line disease” is a misnomer. It is not a disease at all. It does seem to be an epidemic, though, so teaching farriers to deal with it has become my top concern. The telltale signs are stretched white lines and deep grooves filled with rotting material, where healthy hoof walls and white lines should be; flares that won’t grow out, hooves that won’t hold a shoe, soles that remain flat in spite of the most diligent care, and recurring abscesses. This list goes on. The bottom line is that the hoof wall becomes detached from the lamina and it seems impossible to most professionals to do anything about it.
In the past, a broad spectrum of bacteria, fungi, viruses, yeasts, etc. were blamed. Michael Wildenstein of Cornell University recently published a wonderful study in Hoofcare and Lameness magazine and the American Farriers Journal that identified fungal infection as the culprit on the leading edge of the destruction, with all of the other pathogens following behind. If the problems are all coming from fungal invasion, we should be able to open up the damaged areas, treat with an anti-fungal product, and have no more problems; right? Farriers and horse owners everywhere are finding out this is not the case, as hooves continue to fall apart before their eyes.
Is fungus really the problem? Certainly it is a part of the problem. The reason this is on everyone’s mind right now is that the eastern U.S. has recently had very wet weather, following a four year long dry spell. The fungi are having a field day with our horses’ hooves, skin and lungs. As awareness has increased, horse owners and farriers in dry environments are realizing they have been plagued with it for years as well. But, I have found that “white line disease” can be conquered with a three part attack of 1) making adjustments to the environment, 2) making adjustments to the diet, and 3) competent natural hoof care. If you choose to ignore any of the three components, your results will probably be incomplete or downright unsuccessful, but using the three together, the separation rarely stands a chance.
Horse hooves are highly adaptable. In nature, horses living in arid, high desert regions develop very short, deeply concaved hooves that resist chipping and excessive wear very well. Their rugged durability mirrors the terrain they move on every day. A wild horse living in a soft, wet environment has a very different hoof form. The hooves have slightly flatter soles, and a more flared form that can chip and break away in the soft, wet ground where the wearing of hoof horn is impossible. The key things that these two hoof forms have in common, is that the bone column remains correct in both, and the hoof can do its job in its relative terrain. I may stand alone here, but it is my firm opinion that the very thing that allows hooves in a wet environment to flare and chip, rather than severely overgrowing and setting up a very dangerous situation for the horse, is the very fungal invasion and wall separation we are trying to fight. In other words, the separation is a defense mechanism. Am I nuts? Just use your head.
Can you imagine what would happen without this separation and flaring? Picture a wild horse herd, living its twenty mile per day nomadic lifestyle, foraging over the sparse rangelands. Now if the herd crosses over a ridge and finds a lush fertile valley, with a soft wet river bottom covered with lush green grass, what do you think they will do? Knowing they are just horses, I’d say they would stay right there until they ate every bite, or a predator ran them off.
Immediately, their hooves will overgrow. The rapid growth and thick calloused horn will not be able to wear at all standing around grazing on the soft ground. If nature had not built in a defense system for this situation, that would be the end of the whole herd. The hooves would grow very tall; forcing the bone columns into very unnatural positions, and lift the horses onto “stilts”. The horses would undoubtedly break their legs, and there would be no way for the hooves to recover and remove the excess horn.
Fortunately, the horses have been well prepared for dramatic change to environment. Like many of nature’s ways, it’s not pretty, but it works. The hoof walls begin to separate from the horses’ coffin bones. As the hoof walls flare away, fungi find a perfect environment in the separations and splits and begin to feed on the hoof walls. This further weakens the hooves, and they break away in chunks. Is this bad news for the horse? Not necessarily, because all of this “destruction” is saving their lives. There will be no unnatural hoof wall length to twist their joints into damaging positions, rob P3 of its natural support by lifting the sole off the ground, or disrupt their ability to move. As soon as they get back to their nomadic lifestyle the flared, weakened wall will finish breaking away, and healthy horn can replace it.
Recent research from Michigan State University (Bowker) shows that the dermal laminae in domestic horses go through startling changes where flares are present. They actually become forked, and then the fork spreads back to the base until the lamina has divided into two weaker ones. This is the body’s reaction to stress and an attempt to “hang on” to the flared walls. In contrast, flared wild hooves that come to the University don’t show this division. In other words, in spite of the fact that the wild horses are moving twenty miles a day on very rocky terrain, the hooves are not stressed. Why? Only in domestication do we try to force flared walls into a support role. In the wild, a flared wall is moved out of an active support role, and the body makes no attempt to hold onto it.
We recently found wild horse hooves in the Great Basin of northern California. The horse was killed in a cattle grate. She was mature and had beautiful hooves, but some flaring was present after a winter in the snow. She has approximately 410 laminae per hoof, opposed to the “normal” 550-600 we see in domestic hooves (not under natural care). In spite of the fact she had lived most of her life on a solid bed of baseball sized lava rocks, her feet had been subject to far less stress than her domestic brothers standing in soft pastures!!!
The flaring she had was simply the natural way getting rid of the excess growth she had during the snowy months. This may seem like a bizarre concept to you at first, but I’ve come to view founder, flaring, and even fungal infection as necessary and healthy adaptations the hooves can make, and we just let them run away to extremes in domestic horses.

ENVIRONMENTAL CONCERNS
So if wall separation is natural and necessary in soft, rich, wet environments, why do natural hoof care practitioners working in wet regions use the high desert hoof as their model? Because people like to ride their horses on firm, rocky footing, and “tricking” the domestic hoof into adapting to a closer facsimile to the high desert feral hoof is essential for barefoot riding on such terrain. It is also essential for restoring a hoof with a severe wall separation to something that can be shod, so even if you have no interest in riding barefoot or in hoof boots, you can find help here. Fungi and bacteria have a hard time invading tight, healthy hooves, so the closer we can maintain the hooves to imitate the desert feral hoof the safer the horse is from opportunistic pathogens.
The movement towards 24 hour turnout can been overdone and improperly used, I think. The truth is that wetness, lush grass and soft ground are our hooves’ fiercest enemies and the harm done to them by standing for days on end in the rain can overshadow the good done to the body by 24 hour turnout. A better plan during wet times (or perhaps anytime if the only pasture available has soft ground) is a compromise. Do everything you can to dry up the horse’s terrain, allow as much exercise as possible, and bring the horse in for “drying out” periods.
I see amazing results for horses when owners put a four inch bed of pea gravel (literally the size of a pea or slightly larger) in their stalls and small paddocks. It actually is very easy to keep clean (as long as you keep on top of it) and is comfortable bedding. It dries out and toughens hooves like nothing else. Another great wet weather option is to provide a dirt paddock that is scraped often with a tractor. The hooves will tamp it into a concrete-like surface if the manure is routinely removed, and soon after it stops raining, the hooves will be dry. This is also a wonderful alternative when dew is soaking the grass and causing the hooves to be wet all night.
If you can provide a combination of both options for your horses, you will watch as most of your problems melt away. Everyone’s situation and capabilities will vary, but the bottom line is that if we want to stop nature from telling the hooves it is desirable to flare and be infected by fungi, we must dry up their situation as much as possible, keep their hooves from becoming too long and get them living on rougher terrain.

DIET
No human was intended to eat cream filled chocolate éclairs. Ever. Some human’s bodies forgive insult better than others, though. I could probably eat ten of them a day without adverse effects, because the horses in my care ensure that I get more than my share of exercise. If my dad ate three of them a day, he would probably blow up like a balloon and notice adverse effects on his health immediately. If his dad ate even one of them, it would most likely kill him on the spot.
Our horses are in the same situation with the rich feeds we were taught to give them. Some get along okay, especially if they are young, active, and don’t have a specific problem in the body that causes them to have trouble processing sugars. In the end, though, it all eventually catches up with them. Lush, fertilized green grass, legumes, fruits, acorns, grains and molasses are all poisoning our horses every day. Our recent wet weather has caused a dramatically increased nutritional value and yield to our pastures. While most hoof care providers realize the importance of eliminating these things from the diet of a foundered horse, few realize how many “little” problems they are causing, like white line disease.
One of the first things to happen on the onset of laminitis is an increase in MMP production. (Pollitt) MMP’s are enzymes that naturally help to remodel the hoof to horse attachments and during even very mild laminitis can kick into overdrive and attack the membrane (basement membrane) surrounding the live corium (quick). The result is a separation of the hoof wall from the laminae. This initial separation occurs at the basement membrane (a layer of proteins) between the live dermal and the epidermal basal cells.  The dead or damaged basement membrane is the entry point where the fungi usually establish themselves in the hoof. Pollitt has established that this damage occurs first in even the mildest of laminitis episodes. Even if the horse is not in the typical severe pain associated with laminitis (that we can notice), the rich diet has been at work, destroying the hoof wall’s attachment. (Read “Laminitis Update” for a much deeper look into how the diet effects white line integrity)
I am going alone out onto a limb here, but I think this is, too, is a defense mechanism. Horses have been in domestication for a short time relative to their time on earth. Their bodies think they are wild, free roaming, and have just stumbled into an oasis. The only logical way for the hoof walls to react is to attempt to separate themselves from the horse to avoid the dangers of excessive length and preserve P3 support by the ground. The resulting dead tissue of the basement membrane is an ideal entry point for fungal infection to spread the damage. If a horse is not in pain from inflammation of the supercorium (laminitis), yet the hoof walls continually separate from the laminae, it is probably doing precisely what the rich feed it is receiving is telling it to do. To reverse this destruction, simply treat the horse as if it were suffering from a classic founder episode, and restrict the diet to free choice grass hay, salt block, mineral block and water. Better yet, feed horses that way and PREVENT founder and white line disease.

Don’t ignore this step. It is at the root of every “hard case” I have ever seen. Most people supplement their non-working horses out of fear they will lose weight. If you showed me a human Olympic athlete and I pointed out that I could see his ribs and recommended that he start spending more time on the couch and that he eat ten crème filled chocolate éclairs per day until he was healthier, you would laugh at my ignorance. So why do so few people see the same thing where their horses are concerned? The same advice makes perfect sense to people when talking about a horse! An increase in feed without an increase in exercise can only add unwanted fat to the horse. If you want your horse to gain weight that is actually beneficial, increase his exercise while providing adequate nutrition, just as you would for the human athlete. Believe it or not, free choice mixed grass hay alone, does this very well for a shockingly high percentage of horses.
HOOF CARE
Now for the part you’ve been waiting for; the trimming. I put it last because it is the least important of the three steps, but like the other two, can’t be ignored. The rise of white line disease has driven thousands of horse owners and farriers to natural hoof care. The more a farrier tries to patch or cover up the damage, the wetter and darker the environment becomes for the fungi, and they just get happier and more aggressive. Eventually there is no way to attach a shoe. The hooves must be bare to fix the situation. The flared walls and weak, separated lamina cannot be asked to carry the weight of the horse! Active wall support in this situation can only spread the damage and cause excruciating pain for the horse.
The trimming is simple, with nothing more being done to the errant hoof walls than the basic trimming taught in my book. Particular attention is paid to the aggressive removal of wall flare in the lower 1/3 of the hoof capsule, while the sole is pretty much left alone. (Don’t try to learn to trim from this article, please. I wrote a detailed book that teaches natural trimming step by step.) A very large bevel or mustang roll must me applied to the entire outer wall to keep the wall from tattering further, and it must be diligently maintained. It is very important that you do maintenance trims BEFORE the hooves flare again. Remember that when hooves get too long they are SUPPOSED to flare, and this allows further invasion by fungi and a continual spreading of the damage as fast as the horse can grow new hoof wall.
Also, it is very common for hooves with a large amount of flaring to not even have a true white line. When the hooves (and thus the epidermal laminae) mechanically separate from P3. The inner part of the white line produced at the distal border of P3 is often “lost” in the unorganized material of the lamellar wedge. (more detailed discussion of this in my article “Breakover”) The result is that rather than looking at the complete white line at ground level, you will only see the epidermal laminae. Since you only have half of the “fingers” present and resulting “holes”, this is of course a very easy target for fungi, as well. Again, grow in a well connected hoof wall and the resulting solid white line will be almost impervious to infection.
It may come as a surprise, but the real crux of dealing with white line separation from a trimming standpoint has nothing at all to do with the treatment of the separating hoof walls. The real problem will almost always be in the back of the foot! In every single case of severe white line disease I have seen, the horses have been landing on their toes, in spite of the fact that they usually have no wall support there. A horse is supposed to land flat or slightly heel first at the walk, and heel first at the trot or canter. This is necessary for almost all of the shock absorbing systems to work properly. I see very few domestic horses that have not been under competent natural care that can do this, and it is the reason for most joint problems, wall separation, navicular problems……The list goes on. It translates to the rider as short, choppy stride, stumbling, unwillingness to trot……The list goes on.
When a horse is tender on rocks, most people blame the sole. The truth is, if no one has been trimming away at it the sole almost never tender. It was designed to bear the horse on rocky terrain and does this very well. (Notable exceptions are when subsolar abscesses are present and during laminitis, when the sole’s corium is suffering the exact same problems as the lamina. Jackson) The true culprit behind most tenderfootedness is the frog and the underlying digital cushion. Watch a horse striding along on grass and onto gravel. If the gravel hurts her, she will probably shorten stride, rise onto her toes, lean her head low and forward, effectively relieving all pressure on the back of the foot and transferring all of her weight to the sole of front of the foot. Time after time, people watch this movement and wrongly blame the soles. (I used to as well, so you’re not alone.)
When a horse is forced to move this way by pain at the back of the foot, no matter how well the hoof appears to be set up mechanically, the coffin bone is standing on its pointed tip and continually drives lower and lower into the hoof capsule, destroying the hoof’s attachment and perpetuating white line problems. Achieving a heel first landing is the most important thing a farrier can do for a horse.
A vast majority of domestic horses are incapable of using their frogs and digital cushions as nature intended. People are too programmed to think of hooves only when the horse is standing square on concrete. Although the frog is slightly passive to the heels on wild hooves and properly trimmed domestic hooves, the frog bears quite a load on the varied terrain horses roam and work on. Most domestic horses show a pain response when we pick their frogs and gentle pressure across the frogs with hoof testers can bring them to their knees. There is no possible way the horse can bear impact to the frogs on rocky ground and a horse in this condition will land toe first with a shortened stride on varied terrain no matter how well the hooves appear to be set up when the horse is standing or moving out on flat ground. How did this happen? It is from a lack of use. The soft ground most horses live on is not natural for them, and can’t stimulate the frog properly. The underlying digital cushion loses its ability to receive impact and the resulting soft, weak frogs are easily infected by fungus and bacteria. Regardless of terrain, this also happens if the heel walls are allowed to grow long enough to overprotect the frogs. Shoes, pads, and continued wetness from a lack of routine hoof picking are particularly important contributors to the problem. The more people try to protect the sensitive frogs, the worse the problem eventually becomes.
How do we reverse this problem? Put the frogs and digital cushions back to work. Keep the heels as low as possible without invading live sole. Avoid trimming the height of the frog; let it pack into dense calloused material instead. In my book I recommend trimming the heel height to just above the sole, but if the frogs are protruding and are very sensitive, you will need to lower the heels only to the height of the frogs to allow the horse to comfortably begin using them. Passive ground contact will cause the digital cushions to strengthen and move into a higher position and the frog will pack into calloused material. This causes the frog height to quickly recede into a more natural position and you should follow it religiously with the heel height until you reach a level 1/16 inch higher than the live sole. Treat any fungal infections that are present. Do everything you can to dry up the situation for the horse. Exercise often on terrain the horse is comfortable enough to land in heel first. Ride in hoof boots when terrain demands force a toe first landing or cause sensitivity (I am finding the new Boa boots to be wonderful in most situations). This is easy stuff. Recognizing the true problem is most of the battle. Achieving a heel first landing at the trot will make most problems with gait, joints, back, and hoof lameness melt away and should be the top priority in hoof trimming and conditioning. It will also stop the pattern of continued mechanical separation caused by the toe first landing. (Read “Digging for the Truth about Navicular Syndrome” for more on the back of the foot)
I guess I can’t write an article on white line disease without the mention of anti fungal treatments. Be sure that any treatment you use does not destroy live tissue on a cellular level. You may be contributing to the problem by creating dead tissue for pathogens to feed on. Notable antifungal treatments that do not damage live tissue are Clean Trax and 50% vinegar/water solutions I have in the past, and sometimes still do put customers on a picking and treating or soaking regiment. I am unsure at this time how much it contributes to my success with dealing with these problems. I can tell you for sure, that if you chemically treat the symptoms without dealing with the real problems, anti fungal treatment will appear pretty ineffective, but on the other hand I have seen diligent treatment be a part of countless successful rehabilitations and have customers who swear by each of the half dozen different treatment programs I have experimented with. I also have fixed hundreds of severe white line problems with no chemical treatment going on at all, so you tell me.

LA FINE DELLA “MALATTIA DELLA LINEA BIANCA”      (aggiornato il 22.10.04)  di   Pete Ramey
Copyright 2005

traduzione Alex Brollo, corsivo Franco Belmonte AHA

Innanzitutto, “malattia della linea bianca” è un nome inappropriato. Non è una malattia è un’epidemia, e insegnare ai maniscalchi come affrontarla è la mia maggiore preoccupazione. I segni caratteristici sono linee bianche stirate e profonde fessure riempite di materiale putrescente, invece di muraglie e linee bianche sane; slargamenti che non si risolvono, zoccoli che non reggono il ferro, suole che rimangono piatte a dispetto delle cure più attente, e ascessi ricorrenti. La lista prosegue. Il problema è che la muraglia si stacca dalla lamina e alla maggior parte dei professionisti sembra impossibile trovare un rimedio.
In passato, era stata incolpata un’ampia varietà di batteri, funghi, virus, lieviti ecc.  Michael Wildenstein della Cornell University ha recentemente pubblicato un magnifico studio sulla rivista Hoofcare and Lameness e sull’ American Farriers Journal, in cui si individua l’infezione fungina come l’imputato iniziale della lesione, con tutti gli altri patogeni che seguono. Se tutti i problemi provengono dall’invasione fungina, noi dovremmo essere in grado di scoprire le aree danneggiate, trattarle con un anti-fungino e non dovremmo avere più problemi: giusto? I maniscalchi e i proprietari, dovunque, stanno constatando che non è questo il caso, perché gli zoccoli continuano a staccarsi sotto i loro occhi.

Sono i funghi il vero problema? Certamente, sono una parte del problema. La ragione  è sotto gli occhi di tutti, proprio in questo periodo, nel quale gli USA orientali hanno avuto un tempo molto umido, che ha seguito quattro anni di aridità.  I funghi hanno avuto campo libero con gli zoccoli, la pelle e i polmoni dei nostri cavalli. Ma mano che la consapevolezza è aumentata, i proprietari e i maniscalchi che operano nelle aree aride si sono accorti che erano stati ugualmente infestati da anni. Io ho constatato che la “malattia della linea bianca”, il tarlo, può essere sconfitta da un attacco su tre fronti:  1) correggendo l’ambiente, 2) correggendo la dieta, 3) utilizzando una cura dello zoccolo competente. Ignorando una sola di queste componenti, i risultati saranno incompleti o francamente fallimentari, ma utilizzandoli insieme, il distacco raramente  perdura.
Gli zoccoli dei cavalli sono molto adattabili. In natura, i cavalli che vivono in regioni desertiche, aride e montagnose, sviluppano zoccoli molto corti, profondamente incavati, che resistono molto bene alle sbeccature e al consumo. La loro rude resistenza rispecchia il terreno su cui si muovono quotidianamente. Un cavallo selvaggio che vive su un terreno morbido e umido ha una forma dello zoccolo molto diversa. Gli zoccoli hanno suole un po’ più piatte, e una forma più slargata che può sbeccarsi e spezzarsi nel terreno molle e umido, dove l’usura dello zoccolo sarebbe impossibile. L’aspetto chiave posseduto da entrambi i tipi di zoccolo è che l’allineamento osseo rimane corretto in entrambi, e lo zoccolo può svolgere il suo lavoro sul terreno a cui è adattato. Potrei fermarmi qui, ma penso fermamente che il vero motivo che consente agli zoccoli dei climi umidi di slargarsi e di sbeccarsi, piuttosto che di crescere oltre misura, creando una situazione di grande pericolo per il cavallo, è proprio l’invasione fungina e la separazione della linea bianca che stiamo combattendo. Sono ammattito? Pensateci un po’.

Riuscite ad immaginare cosa avverrebbe senza separazione e senza slargamento? Immaginatevi un branco di cavalli selvaggi, con il loro stile di vita di venti miglia di  cammino al giorno, brucando sulle praterie semidesertiche. Se il branco attraversa il fiume, e trova una fertile vallata, con le sponde morbide del fiume coperte di rigogliosa erba verde, cosa pensate che farebbero? Conoscendo la loro natura, direi che si fermerebbero lì fino a esaurire l’ultimo filo d’erba, o finchè un predatore non li avesse scacciati.
Immediatamente, i loro zoccoli comincerebbero a crescere. La rapida crescita  e la muraglia spessa e callosa non sarebbero in grado di consumarsi affatto, pascolando sul terreno morbido. Se la natura non avesse predisposto un sistema di difesa per questa situazione, sarebbe la fine dell’intero branco. Gli zoccoli diventerebbero lunghissimi, obbligando i pastorali a posizioni molto innaturali, e mettendo i cavalli “sui trampoli”. Senza dubbi i cavalli si spezzerebbero le gambe, e non ci sarebbe modo, per gli zoccoli, di risistemarsi e di eliminare la muraglia in eccesso.

Fortunatamente, i cavalli sono stati accuratamente programmati per forti modifiche ambientali. Come molti trucchi della natura, non è un bel sistema, ma funziona. La muraglia inizia a separarsi dal triangolare. Col procedere dello slargamento, i funghi trovano un ambiente perfetto all’interno dello slargamento e cominciano ad attaccare la muraglia. Questo la indebolisce ulteriormente, e comincia a cadere a pezzi.  E’ un disastro, questo, per il cavallo? non necessariamente, perché la “distruzione” delle muraglie gli salva la vita. Non ci sarà più una innaturale lunghezza dello zoccolo a forzare le loro articolazioni in posizioni dannose, a privare il triangolare del suo normale appoggio, allontanando la suola dal terreno, o a limitare la loro abilità di movimento. Appena i cavalli saranno ritornati al loro stile di vita nomade, la muraglia indebolita finirà di spezzarsi, e sostanza cornea sana la rimpiazzerà.
Ricerche recenti della Michigab State University (Bowker) mostrano che le lamine dermiche dei cavalli domestici vanno incontro a notevoli alterazioni quando sono presenti slargamenti. Diventano effettivamente biforcate, e poi la biforcazione si estende all’indietro fino alla loro base fnchè la lamina si divide in due lamine più deboli. Questa è la reazione del corpo allo stress come tentativo di consentire alle lamine di “restare appese” alla muraglia slargata. Al contrario, gli zoccoli selvaggi slargati che provengono all’Università non mostrano questa biforcazione. In altre parole, nonostante che i cavalli selvaggi percorrano venti miglia (oltre trenta chilometri) al giorno su terreni molto rocciosi, gli zoccoli non sono stressati. Perchè? Solo allo stato domestico noi cerchiamo di costringere degli zoccoli slargati a sostenere il peso del corpo. In libertà, una muraglia slargata viene liberata da una funzione di supporto attivo, e il corpo non fa alcun tentativo di conservare la connessione.
Abbiamo trovato recentemente degli zoccoli selvaggi nel Great Basin della California settentrionale. Il cavallo era stato ucciso da una recinzione per bestiame. Era una cavalla adulta e aveva dei begli zoccoli, ma dopo l’inverno passato nella neve aveva qualche slargamento. Aveva citca 410 lamine per zoccolo, contro le “normali” 550-600 presenti neigli zoccoli domestici (non gestiti in modo naturale). Nonostante il fatto che avesse vissuto la maggior parte della sua vita su un fondo compatto di rocce vulvaniche delle dimensioni di una palla da baseball, il suo piede era stato sottoposto a molto meno stress di quelli dei suoi fratelli domestici che stanno fermi su pascoli morbidi!
I suoi slargamenti erano semplicemente un meccanismo naturale per eliminare la crescita in eccesso che era avvenuta nei mesi invernali. Può sembrarvi un concetto bizzarro all’inizio, ma io sono giunto a considerare la laminite, lo slargamento, e perfino l’infezione fungina come adattamenti necessari e fisiologici che gli zoccoli possono usare, e che abbiamo lasciato andare oltre i limiti nei cavalli domestici.

(questa è una vera e propria provocazione. Esiste un tipo di pittore che invece di riprodurre quanto più fedelmente un soggetto ne altera i caratteri fino a farne una caricatura. In questo senso, conoscendo Pete, vanno lette le righe qui sopra)
PROBLEMI AMBIENTALI
Così, se l’infezione da funghi e la separazione della linea bianca sono naturali e necessari nei terreni morbidi, ricchi ed umidi, perché i professionisti della cura naturale dello zoccolo usano come modello gli zoccoli dei terreni desertici? perché alla gente piace cavalcare sui percorsi duri e rocciosi, e “imbrogliare” lo zoccolo domestico  verso un adattamento molto simile a quello dei cavalli selvaggi delle aree desertiche è essenziale per cavalcare scalzi su questi terreni. E’ anche essenziale per rigenerare lo zoccolo dopo una grave separazione della linea bianca, per ottenere qualcosa su cui poter applicare i ferri; per cui, anche se non siete interessati a cavalcare scalzi o con le scarpette, potete trovare un aiuto in queste tecniche. I funghi e i batteri hanno poche possibilità di colonizzare zoccoli compatti e sani, per cui più riusciamo a conservare allo zoccolo caratteristiche simili a quelli degli zoccoli selvatici dei deserti, più mettiamo al sicuro il cavallo dai patogeni opportunisti.
Il movimento a favore del mantenimento all’aperto per 24 ore può essere stato esteso eccessivamente e con uso improprio, a mio giudizio.La verità è che l’umidità e il terreno molle sono i più pericolosi nemici dei nostri zoccoli, e i danni provocati dall’essere esposti per giorni alla pioggia possono soverchiare i benefici che il corpo riceve dalla permanenza costante all’aperto. Un programma migliore per il periodi umidi (o forse, per ogni circostanza, se l’unico pascolo disponibile ha il fondo morbido) è un compromesso. Fate tutto il possibile per asciugare il terreno su cui sta il cavallo, fategli fare più esercizio possibile, e portatelo al coperto per assicurargli dei “periodi asciutti”.
Ho visto ottimi risultati sui cavalli i cui proprietari hanno preparato un fondo costituito da quattro pollici di ghiaia piuttosto sottile (della misura di un pisello o poco più) nel loro box e nei loro piccoli paddock. In effetti è facile da tenere pulito  ed è una lettiera confortevole. Si asciuga bene e rinforza gli zoccoli come nient’altro. Un’altra ottima opzione per il tempo umido è quella di preparare un paddock di terra, spesso fresato con un trattore. Gli zoccoli lo spianeranno in una superficie dura se il letame è costantemente asportato, e poco dopo la fine della pioggia, gli zoccoli saranno asciutti. Anche questa è un’ottima alternativa quando la rugiada bagna l’erba tenendo umidi gli zoccoli per tutta la notte.
Se potete assicurare ai vostri cavalli una combinazione delle due opzioni, vedrete scomparire gran parte dei vostri problemi. Le circostanze e le capacità di ciascuno variano, ma il punto fermo è  che se  noi vogliamo ottenere che la natura smetta di dire agli zoccoli che “è una buona cosa slargarsi ed essere infettati da funghi”,  dobbiamo tenerli in un ambiente quanto più possibile asciutto, impedire che gli zoccoli diventino troppo lunghi e farli stare su un terreno più grossolano.

(in effetti il drenaggio di un terreno non è cosa semplice ed a volte l’opera è resa ancora più difficile dal fatto di non essere proprietari. Leggete l’articolo sul paddock paradise su questo sito nella sezione letture)

DIETA
Nessun umano è stato progettato per nutrirsi di dolci alla cioccolata, ripieni di crema. Sempre. Tuttavia, qualche organismo umano sopporterebbe l’insulto meglio di altri. Io potrei probabilmente mangiarne dieci al giorno senza danni, perché i cavalli che gestisco mi costringono ad un esercizio fisico superiore alla media. Se  mio padre ne mangiasse tre al giorno, probabilmente si gonfierebbe come un pallone e noterebbe immediatamente un deterioramento della sua salute. Se ne mangiasse uno suo padre, probabilmente lo ucciderebbe sul posto.
I nostri cavalli sono in una situazione analoga, con i cibi sostanziosi che ci hanno insegnato a dargli. Alcuni sopportano bene, soprattutto se sono giovani, attivi e non hanno specifici problemi che ostacolino il metabolismo degli zuccheri. Tuttavia, alla fine, tutti pagano il conto. L’erba verde, rigogliosa e fertilizzata, i legumi, la frutta, le ghiande, le granaglie, la melassa avvelenano tutti i nostri cavalli, giorno per giorno. Il recente clima umido ha causato un notevolissimi aumento del valore nutritivo e della resa dei nostri pascoli. Mentre la gran parte dei professionisti della cura degli zoccoli hanno capito l’importanza di eliminare queste cose dalla dieta del cavallo laminitico, pochi hanno finora capito quanto la dieta sia responsabile di “piccoli” problemi, come il tarlo.
Uno dei primi eventi all’esordio della laminite è un incremento della produzione di MMP (Pollitt). I MMP sono enzimi che contribuiscono normalmente a rimodellare le connessioni fra zoccolo e capsula e che durante episodi anche lievi di laminite possono aumentare moltissimo la loro attività e aggredire la membrana basale che delimita il corion vivo. Il risultato è la separazione dello zoccolo dalle lamine. La separazione iniziale avviene in corrispondenza della membrana basale fra il derma e lo strato basale dell’epitelio epidermico. Se osservate attentamente dal fondo una muraglia separata, vedrete che in realtà la linea bianca è intatta e che lo zoccolo se n’è allontanato. La linea bianca e le lamine sono normali. La membrana basale morta o  danneggiata è il punto d’ingresso pere i funghi che si insediano nello zoccolo. Questo è un segno certo del fatto che l’inizio del problema era l’esordio della laminite ed è sempre associato a una dieta innaturale. Pollitt ha stabilito che si tratta del danno che si realizza per primo, anche nelle forme più lievi di laminite. Anche se il cavallo non soffre del tipico, grave dolore della laminite (di cui noi possiamo accorgerci), la dieta troppo ricca è al lavoro, distruggendo le connessioni della muraglia. (leggete “Aggiornamenti sulla laminite” per un approfondimento molto più esteso sull’effetto della dieta sull’integrità della linea bianca)

A questo punto sto andando a tentoni, ma penso che anche questo possa essere un meccanismo difensivo. I cavalli vivono allo stato domestico da un periodo brevissimo, in rapporto alla loro permanenza sulla terra. I loro corpi pensano di essere ancora vagabondi liberi e selvaggi, appena piombati in un’oasi. Il solo modo logico con cui le muraglie possono reagire è di tentare di separarsi dal cavallo, per evitare i rischi di un’eccessiva lunghezza e per conservare il rapporto corretto fra osso triangolare e terreno. Il tessuto necrotico della membrana basale è un punto d’ingresso ideale per la diffusione del funghi all’interno dello zoccolo. Se il cavallo non prova dolore per un’infiammazione al corion (laminite), eppure la muraglia continua a separarsi dalla lamina, probabilmente sta proprio obbedendo a ciò che la dieta ricca gli sta dicendo di fare. Per invertire questo processo distruttivo, trattate semplicemente il cavallo come se stesse soffrendo di un  classico episodio laminitico, e mettetelo a dieta stretta dandogli solo fieno secco, il blocco di sale, sali minerali e acqua. Meglio ancora, alimentate i cavalli in questo modo per PREVENIRE la laminite e la malattia della linea bianca.
Non ignorate questo passaggio. Lo trovo alla radice di ogni “caso difficile” che incontro. Molti arricchiscono la dieta dei loro cavalli inattivi per paura che perdano peso. Se voi mi mostraste un campione olimpico e io osservassi che gli si vedono le costole e gli raccomandassi di trascorrere più tempo sul divano e di mangiare almeno dieci dolci alla cioccolata ripieni di crema al giorno finché si sarebbe sentito meglio, chiunque direbbe che sono matto. Per quale motivo così pochi pensano la stessa cosa quando si tratta dei loro cavalli? Un aumento del cibo in assenza di aumento di esercizio può solo aggiungere grasso indesiderato al cavallo. Se volete che il vostro cavallo aumenti di un peso salutare, aumentate l’esercizio mentre date un’alimentazione adeguata, proprio come fareste in un atleta umano. Ci crediate o no,  il  fieno secco a volontà permette di ottenere questo risultato in una  percentuale di cavalli sorprendentemente elevata.
CURA DELLO ZOCCOLO
Finalmente il punto che aspettavate: il pareggio. L’ho messo all’ultimo posto perché è l’aspetto meno importante dei tre, e tuttavia, come gli altri due, non può essere ignorato. L’aumento dei casi di tarlo ha portato migliaia di proprietari e di maniscalchi  verso la  cura naturale dello zoccolo. Più un maniscalco tenta di rappezzare o di ricoprire la lesione, più l’ambiente diventa buio e umido, adattissimo ai funghi che proliferano allegramente e aggressivamente. Alla fine è impossibile applicare un ferro. Per risolvere la situazione gli zoccoli devono essere sferrati. Alle muraglie slargate e a lamine deboli e separate non si può chiedere di sostenere il peso di un cavallo! In questa situazione, un supportoattivo della muraglia può solo estendere il danno e causare forte dolore al cavallo.
Il pareggio è semplice; sulle muraglie penzolanti non occorre fare niente di più del pareggio di base, descritto nel mio libro. Gli slargamenti del 1/3 inferiore dello zoccolo devono essere oggetto di particolare attenzione, mentre le suole possono essere lasciate stare (Non tentate di imparare il pareggio da questo articolo, per favore! Ho scritto un libro dettagliato che descrive il pareggio naturale passo per passo).

(sulle flare, il breakover ed il lavoro dal basso o dall’alto della parete inserirò un articolo apposito nella serie “il pareggio in pratica”  sezione pareggio della pagina letture durante l’autunno 2016. Il lavoro di riduzione della flare con la raspa partendo dall’alto è quasi sempre frainteso. Spesso dannoso egli stesso).

Su tutto il contorno esterno dev’essere realizzato un bevel o mustang roll, per riparare la muraglia da ulteriori lacerazioni, e dev’essere mantenuto diligentemente. E’ importante eseguire pareggi di mantenimento PRIMA che la muraglia si slarghi di nuovo. Ricordatevi che possiamo PREVEDERE che gli zoccoli troppo lunghi si slarghino, e questo permette un nuovo ingresso di funghi e un’estensione continua del danno, che procede alla stessa velocità con cui cresce lo zoccolo.
Inoltre, è molto comune per gli zoccoli con molto slargamento di non avere affatto una vera linea bianca. Quando gli zoccoli (e quindi le lamine epidermiche) si separano meccanicamente da P3, la parte interna della linea bianca prodotta in corrispondenza del margine distale di P3 è spesso “perduta” in un materiale disorganizzato che forma un cuneo lamellare (nel mio articolo “Breakover c’è una descrizione più approfondita di questo fenomeno). Il risultato è che a livello del terreno, più che vedere una linea bianca  vedete solo materiale disorganizzato che chiamiamo lamellar wedge.

(la descrizione anatomica lascia a desiderare, non è questa la parte interessante e da ritenere di questo articolo. Focalizzate invece sull’ambiente e sulla dieta che nonostante tanti anni siano passati ed i riferimenti inseriti in testi che dovrebbero essere autorevoli vengono ancora ignorati o non riconosciuti e denunciati da professionisti quando sarebbe il caso. E’ scomodo criticare ai fini del benessere animale un proprietario o un gestore)

Poiché avete soltanto la metà esterna delle digitazioni, accompagnate da lacune, questo è naturalmente un bersaglio molto facile anche per i funghi. Di nuovo, fate crescere una muraglia ben connessa e la solida linea bianca risultante sarà quasi inaccessibile ai funghi.
Può risultare sorprendente, ma il vero problema nell’affrontare la separazione della linea bianca, dal punto di vista del pareggio, non ha niente a che fare con il trattamento della separazione della muraglia. Il vero problema sarà quasi sempre nella parte posteriore del piede! In ogni caso di tarlo grave che ho visto, i cavalli atterravano di punta, nonostante che là non ci fosse alcun supporto da parte della muraglia. Ci si aspetta che un cavallo atterri di piatto o leggermente di tallone al passo, e di tallone al trotto o al piccolo galoppo. Questo è necessario perché la quasi totalità dei sistemi di assorbimento degli urti lavorino bene. Ma io vedo pochissimi cavalli domestici, che non siano sottoposti a competente cura naturale, che lo fanno, e questa è la ragione per la maggior parte dei problemi articolari, della separazione della muraglia, della navicolite… La lista continua. Le conseguenze per il cavaliere sono un passo breve e incostante, la tendenza ad inciamparsi, la svogliatezza a trottare… e la lista continua.

(in questo passo Pete anticipa la sua osservazione, meglio organizzata e spiegata nei DVD “Under the Horse” sulla relazione stretta tra parte posteriore ed anteriore del piede e sulla necessità di trattare l’insieme. Spesso il problema della parte anteriore del piede e viceversa risiede nella incapacità dell’altra a compiere il proprio lavoro)

Quando un cavallo sente dolore sulle rocce, la maggioranza delle persone incolpa la suola. La verità è che se nessuno ha pareggiato all’interno della suola buona, la suola non è quasi mai dolente. E’ stata progettata per portare il cavallo sulle rocce e lo fa molto bene (eccezioni da segnalare sono la presenza di ascessi al di sotto della suola e  la laminite, quando il corion della suola ha gli stessi problemi della lamina).

(il corion meglio sarebbe chiamarlo derma è uno e diversamente specializzato nelle varie zone. L’infiammazione e degrado è anche essa una. Nel settore specifico della dorsale dello zoccolo l’esito è maggiormente evidente solo a causa delle forze applicate dal terreno. Questo è ben descritto da Jackson nei suoi bollettini che risalgono temporalmente agli stessi anni di questo articolo. Allora Ramey e Jackson erano insieme. Purtroppo non più)

Il vero colpevole dei dolori ai piedi è il sistema fettone  e i sottostanti cuscinetti digitali. Guardate un cavallo che cammina sulla ghiaia. Se la ghiaia gli da fastidio, probabilmente accorcerà il passo, camminerà sulle punte, e sposterà la testa in basso e in avanti,  alleviando efficacemente la pressione sulla parte posteriore del piede e spostando tutto il peso sulla suola della parte anteriore del piede. Con il tempo, la gente guarda questo atteggiamento e erroneamente incolpa le suole (l’ho fatto anch’io, non siete i soli).

(provate voi stessi a camminare senza scarpe sulla ghiaia. Che sia la parte anteriore del piede o la posteriore a farvi male cercate di posare il piede lentamente distribuendo il carico immediatamente sulla più grande superficie possibile. Camminate sulle uova…)

Quando un cavallo è costretto a muoversi in questo modo a causa di un dolore alla parte posteriore del piede, a prescindere dalla bontà dell’aspetto meccanicamente funzionale dello zoccolo, il triangolare appoggia sulla pinta affilata e continua a spostarsi in basso nella capsula dello zoccolo, distruggendo le connessioni dello zoccolo e perpetuando i problemi della linea bianca. Ottenere l’atterraggio di tallone è il risultato  più importante che un maniscalco possa ottenere per un cavallo.

(in questo sforzo di mettere ordine e capire Pete vi dice questo: se il cavallo come fareste voi sulla ghiaia a piedi nudi non atterra sui talloni,  la parte anteriore del piede la sua parte strutturale che è la terza falange è eccessivamente sollecitata e viene favorita la separazione tra triangolare e parete già indebolita dalla dieta e dall’ambiente non propri)

La larga maggioranza dei cavalli domestici non sanno usare i fettoni e i cuscinetti digitali nel modo dettato dalla natura. La gente è troppo addestrata a pensare agli zoccoli solo quando il cavallo sta inquadrato sul terreno solido, Sebbene il fettone sia leggermente passivo rispetto ai talloni negli zoccoli selvatici e negli zoccoli dei cavalli domestici ben pareggiati, il fettone viene notevolmente caricato sui terreni variabili su cui il cavallo si sposta e lavora. La gran parte dei cavalli domestici dimostra dolore quando battiamo sul fettone, e una leggera pressione sul fettone con un tester da zoccolo può farli inginocchiare. Non è possibile che il cavallo sopporti l’urto del fettone su un terreno roccioso, e un cavallo in queste condizioni atterrerà di punta con un passo accorciato su terreno vario, a prescindere da come lo zoccolo sembra funzionale  da fermo o su terreno piano. Perché questo accade? E’ una conseguenza del disuso. Il terreno morbido sui cui sta la maggioranza dei cavalli non è una condizione naturale, e non può stimolare il fettone. Il cuscinetto digitale sottostante perde la sua capacità di assorbire gli impatti e il fettone debole e molle che ne risulta è facilmente infettato da funghi e batteri. A prescindere dal terreno, questo accade anche quando la muraglia è lasciata crescere al punto di fornire un’eccessiva protezione al fettone. I ferri, le solette e la persistente umidità causata dalla mancanza di una pulizia regolare dello zoccolo sono importanti concause del problema. Più si  tenta di proteggere i fettoni sensibili, più peggiora il loro stato.

Come possiamo invertire il processo? Rimettendo al lavoro i fettoni e i cuscinetti digitali. Tenete i talloni più bassi possibile, senza entrare nella suola buona. Evitate di pareggiare il punto più sporgente del fettone; piuttosto lasciate che si compatti in un materiale calloso.

(ovvero: riduciamo l’altezza della parete all’angolo di inflessione fino , al massimo, a livello del piano della suola / NON lavoriamo con il coltello sul fettone asportandone il terzo anteriore né riduciamone la massa nella parte posteriore. Piuttosto diamo libertà al cavallo e se possibile mettiamolo su un terreno a lui più congeniale nella circostanza)

Nel mio libro raccomandavo di pareggiare i talloni ad un’altezza appena superiore alla suola, ma se i fettoni sono sporgenti e molto sensibili, dovete abbassare i talloni solo fino all’altezza del fettone e permettere al cavallo di iniziare ad usarli comodamente. Il contatto passivo con il terreno rinforzerà i cuscinetti digitali e li farà spostare più in  alto, e il fettone si condenserà in un materiale calloso. Se seguirà una rapida riduzione di altezza del fettone fino a una posizione più naturale, e voi dovere seguirlo religiosamente con l’altezza dei talloni finchè raggiungerete un livello  di 1/16 superiore alla  suola. Trattate qualsiasi eventuale  infezione fungina. Fate tutto quello che potete per asciugare l’ambiente del cavallo. Fate molto esercizio sul terreno che è sufficientemente morbido perché il cavallo riesca ad atterrare di tallone. Cavalcate con le scarpette dovunque il terreno induca il cavallo a atterrare di punta, o causi dolore (trovo le nuove Boa eccellenti nella maggior parte delle condizioni). E’ un compito semplice. Riconoscere la vera natura del problema significa averlo già risolto in gran parte. Ottenere un atterraggio di tallone al trotto farà sì che la maggior parte dei problemi con l’andatura, le articolazioni, la schiena, e la zoppia di piede si risolveranno; questo dovrebbe costituire  l’assoluta priorità nel pareggio e nella riabilitazione dello zoccolo. Inoltre si interromperà il circolo vizioso della separazione meccanica della muraglia, causata dall’atterraggio di punta.

Mi rendo conto che non posso scrivere un articolo sul tarlo senza nominare i trattamenti antifungini. Assicuratevi che il trattamento che usate non causi danni ai tessuti vivi, distruggendoli a livello cellulare. Potreste aggravare il problema, fornendo ai patogeni, come cibo, ulteriore tessuto necrotico. Trattamenti antifungini da menzionare sono il Clean Trax, la soluzione di acqua e aceto, e il disinfettante concentrato Lysol, alla diluizione consigliata per la pulizia dei pavimenti (2 once per gallone = circa 12 cc per litro). Ho prescritto a qualche cliente in passato, e occasionalmente lo faccio ancora, un programma di pulizia e trattamento locale o di trattamento per immersione. A questo punto sono incerto su quanto questo programma abbia contribuito ai miei successi nel risolvere questi problemi. Posso dirvi per certo che se trattate i sintomi con prodotti chimici senza affrontare il vero problema, gli antifungini saranno del tutti inefficaci, e che d’altra parte ho visto che un trattamento diligente è stato un elemento di innumerevoli successi nella riabilitazione; ho clienti che giurano sul valore di ognuno dei diversi programmi che ho sperimentato. Ma ho anche risolto centinaia di casi di tarlo grave senza alcun trattamento chimico, così ditemi voi…

 

 

Laminitis Update – Pete Ramey

Laminitis Update        3-20-05 (revised 12-’05)     Pete Ramey    Copyright 2005
Laminitis research is a fast-moving field, with new discoveries being reported almost every day. I am not a scientist; just a farrier who specializes in founder rehabilitation. I spend my days working on foundered horses and my nights reading veterinary research papers, so I’m writing this only as an interpreter; providing reference to some of the latest understandings of laminitis to help farriers keep themselves current. Also of great importance are references I will make to human medicine. The more I study contemporary laminitis research, the more parallels I find to human diabetes research, and there are many answers waiting there for those seeking a deeper understanding of what is happening to our horses. It seems few farriers have time or inclination to wade through the complex jungle of veterinary research papers, so for the sake of the horse, I’ll provide this simplified shortcut; a brief overview and a guide through the actual papers referenced at the end for those interested in deeper study.
The word “laminitis” means simply the inflammation of the laminae. In the past, we thought of it as a circulatory problem with inflammation, swelling and a lack of circulation within the dermal (the “living half” of the) laminae and the bypass of the laminae by arterial blood through AVA’s being the primary problems. (AVA’s are “side tracks” that can open and shut at will, diverting blood from artery to vein; bypassing the intended destination of the blood.) Resulting reduced blood flow was thought to starve the laminae and cause their destruction. Certainly all of this has been proven to happen, along with excruciating pain caused by inflammation and swelling of soft tissue trapped between the coffin bone and the hoof wall, (and equally painful inflammation of the frog and sole coriums) but in light of more current research, it appears that all of this happens in response to the damage of the laminae, rather than being the actual cause.
In fact, it has been proven that “normal” circulation is necessary to deliver laminitis triggers to the hoof. Experimental restriction of blood flow to one hoof will keep it from developing laminitis while the other three hooves are afflicted (after carbohydrate overload) (Pollitt). The closer we can get to a true of understanding the primary problems, the more effective our prevention and treatment can be. New research has given us powerful ammunition in the war against laminitis; knowledge we can deliver to the horse immediately.
The epidermal laminae are produced at the coronet and are literally a part of the hoof wall itself. They are intricately intermeshed with the dermal laminae which are firmly attached to the coffin bone. Between the two “halves”, is a tough “skin” called the basement membrane. The basement membrane is the point of attachment of hoof to horse. At the distal border of the coffin bone, the dermal laminae end, and a second epidermal “half” is produced that bonds the wall to the sole. This “non-living” extension of the lamellar bond is called (for some unknown reason) the white line (I’ve never once seen a white one).
The hoof wall and the epidermal laminae grow past the stationary dermal laminae while being constantly, firmly attached to each other. There is around ten square feet of total attachment per hoof that must be constantly modified as this movement occurs. This amazing process is done with the aid of remodeling enzymes (MMP’s) that constantly remove the anchoring filaments that tie the epidermal laminae to the basement membrane. In a normal situation, this “destruction” is timed perfectly with the rate of reconstruction and growth of the wall can occur while the healthy laminae remain almost impossible to tear apart.
Dr. Chris Pollitt (University of Queensland) has shown that during the developmental stage of laminitis, the MMP’s go through a population explosion and destroy all of the anchoring filaments and sometimes even the basement membrane itself. This means that the hoof is literally no longer firmly attached to the horse. As a result of this damage the horse then goes through excruciating pain, inflammation, a disruption of normal circulation and often the weight of the horse drops the entire skeleton to the ground (through the hoof capsule), leaving the coffin bone far removed from its natural position within the hoof capsule. This is very important to understand, because in spite of this research, many professionals still treat laminitis primarily as a circulatory problem (by attacking symptoms). Pollitt has shown that before any of the clinical signs of laminitis are detectable, the damage is already done. The very term “laminitis” may be a complete misnomer.
This important “which came first?” revelation has quickly led to even deeper understanding. Pollitt has searched for other factors that can separate the hoof from the horse. He has studied the effects on the laminae by most of the “classically proposed” trigger factors and to date has found only one that actually causes separation of the laminae. This is the hindgut bacteria streptococcus bovis.
The horse’s natural diet of mixed grasses provides structural carbohydrates like cellulose, hemicellulose and lignin, but fructans usually dominate the engineered grasses and hays we feed our domestic horses. The horse (or any other mammal) has no enzymes to digest the non structural carbohydrate; fructan. They are present in great quantities in our sweet feed, rich, cultivated pastures and our beautiful “horse quality” hay. Fructan, sugars and starches (All three of which are combined in the total measure of non structural carbohydrates, or NSC) pass undigested into the hindgut where they undergo rapid fermentation to lactic acid (which can then be utilized by the horse, but not exactly naturally). S. bovis is the bacteria primarily responsible for this and can undergo a 1680 fold increase in numbers during a carbohydrate overload that leads to laminitis. While no one has scientifically proven that these bacteria leak into the blood stream and cause lamellar separation in naturally occurring laminitis, Pollitt has proven that if they reach the laminae they trigger MMP-2 production and cause the failure of the attachment of the epidermal laminae to the basement membrane.
More recently, Pollit has found that damaged intestinal walls can cause one of their components; Laminin-5 to access the bloodstream. When they reach the laminae they also cause MMP release and destruction of the anchoring filaments (also made of Laminin-5).
Another important direction to be aware of is that Pollitt has proven that the laminae readily separate when they are starved of glucose. Glucose starvation causes the destruction of important “spot welds” (hemidesmosomes) between the epidermis and the basement membrane that the anchoring filaments actually grow from. When this happens, the laminae are easily torn apart under load. This opens up a vast area of study and more new ways to understand laminitis. The dermal laminae each have over a hundred secondary laminae growing from them. These secondary laminae are made of keratinocytes, or simply keratin producing cells. They are the same producers of hoof wall and the horse’s skin, as well as our own skin, hair and fingernails and those of other animals.
While Pollitt found that the endotoxins often previously blamed for laminar separation (in the wake of a dietary upset and a “die-off of digestive bacteria) do not directly cause laminar separation, the resulting metabolic stress caused by endotoxemia is still thought to cause it indirectly. A major feature of any metabolic stress is a reduction of glucose supply to the extremities. This is done to preserve the more vital organs. When the digestive bacteria in the hindgut go through the massive die-off often associated sudden change in diet and with the development of laminitis, the resulting lack of digestive bacteria creates an immediate “starvation” within the horse.  Each hoof of a standing horse normally uses more glucose than the horse’s whole head. Moving? It stands to reason that the same shutdown of glucose supply to the keratinocytes of the laminae is happening to the horse’s skin, soles, frogs and etc., but the forces required to “finish the job” and cause physical separation are much greater in the hoof walls (when they are in a solitary support role without aid from a well callused sole).
This is one of several reasons we see so more much resistance to founder in hooves that are maintained in a natural form. These sheer forces are greatly reduced. Aside from the front hooves of horses under competent natural hoof care, we also commonly see increased resistance in the hind feet, regardless of the type of care provided. Although the fronts and hinds are identical at birth, the hinds are used much more aggressively by the horse throughout life, so domestic hind hooves tend to develop more naturally and completely than the fronts (Read “Digging for the Truth About Navicular Syndrome” at www.hoofrehab.com for more on this). The proper development of the back of the foot allows much better energy dissipation, which greatly decreases stress on the laminae. In addition, in a naturally shaped hoof, the laminae may be equally weakened, but the coffin bone has “nowhere to go” because the sole and thus the solar surface of the coffin bone is aiding in direct support of the horse. (Dr. Robert M. Bowker)
Also, naturally shaped and developed hooves have much more thorough blood circulation in place. Read Dr. Bowker’s “Theory of Hemodynamics”. The blood pumping action of the foot is much more advanced and difficult to obtain than most farriers realize. It goes far beyond simple frog pressure and requires proper development and flexion of the foot from the moment of birth. It is not only important for energy dissipation and for easing the burden on the heart, proper hoof function and circulation also gives the foot profound advantages and resistance when laminitis does make it to the acute stage and circulation loss becomes a more important factor. The foot must be allowed to flex and function at this stage to aid in circulation.
While visiting my diabetic grandfather, I noticed his fingernails were rippled, discolored and partially separated from his fingers. From underneath the deformed nails, soft, new fingernails were protruding. Sound familiar? If you’ve worked with foundered horses it certainly does! This led me down the road of studying human medicine and the role of blood sugars and insulin on keratinocytes. Being a person who thrives on new information, I felt like a kid who just walked in a candy store! Imagine my surprise when I found medical recommendations from the American Diabetes Association that, “All individuals with diabetes should receive an annual foot examination to identify high-risk foot conditions.  This examination should include assessment of protective sensation, foot structure and biomechanics, vascular status, and skin integrity. Diabetic patients are urged to be evaluated for:
i Peripheral neuropathy with loss of protective sensation
ii Altered biomechanics (in the presence of neuropathy)
iii Evidence of increased pressure (erythema, hemorrhage under a callus)
iv Bony deformity
v Peripheral vascular disease (decreased or absent pedal pulses)
vi A history of ulcers or amputation
vii Severe nail pathology
The skin should be assessed for integrity, especially between the toes and under the metatarsal heads.  The presence of erythema, warmth, or callus formation may indicate areas of tissue damage with impending breakdown.  Bony deformities, limitation in joint mobility, and problems with gait and balance should be assessed.” (Remember, they’re talking about people, here!)
I believe much of the information we need to know about how an unnatural diet high in sugars can effect hoof wall attachment has already been done for humans. It is the veterinary researchers who will have to assess the relevance of this, though, and determine its application to the horse. Until then, I will tell you about some of the other things I was able to dig up:
The secondary laminae are made up of keratinocytes. French researchers studying human skin show that increased insulin levels cause migration of keratinocytes! This is a potentially important tidbit that no one has studied in the horse (to my knowledge) If an increase in blood sugar causes an increase in insulin levels, this alone could start the whole process of laminar destruction by displacing the secondary laminae. While it is relatively common knowledge that insulin levels are often above normal in laminitic horses, I haven’t found a scientific study that actually monitors insulin levels in horses after a carbohydrate overload that induces laminitis. Does this always occur? Knowing that this migration of the keratinocytes (the secondary dermal laminae) could possibly begin the separation of the laminae, I would be really interested in such a study to determine how consistent the feature of increased insulin is, among horses in the early developmental stage of laminitis. I have to wonder if the increased population of MMP’s are trying to keep up with the repair of the resulting damage, rather than being a key destructive force (or both, which would create a vicious cycle). Research for human medicine often shows them coming along to aid in the repair of damage in the wake of injury.
From the American Diabetes Association, a research project done on mice (Gale group), found that high glucose levels inhibit the proliferation of keratinocytes and that increased insulin levels increase their proliferation. Either way, a disruption or unnatural situation is directly created by alteration of blood sugars. New intertubular horn tubules constantly grow from the dermal laminae and aid in the movement of the ever-growing hoof wall, past the coffin bone (Dr. Robert M. Bowker). They normally grow from the dermal laminae tips, through the epidermal laminae and merge with the rest of the hoof wall growing from the coronet. This is why the hoof walls are not stretched to the thickness of a coin by the time they reach the larger diameter at ground level. If an increase of blood glucose decreases this proliferation, it stands to reason that the hoof growth from the coronet could quickly “grow past” the laminae, causing the very beginnings of lamellar separation.
On that same note, if high insulin levels increase this new hoof horn growth, it could push the dermal and epidermal laminae apart as the excess new hoof horn piled in between them. In other words the lamellar wedge (I’ll get to that later) could possibly be a cause, rather than an effect.
This could explain the two types of separation we see in the field. Sometimes we see the white line perfectly intact and the hoof wall pulled away from it. Other times, we see the dermal and epidermal halves separated from each other. The former would cause the hoof wall to separate from the “still-intact” laminae. The latter would cause the dermal laminae and the epidermal laminae to part ways from each other. I’m speculating, here, but I feel it deserves veterinary research.
From the same research team: Too much glucose actually starves the cells by decreasing its own utilization by skin keratinocytes. In this study, they actually found that the cells were receiving more glucose at a low 2 mmol/l level, than at an experimentally induced 20 mmol/l level in the blood. Hyperglycemia leads to increased insulin resistance as well as a reduction in general glucose utilization. In other words an excess of sugars, whether from grass, hay, grain or molasses can, in effect, starve the laminae to death on its own. They also found that keratinocytes flatten and loose their correct orientation at this higher glucose level. This research was for humans, but it also sounds very familiar, doesn’t it?
In fact it is well known that horses with decreased insulin sensitivity have a very high risk factor for laminitis; there is simply not enough understanding within the horse-owning public as to why? Dr. Philip Johnson writes: “There is a very strong association between the development of obesity, metabolic syndrome and the risk of developing laminitis. Commonly, at initial veterinary examination, there already exists both physical and radiographic evidence of long-standing laminitis in these horses although reputable and credible owners and managers report that there have been no prior signs of laminitis or any obvious explanation. In these horses, visible changes that are commonly attributable to laminitis (including prominent growth lines, palmar divergence of growth lines, and a convex sole) may be evident in the absence of laminitic pain or any history of laminitis or lameness.”
It is my firm opinion that these “credible owners and managers” simply must learn to read this “physical evidence”. Over and over, I am called to “new” founder cases only to find that the “writing on the wall” has been present, but unrecognized for years. Often the obvious warning signs are more evident in the “healthy” hooves at the same facility that haven’t foundered yet. The eventual breakdown could be both easily predicted and easily prevented.
Throughout my career, working with countless laminitic horses, I have observed that often there is nothing really wrong with most horses that are considered insulin resistant or diagnosed with equine metabolic syndrome. Most horse owners call them “easy keepers” and it can seem impossible to keep them from being overweight or to grow healthy hooves. The real problem is that we are taking animals that evolved to thrive on sparse desert rangelands, and are forcing them to try to survive in a “donut factory”. This is why the “desert breeds” carry a higher risk factor for problems processing sugars and thus for laminitis. I know this because I have watched many “hopeless” cases thrive, when their diet was changed to a simpler and more natural mixed-grass hay diet, and the bulk of the sugars and fructan-rich, lush grasses and grains taken away. The resulting increase in health has a very positive effect on their attitude, their bodies, and of course their completely sound hooves. The problem is not so much that they had trouble with sugars and starches in general; just that they had trouble with the unnaturally high amounts they were previously receiving. This is not to say that a change in diet should replace all medical intervention; but that it should be the first place we start.
In a nutshell, the same thing that causes fat causes laminitis; excess or improper feeding! Not that a horse has to be fat to suffer from laminitis, but if all horse owners recognized that increasing fat on a horse was reason for sheer panic, laminitis would quickly become almost a distant memory of the “way things used to be”. I have also seen countless horses that were underweight, who were foundered by caring owners spending $60 per day feeding the horse, while the horse refused to gain weight. Over and over, these horses will finally gain weight and also grow healthy hooves when the diet is switched to a simple free-choice, mixed grass hay diet (plus salt and minerals). The reason is that the horse has no means to utilize the rich (high NSC) feed. The owners are just keeping the horse in constant metabolic distress and foundering the feet, while creating very rich, valuable urine. The nutrition in the rich feed is wasted, at best. At worst it can do great harm.
In true cases of insulin resistance or in perfectly healthy horses simply receiving excess, the cells eventually become so impervious to glucose that the horse goes into starvation mode, burning fat and then muscle because the mechanism to burn glucose has totally collapsed.  Improving insulin sensitivity by feeding low sugar hay may actually allow more glucose to be utilized once the vicious cycle has been broken. (From human medicine and anecdotally in horses, magnesium supplement can increase insulin sensitivity as well.)
It would be nice if we could violate the evolution of the horse and make its digestive tract just like ours. It is much more convenient to provide a couple of rich meals per day, rather than a constant uptake of lower nutrition feed. It just doesn’t work very well for most horses. Don’t blame a horse for being a horse. It is our responsibility to provide for their needs.   Type-2 diabetes is a “human condition” in which the cells become increasingly resistant to stimulus from insulin to absorb glucose. If both insulin and blood sugar are high, it’s called type II diabetes.  If only insulin is abnormally high but still getting the job done of keeping glucose normal it is generally considered insulin resistance.
There is increasing suggestion that it usually does not begin as a disease at all, but that the effected individual is simply “built” for a much leaner, more natural diet than he/she is receiving. If an individual receives an excess of blood glucose (excess NSC) the body responds by increasing insulin levels to handle the glucose. Over time, the beta cells that produce insulin get “exhausted” and begin to loose their ability to produce insulin, snowballing the problem.
Why is the study of human medicine important? We currently know a great deal more about maintaining health and blood sugar levels in humans than in horses and the understanding of the similarities between the two can give help to foundered horses now, while laminitis research continues to advance. We still have hoof professionals treating laminitis as a circulatory problem while completely ignoring the diet and exercise of the horse. The circulatory problems and inflammation have been proven to be only symptoms of laminar destruction caused by an unnatural diet too high in non structural carbohydrates (read grain, molasses, rich pastures and high NSC hay).
Most horse owners trust the farrier to take charge of the health of the hooves and only include the vet when things go horribly wrong. Should routine hoof care be a veterinary procedure? Maybe so, if farriers ignore this knowledge: Currently, only one part of the body of one animal on the planet can be legally immobilized or have its bone alignment altered by someone who is not a doctor. While it is illegal for a lay farrier to diagnose laminitis in a horse, we must deal with its consequences to some degree on almost every domestic hoof we see. The more you learn about the dietary destruction of the laminae, the more you will start to see it happening everywhere. If you understand that a “too-rich” diet weakens the attachment of hoof to horse, it spills over daily into the traditionally “non-medical” job of simply maintaining a healthy hoof. Farriers must either get educated in the ways the diet effects the hooves’ attachment to the horse and advise clients accordingly or ignore the facts and pretend hoof management is just the art of shaping of some non-living, non-moving “block of wood”, which doesn’t bode well for the horse. Educated, alert farriers can prevent laminitis. I have personally chosen to buck tradition and try to learn about, and then educate clients about the effects of diet on their hooves, because I feel it is the only competent way I can do my job.
In light of modern understanding of diet and laminar integrity farriers need to shift more of their focus toward helping horse owners with dietary management. If lay farriers are to be responsible for maintaining the health of the hoof, they must become more aware of the body it is attached to. Every day, horse owners face a barrage of commercial advertisements and dietary advice from other horsemen that recommend the routine feeding of the very things that have been scientifically proven to destroy the hooves’ attachment to the bone! This loss of attachment is what makes most horses “need” hoof protection to begin with and it is usually readily visible long before total breakdown and chronic founder. As professionals we must use the latest available science to combat this problem. It is our responsibility to study and interpret this new information and deliver it to our client’s horses.
Understand that this discussion is not just for the horse diagnosed with laminitis or chronic founder. By the time things advance to this stage the real problems have generally been at work for quite some time. Although researchers are still figuring out all the reasons why; we know for a fact that carbohydrate overload weakens the hoof to horse attachment. What happens next depends on the mechanics already in place. If the walls are excessively long and the coffin bone is not receiving natural support through the thick, callused sole of the horse, the weight of the horse simply drops toward the ground, creating coffin bone rotation or distal displacement (sinking). The lower coffin bone position (relative to the hoof capsule) causes a “flat foot” or a bulging sole, with the apex of the frog lacking depth within a solar dome. Most professionals consider this to be a very sudden thing, but it usually happens over time, long before anyone notices a problem. Routine rasping of this growing bulge (read undermining the coffin bone or thinning the sole and overexposing the corium) is usually what actually brings the problem to a horribly painful head for the horse; not the laminitis that has been constantly affecting the horse for years.
The dermal and epidermal halves of the healthy laminae are impossible to tear apart with stress on the hoof walls. Instead, when mechanical stress alone causes failure, the laminae stay bonded together and both are separated from the wall itself. According to Pollitt, normal locomotion exposes the hooves to 1/10th of the stress required for failure of the hoof wall, yet the inner wall itself is the “weaker link”, when compared to normal, healthy laminae! Therefore, if the two halves have become separated from each other, you can be assured one or more of the factors we have discussed were present. When the dermal and epidermal halves of the laminae are correctly bonded together, the keratinocytes of the secondary dermal laminae constantly add new hoof horn tubules to the mass of the hoof wall; from the inside out, not just from the top. (Dr. Robert M. Bowker) When the laminae separate from each other, even very slightly, the dermal laminae continue to grow the new horn tubules, but they now pile loosely between the dermal and epidermal laminae, pushing the two farther and farther apart and creating the lamellar wedge. This presence of hoof horn between the dermal and epidermal laminae is proof in a given situation that this has been going on for quite a while, usually while the owner and farrier perceive the horse to be “sound”.
Another key feature of the laminitic hoof is that when the laminae separate, the new wall growth at the toe is no longer forced to grow down the bone to meet the ground. As long as the diet continually destroys the attachment, the new wall growth is free to follow the path of least resistance. At the toe, it will thus grow straight out, perpendicular to the laminae. Since the growth at the toe is not moving downward like the heel growth, it gives the illusion that the toe walls are growing slower than the heels. In fact, if you cut a cadaver hoof down the middle that has the classic “fan-shaped” growth lines of founder, you can measure the curved horn tubules and see that the toe and the heel actually grew at the same rate, just not in the same direction. Occasionally you can find toe growth actually outrunning heel growth (visible in cross section) in hooves that appear from the outside to have no toe growth at all. The fan shaped growth lines, along with the “filled in” area between the coffin bone and a flared or rotated hoof capsule are definite signs that the original separation of the laminae occurred many months ago. It is frightening how few hoof professionals recognize this fact. In the rare case that a coffin bone rotation does happen suddenly, there will be nothing but air between the two halves of the separated laminae; you can see or probe all the way to the coronet from the bottom of the foot (between the wall and the bone), and again, this is not the way it usually happens in the real world.
Most commonly, after a dietary insult to the lamellar bond, if the horse is provided with natural support of the coffin bone through the sole, the result is much less dramatic. Constant flaring, wall separation, “white line disease” develops instead, and dealing with these things falls on the shoulders of the farrier. If you try to treat these things with only mechanics, you will never see complete results. The diet must be addressed as well. Otherwise, you can soak hooves in anti-fungal solutions indefinitely, shoe, trim, or epoxy however you want and you will make only minimal progress with a case of “white line disease” or wall flaring. Keep in mind that that destruction of the lamellar bond can happen without clinical signs of laminitis. It happens from “top to bottom”, and takes a full growth cycle to grow out in the best of circumstances. If a horse has a dietary insult every spring, when the grass fructans heavily increase and every fall because of acorns or crab apples, the hooves may appear to be constantly suffering from fungal invasion or “white line disease”. I do regret the unsuccessful anti-fungal soaking programs I once put horse owners through, only to later watch as a grazing muzzle completely fixed the feet.
In most cases of “seedy toe” or white line disease, this process is well under way and only  the epidermal half of the laminae are visible at ground level. The half produced from the dermis is back with the coffin bone where it belongs and a true white line (involving both halves) doesn’t exist. Worrying about the fungal part of “white line disease” when the horse doesn’t even have a true white line to begin with, is obviously a prescription for “spinning your wheels”. The fungal complications of a white line separation do sometimes need to be treated, but understand that fungi do not really bother healthy hooves. The true lesion will be present first to create a home for the opportunistic pathogens that then attack the hooves.
So dealing with one horse with a 15 degree coffin bone rotation and another with a case of constant wall flaring is exactly the same. Generally speaking, the horse is growing well attached laminae from the top every second of every day. From a trimming standpoint, we need to load the coffin bone naturally through a dense callused sole, and provide some relief to the stresses on the disconnected walls. This in turn relieves the mechanical tearing apart of the laminae, allowing them to grow in correctly.
These mechanics do nothing, however, to stop the process of constant dietary destruction of the lamellar bond. This is often happening as quickly as the horse can grow well connected laminae. We must, at the same time naturalize the diet. This means providing free choice mixed grass hay or pasture that is as low as possible in non structural carbohydrates (particularly sugar and fructan) and the elimination of all or most of the starches, grains, fruits, acorns, molasses, and high NSC pasture from the horse’s diet. (Often a grazing muzzle is all it takes) Horse owners are usually shocked when they see how well their horses thrive with such a diet. They just don’t realize that the horse has little or no means to utilize most of the things they were previously feeding. The study of the nutrition of grasses and hay is an incomplete, but fast moving field in its own right. Please study www.safergrass.org for more details. It is the best source I know of to help you figure out the safest diet available in your area. No one can tell how much NSC is in a pasture or hay just by looking. This website will teach you how and why to get testing done. It’s surprisingly cheap and easy to do.
As with humans, exercise will greatly enhance the effects of a healthier diet and also help make up for many shortcomings. The extra movement also increases hoof wall and sole growth; speeding up the healing process. The advancements in the hoof boot industry in the last year have been amazing. Hoof boots with thick foam insoles added, are very useful for providing enough comfort and protection for exercising the foundered horse while allowing excellent trim mechanics, and tape-on pads are a better choice when protection is needed during turnout. Stall rest is undesirable if a rehabilitative trim is well applied. If you set up proper mechanics with the coffin bone in a natural position (relative to the ground during impact; not just while standing) and relieve the damaged laminae from stress, every step will cause a bit of well connected new growth. That said, do not “force-walk” a lame horse. Offer the choice to move until you can get true comfort in the boot/pad system, or on firm, but yielding terrain. Then, and only then, begin a true exercise program; increasing work as the horse becomes more able.
Any means of support that is rigidly attached to the hoof wall itself is contraindicated. One reason is that the walls themselves are not properly attached, so can’t provide support stable enough to allow well connected growth to move in from the top. It will be constantly damaged as it grows. Mechanically, the laminae are very strong when they are all working together, but tear with the slightest pressure when they are partially separated. Think of a piece of cloth that you cannot tear, but a little “starter cut” is all you need to easily rip it apart. This is where the “old” laminitis ideas come into play. We still do have to worry about them. Even if you provide a satisfactory diet, if pressure on the walls and/or lamellar wedge overstresses or irritates the new growth, inflammation, pain and swelling will occur, along with the mechanical separation. This swelling and capillary damage makes normal blood flow through the laminae impossible. Blood is then redirected through AVA’s, bypassing the restrictions in the dermal laminae and starving the cells, thus adding to the damage and making healing impossible. “Hanging” a horse from weakened, separated laminae simply doesn’t work and repeated unsuccessful attempts have left most farriers wrongly feeling that the reversal of a 10+ degree rotation is impossible.
Secondly, the walls are constantly growing. If you attach perfect coffin bone support to the walls today, by tomorrow your support has crept away with the ever-growing hoof capsule, along with the bone you are trying to stabilize. If you are willing to support the bone column with the ground, through the well callused sole and unload the laminae, you will be able to set up the mechanics to grow out the worst of “rotations”. If the diet is right, the rest is just a matter of waiting for the growth cycle to complete itself; a new, well connected wall is simply regrown around the bone.
Every day, more is understood about how the horse’s diet effects hoof wall attachment, but this just leaves many farriers and horse owners falling farther and farther behind. We need to teach everyone associated with horses to recognize the warning signs before they come to a head and cause severe lameness and pathology. Ripples or red stripes on the hoof walls, abscessing, fan-shaped growth rings, obesity, abnormal weight loss, dull, shaggy coats or an unwillingness to shed winter coats, flat soles, wall flares or white line separation, negative “attitude”, “laziness”, and hoof sensitivity should be cause for immediate concern for anyone associated with horses. It should be an immediately recognized fact that there is likely to be very serious and potentially dangerous dietary problems, and it should be considered irresponsible to simply wait and see if things get worse. This new science should have already brought about sweeping changes across the horse world, but the “tradition driven” horse world makes any changes very slowly and only then while “kicking and screaming”. Yes we have learned to heal most chronic founder cases, but the truly exciting part is that all founders could have been easily prevented, if only the horse owners and farriers were more educated.
A part of what is slowing down the horse-using public’s awareness of obvious danger signs is the simple tradition of misunderstanding what a truly healthy hoof is capable of. Many professionals and owners still consider a truly laminitic hoof that is “sound” only while a half inch of steel keeps it completely out of contact with the ground to be “normal” and healthy. This thinking keeps blinders on us and masks obvious signs of troubles until they go too far. It sets the bar for gauging hoof health way too low. It allows professionals to accept true pathology as a perfectly normal condition and stop far short of achieving a truly healthy hoof. Who would try to evaluate the soundness and proper function of a splinted leg?! If that splint was required for the horse to have any use of its leg, who would accept that the horse is sound and refuse to dig a little deeper for answers? This is not such a wild comparison when you really think about it. The only differences lie in our traditionally accepted viewpoints, which should not have any influence on the veterinarian or the educated farrier.
A bare, unprotected hoof that cannot function comfortably and properly in the terrain the horse normally lives and works in is no less “sick” than any other part of the body that is not capable of doing its intended job. When any other part of the body is not functioning correctly, we immediately try to fix it. When the hooves aren’t functioning correctly, tradition demands that we just try to cover them up. The problem is that it only works for a little while and actually brings the hooves farther out of normal function. This simple understanding is the heart and soul of founder cure and prevention. Given the recent major advancements in the hoof boot industry (Please read the how-to article “Boots and Pads” on www.hoofrehab.com ) and ever-increasing knowledge of proper barefoot trimming, fixed metal horse shoeing is no longer necessary for bridging the gap between living and riding terrain anyway. It only serves as an unnecessary barrier between us and a true understanding of the current health and status of our horse’s hooves.
For case studies, clinic schedule, more of Pete’s articles and links to these research papers, please visit www.hoofrehab.com .
References and further study:
www.safergrass.org and personal consultation with its author, Kathryn Watts
INSULIN STIMULATES HAPTOTACTICMIGRATION OF HUMAN EPIDERMAL KERATINOCYTES (Benoliel AM, Kahn-Perles B, Imbert J, Verrando P.)
HOOF WALL WOUND REPAIR (Pollitt, Daradka)
FUNCTIONAL ATANATOMY OF THE CARTILAGE OF P3 AND THE DIGITAL CUSHION AND A HEMODYNAMIC FLOW HYPOTHESIS OF ENERGY DISSIPATION (Bowker, Van Wulfen, Springer, Linder
EQUINE LAMINITIS: INCREASED TRANSCRIPTION OF MMP-2 (Kyaw-Tanner, Pollitt)
BIOCHEMICAL INDICES OF VASCULAR FUNCTION, GLUCOSE METABOLISM AND OXIDATIVE STRESS IN HORSES WITH EQUINE CUSHINGS DISEASE (Keen, McLaren, Chandler, McGorum)
EQUINE LAMINITIS: LOSS OF HEMIDESMOSOMES (French, Pollitt)
SENSORY RECEPTORS IN THE EQUINE FOOT (Bowker, Brewer, Guida, Linder, Sonea, Stinson)
EQUINE LAMINITIS: CLEAVAGE OF LAMININ 5 ASSOCIATED WITH BASEMENT MEMBRANE DYADHESION (French, Pollitt)
THE GROWTH AND ADAPTIVE CAPABILITIES OF THE HOOF WALL AND SOLE: FUNCTIONAL CHANGES IN RESPONSE TO STRESS (Bowker)
Also read all of Bowker’s papers from the link provided on my site.
GLUCOSE EFFECTS ON SKIN KERATINOCYTES: IMPLICATIONS FOR DIABETES SKIN COMPLICATIONS (Gale Group: Spravchikov, Sizyakov, Gartsbein, Accili, Tennenbaum, Wertheimer)
EQUINE LAMINITIS: GLUCOSE DEPRAVATION AND MMP ACTIVATION (French, Pollitt)
ENDOTOXIN INDUCED DIGITAL VASOCONSTRICTION IN HORSES (Bailey, Menzies-Gow, Marr, Elliott)
EQUINE LAMINITIS: A REVISED PATHOPHYSOLOGY (Pollitt)
METABOLIC SYNDROME IN HORSES (Johnson)

Aggiornamento sulla laminite     20-3-05        Pete Ramey    Copyright 2005

traduzione Alex Brollo, corsivo Franco Belmonte AHA

La ricerca sulla laminite è un campo in rapido sviluppo, in cui nuove scoperte vengono pubblicate quasi quotidianamente. Io non sono uno scienziato, ma solo un maniscalco che si è specializzato nella riabilitazione dalla laminite. Trascorro le mie giornate a lavorare su cavalli laminitici e le mie nottate a leggere articoli di ricerca veterinaria, e vi scrivo solo come un interprete, citando alcune delle ultime scoperte sulla laminite per aiutare i maniscalchi a tenersi aggiornati. Sono di grande importanza anche i riferimenti  che farò alla medicina umana. Più studio le ricerche sulla laminite, più trovo analogie con la ricerca sul diabete umano, dove trovo molte risposte per chi vuole capire cosa accade nei nostri cavalli. Sembra che pochi maniscalchi abbiano il tempo o l’attitudine adatti a  inoltrarsi nella giungla delle pubblicazioni di ricerca veterinaria, per cui, a beneficio dei cavalli, fornisco questa scorciatoia semplificata; si tratta di una breve rassegna e di una guida dei lavori citati alla fine, per chi è interessato ad un ulteriore approfondimento.

La parola “laminite” significa semplicemente infiammazione delle lamine. In passato, l’abbiamo ritenuta un problema circolatorio associato con infiammazione, gonfiore e riduzione della circolazione nelle lamine dermiche (la metà “vivente” delle lamine), in cui il principale problema era che  l’afflusso di sangue arterioso alle lamine veniva deviato attraverso le anastomosi artero-venose (si tratta di “valvole” capaci di aprirsi e chiudersi al bisogno, capaci di deviare il sangue da un’arteria a una vena, interrompendo l’afflusso ematico dell’area a cui il sangue era destinato).La risultante riduzione della circolazione ematica era ritenuta la causa della sofferenza e della distruzione delle lamine. Certamente tutti questi fenomeni sono stati provati e sono associati al tremendo dolore causato dall’infiammazione e dal gonfiore dei tessuti molli intrappolati fra l’osso triangolare e la muraglia (con un’infiammazione ugualmente dolorosa del corion derma del fettone e della suola), ma alla luce della ricerca più recente sembra che questi fenomeni avvengano come conseguenza del danno alle lamine, piuttosto che esserne la causa effettiva.
In effetti, è stato provato che una circolazione “normale” è necessaria per portare nello zoccolo i fattori scatenanti della laminite. Una riduzione sperimentale della circolazione di uno zoccolo lo preserva dalla laminite mentre gli altri tre, dopo un sovraccarico di carboidrati, ne vengono colpiti (Pollitt). Più ci avviciniamo ad una reale comprensione delle vere cause iniziali della malattia, più efficaci saranno sia la prevenzione che il trattamento. La ricerca recente ci ha dato  potenti armi nella nostra guerra alla laminite: conoscenze che noi possiamo immediatamente applicare ai cavalli.
Le lamine epidermiche sono prodotte a livello della corona e sono letteralmente parte della stessa muraglia. Sono strettamente intercalate alle lamine dermiche che sono fermamente ancorate all’osso triangolare.  Tra le due, c’è una struttura molto robusta, chiamata membrana basale. La membrana basale è la struttura che ancora lo zoccolo al cavallo. (Lo schema è lo stesso in tutti i vertebrati, compreso naturalmente l’uomo. Cercate in un atlante di anatomia o di istologia la parte dedicata all’unghia). In corrispondenza del margine distale dell’osso triangolare, le lamine dermiche si interrompono, ed è prodotto  un secondo strato epidermico che salda la muraglia alla suola. L’estensione “non vivente” di questa  fusione fra le due lamine epidermiche è chiamata (per ragioni sconosciute) la linea bianca (finora non ne ho vista bianca nemmeno una).

La muraglia e le lamine epidermiche crescono scorrendo verso il basso sulle (sopra e tra le) lamine dermiche, che stanno ferme, e nonostante il movimento relativo le lamine epidermica e dermica restano fortemente aderenti l’una all’altra. C’è almeno un metro quadrato di superficie di connessione per ogni zoccolo, che viene continuamente modificata nel processo di crescita della muraglia. Questo stupefacente processo avviene per intervento di enzimi  rimodellanti (gli MMP), che costantemente rimuovono i filamenti di ancoraggio che legano le lamine epidermiche alla membrana basale. In condizioni normali, questa “distruzione” è perfettamente sincronizzata con la velocità di ricostruzione e la muraglia può crescere mentre le lamine sane continuano a restare quasi impossibili da staccare.

Il dott. Chris Pollitt (University of Queensland) ha evidenziato che durante la fase iniziale della laminite, gli MMP crescono vertiginosamente e distruggono tutti i filamenti di ancoraggio e talora la stessa membrana basale. Questo significa letteralmente che lo zoccolo non è più attaccato fermamente al cavallo. Come risultato di questo danno, il cavallo in seguito va incontro al forte dolore, all’infiammazione, all’alterazione della normale circolazione  la rete capillare subisce danni e si crea come un blocco stradale al flusso del sangue) e spesso il peso stesso del cavallo fa scendere le parti scheletriche del piede verso terra (dentro la capsula), lasciando che  l’osso triangolare si sposti di molto (verso il basso) rispetto alla sua posizione normale all’interno dello zoccolo. Questo meccanismo è molto importante da capire, poiché molti professionisti trattano ancora la laminite come un problema innanzitutto circolatorio (affrontando quelli che invece sono i sintomi). Pollitt ha dimostrato che prima che che si manifesti qualsiasi sintomo di laminite, il danno è già in atto. Il termine stesso di “laminite” è un nome completamente  inappropriato.

Questa importante rivelazione sulla natura del danno iniziale ha consentito rapidamente di giungere ad una comprensione più approfondita della malattia. Pollitt ha studiato quali altri fattori possono causare la separazione delle connessioni fra lo zoccolo ed il cavallo. Ha studiato gli effetti della maggior parte degli eventi scatenanti noti e ha scoperto che solo uno di questi è la reale causa di separazione. Si tratta del batterio intestinale Streptoccoccus bovis.

Il cavallo non possiede enzimi per digerire il carboidrato non strutturale chiamato fruttano. (i fruttani sono una famiglia di carboidrati). La alimentazione naturale di erbe varie gli fornisce carboidrati strutturali come la cellulosa, l’emicellulosa e la lignina, ma i fruttano possono dominare la dieta dei nostri cavalli domestici. Sono presenti in grandi quantità nei nostri pascoli coltivati, molto ricchi, e nel nostro bel fieno “per cavalli”. Il fruttano raggiunge indigerito il grosso intestino, e là fermenta rapidamente con produzione di acido lattico. Il responsabile della fermentazione è lo S. bovis  che può aumentare di oltre 1500 volte di numero durante un sovraccarico di carboidrati che causa la laminite.  Anche se nessuno ha scientificamente dimostrato che questi batteri penetrino nel sistema circolatorio e causino la separazione delle lamine nella laminite che avviene spontaneamente, Pollitt ha dimostrato che se raggiungono le lamine possono scatenare la produzione di MMP-2 e provocare il cedimento dell’attacco delle lamine epidermiche alla membrana basale.

(l’acidificazione altera la flora intestinale, alcune specie normalmente presenti e rappresentate ne soffrono particolarmente. Le membrane dei batteri intestinali che soccombono a causa del degrado dell’ambiente acidificato possono superare la barriera intestinale danneggiata a sua volta. Si comportano come tossine endogene insieme alla grande quantità di materiali liberati nella lisi e morte incontrollata di organismi unicellulari. La complessa relazione tra sistemi si evidenzia ed esita, tra le altre cose, nella laminite. Particolarmente evidente a causa delle forze in gioco. Le teorie vanno e vengono, tornano e vengono dimenticate. Di fatto l’unica cosa da correggere e che si può correggere è che gli animali vengono gestiti in modo scorretto. Ciò li fa ammalare. Più notevole e intelligente sarebbe ammetterlo e rimediare).

Più recentemente Pollitt ha trovato che le pareti intestinali danneggiate possono permettere a uno dei loro componenti, la Laminina -5, di accedere al torrente cicolatorio. Quando raggiungono le lamine anche loro sono in grado di causare il rilascio di MMP con la conseguente distruzione dei filamenti di connessione a livello della membrana basale (contenente anch’essa Laminina-5).

Un’altra scoperta importante di cui essere a conoscenza è che Pollitt ha provato che le lamine si separano facilmente quando sono carenti di glucosio. La carenza di glucosio causa la distruzione di importanti  “spot welds” (gli emidesmosomi) tra l’epidermide e la membrana basale. Anche se i filamenti di ancoraggio restano intatti, sono facilmente staccati sotto carico. Questa osservazione spalanca un ampio campo di studi e ulteriori strade per capire la laminite. Ognuna delle lamine dermiche ha più di cento lamine secondarie che crescono su di loro.Queste lamine secondarie sono fatte di cheratinociti, ossia di cellule che producono cheratina. Sono cellule che producono sia la muraglia, che lo strato corneo della pelle dei cavalli, come pure lo strato corneo della pelle, i capelli e le unghie sia dell’uomo che degli altri animali. Mentre Pollitt ha scoperto che le endotossine che spesso erano state imputate della separazione laminare (nel corso di una modifica della dieta e di una “necrosi in massa” dei batteri digestivi) non causano direttamente la separazione laminare, gli stress metabolici risultanti dall’endotossiemia sono ancora ritenuti responsabili della separazione in via indiretta. Nel momento in cui i batteri digestivi vanno incontro alla necrosi in massa spesso associata ad un brusco cambiamento della dieta e all’insorgenza della laminite, la risultante carenza di batteri digestivi causa un’immediata “denutrizione” del cavallo. Ogni zoccolo di un cavallo fermo normalmente consuma più glucosio della sua intera testa. E durante il movimento? E’ ragionevole pensare che la stessa deprivazione di glucosio interessi anche i cheratinociti della cute, ma le forze fisiche richieste  per “completare l’opera” e provocare la separazione fisica sono molto più forti a livello della muraglia (che se ne stanno da sole a sopportare il compito di supporto del peso del cavallo senza l’aiuto di una buona suola callosa).
Questa è una delle molte ragioni per le quali vediamo una resistenza alla laminite molto maggiore negli zoccoli mantenuti in una forma naturale. Le forze di taglio sono fortemente ridotte. A parte gli anteriori dei cavalli sottoposti a una competente manutenzione naturale, vediamo anche comunemente una maggiore resistenza nei posteriori, a prescindere dalla gestione praticata. Nonostante che gli anteriori e i posteriori siano identici alla nascita, i posteriori sono utilizzati dal cavallo  molto più energicamente per tutta la vita, per cui i posteriori dei cavalli domestici tendono a svilupparsi in modo più naturale e completo degli anteriori (leggete “Scoprire la verità sulla sindrome navicolare” per approfondire questo argomento). L’opportuno sviluppo della parte posteriore del piede permette una dissipazione dell’energia molto migliore, cosa che riduce fortemente lo stress sulle lamine.

(cercate qui sul sito la pubblicazione di Ramey-Taylor sulla riabilitazione di 14 cavalli laminitici per meglio comprendere come la parte posteriore del piede possa fare la differenza e permettere un reale e sostanziale miglioramento della condizione in cavalli solo parzialmente recuperati dal punto di vista del riallineamento capsula – terza falange).

Inoltre, in uno zoccolo di forma naturale, le lamine possono essere ugualmente indebolite, ma il triangolare “non sa dove andare” poiché la suola, e quindi la superficie plantare del triangolare, contribuiscono direttamente a sostenere il cavallo (dott. Robert M. Bowker)
Inoltre, gli zoccoli di forma naturale hanno al loro interno un flusso circolatorio molto più uniforme. Leggete la   “Theory of Hemodynamics” del dott. Bowker. L’azione di pompa del sangue è molto più delicata e difficile da ottenere di quanto la maggior parte dei maniscalchi ritenga. Va molto al di là della semplice pressione sul fettone e richiede adeguato sviluppo e flessibilità adeguati dal momento della nascita. Una adeguata funzione e un’adeguata circolazione nello zoccolo non sono importanti solo per dissipare l’energia e per alleviare il carico di lavoro del cuore, ma anche per i vantaggi che procura nel momento in cui la laminite si manifesta acutamente e la carenza circolatoria diventa un fattore critico.
Mentre facevo visita al mio nonno, affetto da diabete, ho notato che le sue unghie erano solcate, di colore irregolare e parzialmente staccate dal letto ungueale. Dal di sotto delle unghie deformate, protrudevano unghie nuove e morbide. Vi suona familiare? se avete lavorato con cavalli laminitici, certo che sì! questo mi ha indotto a studiare temi di medicina umana, in particolare il ruolo degli zuccheri del sangue sui cheratinociti. Essendo una persona alla caccia di informazioni nuove, mi sentivo come un ragazzino appena entrato in un negozio di dolciumi! Immaginate la mia sorpresa quando ho trovato le raccomandazioni mediche dell’Associazione Americana Diabete che dicono “Tutti i pazienti con diabete dovrebbero ricevere una visita annuale ai piedi per identificare situazioni di alto rischio. L’esame dovrebbe comprendere una valutazione della sensibilità nociceptiva, della struttura e della biomeccanica del piede, dello stato dei vasi e dell’integrità della cute. Ai  pazienti diabetici si raccomanda con energia di sottoporsi a esame nei casi di:
i Neuropatia periferica con perdita della sensibilità nociceptiva
ii Alterata biomeccanica (in presenza di neuropatia)
iii Segni di pressione aumentata (eritema o emorragia sotto una callosità)
iv Deformazione ossee
v Vasculopatia periferica (polsi pedidei ridotti o assenti
vi Storia di ulcerazioni o di amputazione
vii Severe alterazioni delle unghie
Dev’essere verificata l’integrità della cute, in particolare fra le dita e sotto le teste metatarsali. La presenza di eritema, di riscaldamento, o la formazione di callosità  possono indicare aree di danno tessutale con incipiente rottura. Dev’esser valutata la presenza di deformità osee, di limitazione della mobilità articolare, e la presenza di problemi nel passo e nell’equilibrio”” (Ricordate, stiamo parlando di persone e non di cavalli!)
Penso che la maggior parte dell’informazione che ci serve per quanto riguarda il meccanismo per cui una dieta innaturale, ad alto contenuto in zuccheri, può influenzare la connessione laminare sia già disponibile nell’uomo. Devono essere i ricercatori veterinari ad accertarne la rilevanza e a stabilirne l’applicabilità al cavallo. Nel frattempo, vi racconterò qualche altra cosa che ho scavato fuori.
Le lamine secondarie sono fatte di cheratinociti. Studiando la pelle umana, ricercatori francesi hanno dimostrato che aumentati livelli di insulina causano la migrazione dei cheratinociti! Questo è un punto importante che nessuno ha studiato nei cavalli (che io sappia). Se un aumento degli zuccheri nel sangue causa un aumento del livello di insulina, questo fenomeno potrebbe da solo attivare il processo complessivo di distruzione laminare, attraverso la disorganizzazione delle lamine secondarie. Mentre è nozione abbastanza diffusa che i livelli di insulina sono spesso al di sopra della norma nei cavalli laminitici, non ho trovato uno studio scientifico che effettivamente tenga monitorato i livelli di insulina nei cavali dopo un sovraccarico di carboidrati che induce la laminite. Questo fenomeno succede sempre? sapendo che questa migrazione dei cheratinociti (che costituiscono le lamine  dermiche secondarie) potrebbe forse avviare il processo di separazione delle lamine, sarei molto interessato a uno studio che mostri quanto è consistente la caratteristica dell’aumento dell’insulina nei cavalli nella prima fase della laminite. Mi chiedo se l’eccesso di attività degli MMP sia  un tentativo di riparare il conseguente danno, piuttosto che esserne il fattore causale chiave. La ricerca sull’uomo dimostra che spesso la loro attività aumenta con lo scopo di riparare un danno conseguente a un trauma.
Dall’Americana Diabetes Association, un progetto di ricerca sui topi (gruppo di Gale) ha dimostrato che alti livelli di glucosio inibiscono la proliferazione dei cheratinociti e che aumentati livelli di insulina la aumentano. In entrambi i casi, una irregolarità o una situazione innaturale è direttamente creata da un’alterazione degli zuccheri nel sangue. Nuovi tubuli cornei crescono costantemente dalle lamine dermiche e agevolano il movimento della muraglia, che cresce continuamente, lungo il triangolare (dott R. M. Bowker). I tubuli crescono normalmente dagli apici delle lamine dermiche, attraversano le lamine epidermiche e si fondono con il resto della muraglia che cresce dalla corona. E’ per questo che la muraglia  non è stirata fino allo spessore di una moneta con l’andar del tempo, mentre aumenta il proprio diametro scendendo verso il suolo. Se un aumento degli zuccheri nel sangue diminuisce questa proliferazione, è ragionevole  concludere che la crescita dello zoccolo dalla corona potrebbe rapidamente “passare oltre” le lamine, causando i primi fenomeni di separazione laminare.
Analogamente, se alti livelli di insulina  accrescono la velocità di produzione di sostanza cornea, questa potrebbe divaricare fra di loro le lamine epidermica e dermica, man man che l’eccesso di sostanza cornea si interpone fra loro. In altre parole, il cuneo lamellare (ci tornerò sopra più avanti) potrebbe essere una  causa, piuttosto che un effetto.
Questo potrebbe spiegare i due tipi di separazione che vediamo in pratica. Talora vediamo una linea bianca perfettamente intatta e una muraglia spinta lontano dalla linea bianca. Altre volte, vediamo le lamine dermica e epidermica staccate l’una dall’altra. Nel primo caso, la muraglia si separa dalle lamine “ancora intatte”. Nel secondo, sono le lamine dermica ed epidermica che si allontanano l’una dall’altra. Sto facendo delle ipotesi, ma mi sembra che l’argomento meriti un approfondimento attraverso la ricerca veterinaria.
Dallo stesso gruppo di ricercatori: troppo glucosio in realtà causa una carenza di nutrizione cellulare, diminuendo la sua utilizzazione da parte dei cheratinociti cutanei. In questo studio, è stato dimostrato che in realtà le cellule ricevono più glucosio quando la sua concentrazione ha il basso valore di 2mml/l, rispetto a quanto ne ricevono ad una concentrazione indotta sperimentalmente di 20 mmol/l.  L’iperglicemia causa un aumento della resistenza all’insulina e una riduzione dell’utilizzazione del glucosio. In altre parole un eccesso di zuccheri, indifferentemente derivante da erba, fieno, cereali o melasse, potrebbe in effetti causare un deficit  nutritivo nelle lamine fino alla loro necrosi. I ricercatori hanno anche dimostrato che i cheratinociti si appiattiscono e perdono il loro normale orientamenti a questi alti livelli di glucosio. Questa ricerca era volta alla comprensione della patologia umana, ma comunque suona familiare, vero?
In effetti, è noto che i cavalli con una ridotta sensibilità all’insulina hanno un rischio molto alto di laminite; c’è semplicemente un basso livello di consapevolezza fra il pubblico del perchè? Il dott.  Philip Johnson scrive: “Esiste un’associazione molto forte fra l’obesità, la sindrome metabolica e il rischio di laminite. Frequentemente, al primo esame veterinario, c’è evidenza sia fisica che radiologica di laminite di lunga data in questi cavalli, anche se proprietari e gestori di ottima fama e credibili riferiscono che non vi era nessun sintomo di laminite e che non c’erano altre spiegazione per tali lesioni. In questi cavalli, cambiamenti visibili che sono comunemente collegati alla laminite (comprese le linee di crescita prominenti, la divergenza palmare delle linee di crescita, e la suola convessa) possono essere evidenti in assenza di qualsiasi dolore laminitico o di qualsiasi storia di laminite o di zoppia”.
Io ritengo fermamente che questi “proprietari e gestori credibili” debbano semplicemente imparare a leggere questa “evidenza obiettiva”. Mi succede ricorrentemente di essere chiamato per “nuovi” casi di laminite, solo per scoprire che la malattia covava da anni, ma non era stata riconosciuta. La crisi finale poteva essere facilmente prevista e altrettanto facilmente prevenuta.

Durante la mia carriera, lavorando con un innumerevoli cavalli laminitici, ho osservato che generalmente non c’è niente di serio nella maggior parte dei cavalli che sono considerati resistenti all’insulina affetti dalla sindrome metabolica. La gran parte dei proprietari li chiamano “tendenti ad aumentare di peso” e può sembrare impossibile evitare che siano sovrappeso o che producano zoccoli sani. Il vero problema è che noi prendiamo animali evoluti per sopravvivere in lande desertiche con vegetazione sparsa, e li costringiamo a vivere in una “fabbrica di dolciumi”. E’ per questo che le “razze di tipo desertico” sono più soggette ad un alto rischio di problemi nel metabolismo degli zuccheri e quindi di laminite. Lo so perchè ho osservato molti casi “disperati” guarire, quando la loro dieta è stata cambiata e trasformata in una più semplice e naturale, basata su fieno di erba mista, ed è stato eliminato il sovraccarico di zuccheri e di cereali ed erbe nutrienti ricche in fruttano. Il conseguente miglioramento  della loro salute  ha avuto un effetto molto positivo sulle loro attitudini, sul loro corpo e naturalmente sulla completa salute dei loro zoccoli. Il problema è che questi cavalli non hanno problemi nel metabolismo dei carboidrati in generale; hanno solo problemi con la quantità di carboidrati innaturalmente alta che stavano ricevendo. Questo non significa che un cambiamento nella dieta possa sostituire ogni intervento medico; soltanto, dovrebbe essere il punto di partenza per ogni riabilitazione.
In poche parole, la causa dell’obesità e della laminite è la stessa: l’alimentazione inadeguata o eccessiva! Non è che un cavallo debba essere obeso per soffrire di laminite, ma se tutti i proprietari si rendessero conto che l’aumento di peso di un cavallo è motivo di serissimo allarme, la laminite diventerebbe presto un ricordo di “come le cose andavano una volta”. Ho visto anche innumerevoli cavalli sotto peso, diventati laminitici mentre i proprietari spendevano anche 60$ al giorno per alimentarli mentre il cavallo rifiutava di prendere peso. Ripetutamente, ho visto che questi cavalli alla fine prendevano peso e riuscivano a ottenere zoccoli sani nel momento in cui la loro dieta veniva portata a una dieta più semplice, costituita da fieno di erba mista a volontà (con l’aggiunta dii sali e minerali). La ragione è che  questi cavalli non riescono ad utilizzare l’alimentazione più ricca. Nel loro tentativo di farli ingrassare, i proprietari stanno solo tenendoli in una continua situazione di stress metabolico, producendo però un letame molto ricco e di grande valore. I nutrienti contenuti in una dieta troppo ricca sono semplicemente buttati via, nel migliore dei casi. Nel peggiore, possono fare un grave danno.
Nei veri casi di resistenza all’insulina o in cavalli perfettamente sani che semplicemente ne ricevono in eccesso, le cellule alla fine diventano così impermeabili al glucosio che il cavallo entra in uno stato di denutrizione, consumando il grasso e poi il muscolo perchè il meccanismo per bruciare il glucosio è completamente fuori uso. Migliorare la sensibilità all’insulina formendo fieno a basso contenuto di zuccheri può alla fine permettere una maggiore utilizzazione del glucosio una volta che il circolo vizioso si è spezzato. (Dalla medicina umana e da casi aneddotici nel cavallo, anche un supplemento di magnesio può aumentare la sensibilità all’insulina).
Sarebbe bello che noi potessimo stravolgere l’evoluzione del cavallo e rendere il suo tratto intestinale simile al nostro. Sarebbe più comodo fornire un paio di pasti ricchi al giorno, piuttosto che rendere disponibili costantemente cibi a minore potere nutritivo. Semplicemente, la cosa non funziona nella maggior parte dei cavalli. Non colpevolizzate un cavallo per il fatto di essere un cavallo. E’ nostra responsabilità fornirgli proprio quello di cui ha bisogno. Il diabete  umano di tipo II è una “condizione umana” in cui c’è una produzione di insulina inadeguata al trasporto del glucosio nelle cellule.  Se i  livelli di insulina e di glucosio nel sangue sono entrambi elevati, la condizione prende il nome di diabete tipo II. Se solo il valore dell’insulina è elevato, ma riesce comunque a tenere il livello di glucosio ormale, la condizione viene generalmente chiamata resistenza all’insulina.
Esistono indizi crescenti che in genere non si tratti affatto di una malattia, ma solo del fatto che gli individui affetti siano “predisposti” per una dieta molto più leggera e più naturale di quella che utilizzano.  Se un individuo riceve un eccesso di glucosio ematico il corpo risponde aumentando il livello di insulina per gestirlo. Nel tempo, le cellule beta che producono insulina “si esauriscono” e perdono la capacità di produrre insulina, causando un effetto a valanga.
Perchè è importante la medicina umana? Al momento abbiamo molte più informazioni su come  preservare la salute e il livello di zuccheri nel sangue nell’uomo, rispetto a quelle che possediamo nel cavallo, e notare le analogie può aiutarci a soccorrere i cavalli laminitici in questo momento, mentre la ricerca sulla laminite continua a procedere. Ci sono ancora professionisti che trattano la laminite come se fosse un problema circolatorio, ignorando completamente il ruolo della dieta e dell’esercizio fisico. E’ provato che i problemi circolatori ed infiammatori sono solo i sintomi della distruzione laminare causata da una dieta innaturale troppo ricca in carboidrati non strutturali (leggi cereali, melasse, mangimi ricchi e fieno “troppo buono”).
Molti proprietari affidano la salute degli zoccoli esclusivamente al maniscalco, e chiamano il veterinario sono quando le cose vanno orribilmente male. La cura corrente degli zoccoli dovrebbe forse essere una procedura veterinaria? Potrebbe essere: al momento, non vi sono altre parti del corpo di qualsiasi animale che qualcuno, che non è laureato in medicina, può immobilizzare o di cui può modificare l’allineamento scheletrico. Nonostante che i maniscalchi non possano legalmente porre diagnosi di laminite, tuttavia nel nostro lavoro quotidiano abbiamo a che fare con le sue conseguenze, a diversi livelli di gravità, in quasi ognuno dei cavalli domestici di cui ci prendiamo cura. Più studiate l’argomento della distruzione laminare dovuta alla dieta, più notate che avviene dovunque. Se capite che una dieta troppo ricca indebolisce la connessione fra lo zoccolo e il piede, questo concetto influenza profondamente la vostra attività quotidiana consistente nel tradizionale lavoro “non medico” di tenere gli zoccoli in un buono stato.  Delle due l’una: o i maniscalchi saranno istruiti sugli effetti della dieta sulla connessione laminare, e daranno consigli ai loro clienti, o ignoreranno i fatti e insisteranno sul fatto che la cura degli zoccoli è solo l’arte di modellare una specie di “blocco di legno”, non vivente e immobile, che non si adatta bene al cavallo. Personalmente, ho scelto di infrangere la tradizione e ho tentato di imparare, e poi di educare i miei clienti sugli effetti della dieta sugli zoccoli dei cavalli, perchè penso che sia l’unico modo competente di svolgere il mio lavoro.
Alla luce delle moderne opinioni sui rapporti fra dieta e integrità delle lamine, i maniscalchi dovrebbero concentrarsi particolarmente sul problema di aiutare i proprietari nell’alimentazione dei cavalli. Se il compito specifico professionale dei maniscalchi è quello di assicurare  la salute degli zoccoli, devono essere maggiormente consapevoli del corpo che vi è attaccato. Ogni giorno, i proprietari sono sottoposti a un fuoco di fila di annunci commerciali e di consigli dietetici da parte di altri cavalieri, che raccomandano, per l’alimentazione quotidiana, proprio le cose che, come dimostrato scientificamente, sono le responsabili della distruzione delle connessioni laminari! La riduzione delle connessioni laminari è proprio la causa della “protezione” di cui gran parte dei cavalli hanno bisogno, e in genere i suoi segni sono evidenti molto prima del cedimento completo e della laminite cronica. Come professionisti, siamo tenuti ad applicare le conoscenze scientifiche più recenti per combattere questo problema. E’ nostro compito specifico studiare e interpretare queste nuove informazioni e renderle disponibili per i cavalli dei nostri clienti.
Rendetevi conto che questa discussione non riguarda solo il cavallo con laminite in atto o cronica. Prima che le cose procedano fino a questo punto, i problemi concreti erano al lavoro da un tempo veramente lungo. Nonostante che i ricercatori stiano ancora studiandone tutti i meccanismi, è ormai un dato di fatto che il sovraccarico di carboidrati indebolisce la connessione dello zoccolo al cavallo. Cosa accade poi dipende dalle meccaniche che sono già in atto. Se la muraglia è troppo alta e il triangolare non sta ricevendo il naturale supporto da una suola spessa e callosa, il peso del cavallo semplicemente spinge verso il basso, causando la rotazione o l’affondamento del triangolare. La posizione più bassa del triangolare (rispetto alla capsula) è la causa di una “suola piatta” o di una suola  protrudente, con l’apice del fettone che non è sospeso in alto sulla volta plantare. La gran parte dei professionisti lo considera un fenomeno improvviso, ma generalmente si sviluppa nel tempo, prima che chiunque lo noti. La rimozione routinaria della suola sporgente (leggi: la sottrazione del sostegno al triangolare o l’assottigliamento della suola con sovraesposizione del corion) è usualmente la cosa che trasforma il problema in un terribile dolore per il cavallo; non la laminite, da cui il cavallo è affetto da anni.

Le due metà dermica ed epidermica delle lamine sane sono impossibili da staccare applicando uno stress alla muraglia. Piuttosto, quando uno stress meccanico causa da solo un distacco, stanno connesse una all’altra e entrambe si separano dalla muraglia. Secondo Pollitt, la locomozione normale espone gli zoccoli a un decimo dello stress necessario a far cedere la muraglia, e in ogni caso è lo strato interno della muraglia il “punto debole” dello zoccolo, piuttosto che le lamine sane! Quindi, se le due lamine si separano, potete star certi che uno o più dei fattori che abbiamo discusso sono presenti. Quando le facce dermica ed epidermica delle lamine sono correttamente connesse, i cheratinociti delle lamine secondarie aggiungono continuamente massa alla massa della muraglia; dall’interno all’esterno, non solo dall’alto (dott. R.M. Bowker). Quando le lamine si separano, anche molto leggermente, le lamine dermiche continuano a produrre tubuli cornei, ma questi si impilano lassamente fra le lamine dermica ed epidermica, spingendole via una dall’altra e creando il cuneo lamellare. La presenta di materiale corneo fra gli strati dermico ed epidermico delle lamine dimostra che quella condizione sta continuando da parecchio tempo, mentre sia il proprietario che il maniscalco ritenevano lo zoccolo “sano”.
Un altro carattere tipico  dello zoccolo laminitico dipende dal fatto che quando le lamine si separano, la nuova muraglia in corrispondenza della punta non è più costretta a crescere verso il basso in direzione del suolo. Per tutto il tempo in cui la dieta continua a distruggere la connessione laminare, la nuova muraglia è libera di seguire il percorso di minore resistenza. Alla punta, cresce pertanto diritta, perpendicolarmente alle lamine. Poiché la crescita della muraglia alla punta non si muove verso il basso seguendo la crescita dei talloni, dà l’illusione che la muraglia alla punta cresca più lentamente che ai talloni. In effetti, se sezionate uno zoccolo di cadavere in corrispondenza della linea mediana che ha il tipico aspetto “a ventaglio” della laminite, potete misurare i tubuli cornei ricurvi e noterete che la punta e i talloni  sono cresciuti esattamente alla stessa velocità, ma non nella stessa direzione. Talora potete verificare che la crescita alla punta sta in effetti superando quella dei talloni (come si vede dalla sezione) in zoccoli che in cui la punta sembra non crescere affatto, visti dall’esterno.   Le curve di crescita a ventaglio, insieme all’area “riempita” fra il triangolare e la muraglia slargata o ruotata, sono segni certi del fatto che la separazione iniziale delle lamine è avvenuta molti mesi prima. È impressionante notare quanto sono pochi i professionisti della cura degli zoccoli che se ne rendono conto. Nel raro caso in cui la rotazione del triangolare si attua rapidamente, non c’è che aria fra le due strati delle lamine; la potete vedere o sentire in tutto il tratto fra la corona alla suola, interposta fra la muraglia e l’osso, ma, vi ripeto, non è quello che succede usualmente nella realtà di tutti i giorni.
Più comunemente, dopo un eccesso dietetico quando il cavallo dispone di un naturale supporto per l’osso triangolare datogli dalla suola, il risultato è molto meno drammatico. Si sviluppa piuttosto una tendenza allo slargamento costante, una separazione della muraglia, un tarlo (“white line disease”), e il trattamento di ognuna di queste manifestazioni è a carico del maniscalco. Se tentate di risolvere queste manifestazioni solo meccanicamente, non otterrete mai risultati completi. Ci vuole anche un intervento sulla dieta. In caso contrario, potete trattare lo zoccolo con soluzioni anti-fungine all’infinito, potete ferrare, potete pareggiare, potrete ricostruire lo zoccolo con resina epossidica quanto volete e farete solo minimi progressi con il tarlo o con una separazione della linea bianca. Tenete a mente che la distruzione delle connessioni laminari può realizzarsi senza segni clinici di laminite. Avviene “da cima a fondo” sullo zoccolo, e richiede un intero ciclo di crescita per essere eliminata, nelle circostanze migliori. Se un cavallo soffre di un danno dietetico ad ogni primavera, quando i fruttani dell’erba aumentano rapidamente, ed ogni autunno, a causa delle ghiande o delle mele selvatiche, può sembrare che gli zoccoli siano continuamente affetti da invasione fungina o da “malattia della linea bianca”. Mi rammarico di aver sottoposto i proprietari ai programmi  di disinfezione antifungina, come ho fatto in passato, solo per osservare in seguito che una semplice museruola poteva guarire completamente i piedi.
Nella maggior parte dei casi di tarlo o malattia della linea bianca, questo processo è ben mascherato e solo la metà epidermica delle lamine è visibile al livello del suolo. La metà prodotta dal derma rimane indietro a livello dell’osso triangolare e una vera linea bianca (costituita da entrambi gli strati) non esiste. Preoccuparsi della componente fungina della “malattia della linea bianca”, quando il cavallo non ha nemmeno una linea bianca da cui cominciare a guarire, è una cosa che dovrebbe obbligarvi a riflettere. Talora le complicanze fungine di una separazione della linea bianca richiedono un trattamento, ma rendetevi conto che i funghi non costituiscono affatto un pericolo per degli zoccoli sani. La vera alterazione dev’essere già presente per creare un ambiente favorevole ai patogeni opportunisti che poi invadono lo zoccolo.
Quindi, aver a che fare con un cavallo che ha una rotazione del triangolare di 15 gradi o di un altro con slargamento cronico è esattamente la stessa cosa. Parlando in generale, il cavallo produce dalla corona una buona connessone lamine ogni secondo di ogni giorno. Dal punto di vista del pareggio, non dobbiamo far altro che sostenere il triangolare con una suola callosa di buona qualità, e alleviare lo stress sulla muraglia poco connessa.  Questo allevia l’allontanamento meccanico delle lamine, permettendo loro di crescere correttamente.
Tuttavia questi interventi  meccanici non hanno alcuna efficacia nell’interrompere  il processo di costante  distruzione laminare causato dalla dieta. Spesso questo danno si verifica alla stessa velocità con cui il cavallo produce lamine con buona connessione. Dobbiamo, contemporaneamente, rinaturalizzare la dieta. Questo significa fornire fieno di erbe miste a volontà, o mangime con il minor contenuto possibile di carboidrati non strutturali (particolarmente zuccheri e fruttano), ed eliminare completamente o quasi amidi, cereali, frutta, melasse, ghiande, e pascolo ricco e “ben fertilizzato” dalla dieta dei cavalli (talora una museruola è tutto quello  che serve). I proprietari sono spesso scioccati nell’osservare quanto bene i cavalli sopportano una simile dieta. Semplicemente, non si rendono conto del fatto che i cavalli hanno  ben pochi mezzi per utilizzare quello di cui prima erano nutriti. Lo studio della nutrizione a base di erba e fieno è un campo studiato ancora incompletamente, ma in rapido sviluppo. Vi prego di studiare  www.safergrass.org per ulteriori dettagli. E’ la migliore fonte che conosco per aiutarvi ad immaginare quale sia la dieta più sicura disponibile nella vostra area. Nessuno può dirvi quanti NSC ci sono in un pascolo o in una partita di fieno solo guardandoli. Questo sito vi spiega come e perchè eseguire il test. È sorprendentemente a buon mercato e semplice.

(invio negli Stati Uniti ai laboratori della equianalitycal il fieno per le analisi. Alle analisi faccio seguire  interpretazione e eventuale bilanciamento).
Come nell’uomo, l’esercizio aumenta moltissimo gli effetti benefici di una dieta più sana e può costituire una buona scorciatoia. Un esercizio vigoroso incrementa inoltre la crescita della muraglia e della suola, accelerando il processo di guarigione. I progressi dell’industria delle scarpette nell’ultimo anno sono stati stupefacenti. Scarpette con uno spesso strato di schiuma all’interno sono molto utili per dare al cavallo laminitico un confort sufficiente per far muovere un cavallo laminitico dopo aver eseguito un ottimo pareggio, e solette applicate con nastro adesivo sono la scelta migliore quando è necessaria una protezione per la permanenza all’aperto. Il riposo in box è sconsigliabile, quando viene eseguito un buon pareggio riabilitativo. Se ottenete un’adeguata meccanica con il triangolare in una posizione naturale rispetto al suolo (nel momento dell’impatto; non a riposo), (ovvero ricerca di un angolo palmare leggermente positivo, non del parallelismo tra terza falange ed il piano di appoggio di recente memoria) ed evitate lo stress meccanico alle lamine danneggiate, ogni passo assicurerà un po’ di nuova crescita con una buona connessione.  Detto questo, non “forzate a camminare” un cavallo zoppo. Offritegli la possibilità di camminare finchè non potete ottenere un reale confort con un sistema di scarpette esolette, o su terreno consistente, ma regolare. Allora, e solo allora, iniziate un ero programma di esercizio fisico; e aumentate il lavoro man mano che il cavallo migliora.
Ogni tipo di sostegno  fissato in modo rigido alla muraglia è controindicato. Un motivo è che la stessa muraglia non ha una buona connessione, per cui non può fornire un supporto abbastanza stabile da permettere che una muraglia ben connessa cresca dall’alto verso il basso. Sarà continuamente danneggiata man mano che cresce. Meccanicamente, le lamine sono molto forti quando lavorano tutte insieme, ma si lacerano facilmente alla più piccola pressione quando sono parzialmente separate. Pensate ad un pezzo di stoffa che non riuscite a strappare, ma che dopo un piccolo “taglio d’inizio” riuscite a strappare con grande facilità. E’ qui che ritornano in gioco le vecchie idee sulla laminite. Abbiamo ancora di che preoccuparcene. Anche se fornite una dieta adeguata, se la pressione sulla muraglia o un cuneo lamellare sforzano eccessivamente o irritano la nuova crescita, hanno luogo infiammazione, dolore e gonfiore, in aggiunta alla separazione delle lamine.Il gonfiore e il danno ai capillari rende impossibile il normale flusso del sangue attraverso le lamine.  Il sangue è deviato attraverso le anastomosi arterovenose, saltando il circuito semiostruito all’interno delle lamine e privando le cellule del nutrimento necessario, causando un danno ulteriore e rendendo la guarigione impossibile. “Appendere” il cavallo a lamine indebolite e separate semplicemente non funziona, e i ripetuti tentativi inefficaci hanno convinto la maggior parte dei maniscalchi a ritenere che la correzione di una rotazione di 10 gradi del triangolare è impossibile.
In secondo luogo, la muraglia cresce continuamente. Se fissate alla muraglia un sostegno perfetto per il triangolare oggi, domani il vostro supporto sarà spostato insieme alla muraglia, insieme all’osso che tentate di stabilizzare. Se vi sforzate invece di sostenere lo scheletro con l’appoggio al suolo, con l’interposizione di una suola ben callosa, e scaricate le  lamine, riuscirete a predisporre una meccanica tale da aver ragione della peggiore delle “rotazioni”. Se la dieta è corretta, non resta che attendere che il ciclo di crescita si completi; una muraglia nuova, ben connessa, sta semplicemente crescendo attorno all’osso.
Ogni giorno, si fanno nuove scoperte sui meccanismi per cui la dieta dei cavalli influenza la connessione laminare, ma questo fa solo sì che molti maniscalci e proprietari restino sempre “più indietro”. Dobbiamo addestrare chiunque abbia a che fare con i cavalli a riconoscere i segnali di allarme prima che giungano al culmine e causino una zoppia o una malattia severa. Ondulatore o strisce rosse sulla muraglia, ascessi, anelli di crescita a ventaglio, obesità, perdita di peso anormale, pelo opaco o arruffato o lentezza nel liberarsi del pelo invernale, negatività o svogliatezza, e sensibilità degni zoccoli dovrebbero causare immediato allarme in chiunque abbia a che fare con i cavalli. Dovrebbe essere immediatamente considerato che con ogni probabilità c’è un problema di alimentazione molto serio e potenzialmente pericoloso, e dovrebbe essere considerato irresponsabile un atteggiamento di semplice attesa, per vedere se le cose peggiorano. Queste nuove conoscenze scientifiche avrebbero dovuto già portare rapidi cambiamenti nel mondo dei cavalli, ma l’ambiente equestre “basato sulla tradizione” rende ogni cambiamento molto lento e comunque solo dopo un gran baccano. Abbiamo imparato a guarire la gran parte dei casi di laminite cronica, ma la cosa veramente entusiasmante è che tutti i casi di laminite potrebbero essere facilmente prevenuti, se solo i proprietari e i maniscalchi fossero più istruiti.
In parte, quello che rallenta la diffusione fra i cavalieri della consapevolezza riguardo questi chiari segni di pericolo, è semplicemente l’equivoco tradizionale riguardante  cosa può fare uno zoccolo sano. Molti professionisti e proprietari considerano perfettamente “normale” e sano un vero zoccolo laminitico, che non duole solo quando mezzo pollice di  ferro gli evita qualsiasi contatto con il suolo. Questo modo di pensare ci mette i paraocchi e maschera chiari segnali di pericolo fino al momento in cui il problema è molto avanzato.  Allarga eccessivamenre i criteri che utilizziamo per giudicare la salute degli zoccoli. Permette ai professionisti di accettare che situazioni di patologia in atto siano giudicate come espressione di perfetta normalità, e fa abbondonare rapidamente ogni sforzo di ottenere uno zoccolo veramente sano. Chi di noi accetterebbe di giudicare la salute e la funzionalità di una gamba steccata? Se la steccatura fosse necessaria al cavallo per utilizzare la sua gamba, che dichiarerebbe che il cavallo è sano e rifiuterebbe di approfondire la cosa? Non è un paragone così peregrino, se ci pensate un po’. La sola differenza sta nei nostri punti di vista accettati per tradizione, che non dovrebbero avere alcuna influenza sui veterinari e maniscalchi aggiornati.
Uno zoccolo scalzo, non protetto, che non può funzionare comodamente e adeguatamente sui terreni dove il cavallo vive e lavora normalmente, non è meno “malato” di qualsiasi altra parte del corpo incapace di svolgere la propria funzione. Quando un’altra parte del corpo non funziona, cerchiamo immediatamente di curarla. Quando sono gli zoccoli a non funzionare correttamente, la tradizione ci suggerisce solo di tentare di ricoprirli. Il problema è che la cosa funziona solo per un po’, e che allontana ulteriormente lo zoccolo dalla sua funzione normale. La semplice comprensione di questo fatto è il cuore e l’anima della prevenzione e della cura della laminite. Visti i recenti, notevoli progressi dell’industria delle scarpette (leggete l’articolo “Scarpette e solette”) e le conoscenze sempre crescenti su un efficce pareggio a zoccolo scalzo, i ferri metallici non sono più necessari per coprire il gap fra il terreno dove il cavallo vive e il terreno dove si vuole cavalcare. Servono solo a porre una inutile barriera fra noi e una vera comprensione dell’attuale salute e del vero stato degli zoccolo del nostro cavallo.
Per studio di casi, programmi dei corsi, altre articoli di Pete e riferimenti a questi articoli di ricerca veterinaria, visitate  www.hoofrehab.com .
Bibliografia e ulteriori studi:
www.safergrass.org and personal consultation with its author, Kathryn Watts
INSULIN STIMULATES HAPTOTACTIC MIGRATION OF HUMAN EPIDERMAL KERATINOCYTES (Benoliel AM, Kahn-Perles B, Imbert J, Verrando P.)
<>
HOOF WALL WOUND REPAIR (Pollitt, Daradka)
FUNCTIONAL ANATOMY OF THE CARTILAGE OF P3 AND THE DIGITAL CUSHION AND A HEMODYNAMIC FLOW HYPOTHESIS OF ENERGY DISSIPATION (Bowker, Van Wulfen, Springer, Linder)
EQUINE LAMINITIS: INCREASED TRANSCRIPTION OF MMP-2 (Kyaw-Tanner, Pollitt)
BIOCHEMICAL INDICES OF VASCULAR FUNCTION, GLUCOSE METABOLISM AND OXIDATIVE STRESS IN HORSES WITH EQUINE CUSHINGS DISEASE (Keen, McLaren, Chandler, McGorum)
EQUINE LAMINITIS: LOSS OF HEMIDESMOSOMES (French, Pollitt)
SENSORY RECEPTORS IN THE EQUINE FOOT (Bowker, Brewer, Guida, Linder, Sonea, Stinson)
EQUINE LAMINITIS: CLEAVAGE OF LAMININ 5 ASSOCIATED WITH BASEMENT MEMBRANE DYADHESION (French, Pollitt)
THE GROWTH AND ADAPTIVE CAPABILITIES OF THE HOOF WALL AND SOLE: FUNCTIONAL CHANGES IN RESPONSE TO STRESS (Bowker)
Also read all of Bowker’s papers from the link provided on my site.
GLUCOSE EFFECTS ON SKIN KERATINOCYTES: IMPLICATIONS FOR DIABETES SKIN COMPLICATIONS (Gale Group: Spravchikov, Sizyakov, Gartsbein, Accili, Tennenbaum, Wertheimer)
EQUINE LAMINITIS: GLUCOSE DEPRAVATION AND MMP ACTIVATION (French, Pollitt)
ENDOTOXIN INDUCED DIGITAL VASOCONSTRICTION IN HORSES (Bailey, Menzies-Gow, Marr, Elliott)
EQUINE LAMINITIS: A REVISED PATHOPHYSOLOGY (Pollitt)
METABOLIC SYNDROME IN HORSES (Johnson)

 

 

 

Il pareggio in pratica – 4

Il roll ed il bevel.

segue ai precedenti 1-2-3

Accorciando l’unghia facendo riferimento al piano della suola e scegliendone la sporgenza abbiamo già impostato lo zoccolo. La densità, integrità e spessore del materiale corneo, la natura del terreno più o meno penetrabile ci fanno giocare in un intervallo di un paio di millimetri.

Dopo il ribasso e la così detta riduzione di capsula e parlando sempre, vi ricordo, di uno zoccolo sano dove le varie parti sono in corretto rapporto fra loro l’insieme si presenta grezzo con spigoli più o meno taglienti. Tutta la water line (la parte non pigmentata della parete) raggiunge terra. Così anche, in parte o tutta, la parte pigmentata (o parete esterna).

Se questi termini non vi sono familiari fate un po’ di pratica studiando i siti di Paige Poss. Trovate i riferimenti per raggiungere “ironfreehoof “ed “anatomy of the equine” qui nella sezione link del sito.      E’ mia opinione che non sia necessario fare dissezione per comprendere la fisiologia dello zoccolo, ci sono ormai siti di anatomia come quelli di Paige che rendono secondaria la dissezione che resta comunque una opzione per coloro che si vogliono dedicare alla podologia in modo specialistico.

Gli spigoli si rompono, si scheggiano o feriscono, vengono rapidamente consumati, le superfici si arrotondano. Il nostro cavallo se fosse libero di muoversi su grandi distanze dimostrerebbe pareti arrotondate e piani variamente orientati, non spigoli vivi. Da questa constatazione ed osservazione nacque l’idea del “roll”.

Il “roll” venne concepito come una finitura attraverso la quale si smussava dolcemente la parte esterna dell’unghia pigmentata. Limitandosi alla parte pigmentata appunto senza interessare la water line, la massa della parete.

Perchè ci si era dati questo limite? Una smussatura ridotta preserva dalla scheggiatura ma lascia a terra, in contatto con il piano di appoggio (se pensate  ad un piano di appoggio non penetrabile, rigido come quello di una piazzola di cemento) la massa della parete, quindi tutta la water line che ne costituisce la gran parte.

Nella visione di chi ha inventato il “roll” il peso del cavallo viene scaricato a terra dalla parete, dall’unghia tramite le lamine, il tessuto di connessione interposto tra la terza falange e la parete. Oggi, passate di moda le lamine, tramite la suola che, come un soffitto a volta caricato trasferisce le forze tangenzialmente a se stessa fino a raggiungere la sua periferia dove è saldamente connessa appunto alla parete che infine la scarica a terra.

Chi ritiene, in entrambi i casi, che la parete sia l’ultima responsabile dell’appoggio vorrà che raggiunga terra con la maggiore superficie possibile quindi ne sacrificherà una minima parte nell’esecuzione del “roll”.

E’ da dire che la stragrande maggioranza di coloro che arrotondano la parete non lo fa avendo in mente questo principio e ragione ma solo per sentito dire, per copia conforme, perché così si fa. E il “roll” diventa diverso, un rollone come dico spesso scherzando o un roll timido come dicevano altri.

Fatto sta che il dogma del carico periferico (parete responsabile della scarico a terra della forza peso) ha subito dei poderosi attacchi con Pete Ramey e Robert Bowker. Nessun cavallo rinselvatichito o domestico che sia si muove o dovrebbe muoversi su una superficie non penetrabile. La roccia, l’asfalto, il ghiaccio sono occasionali. La norma è la terra, l’erba, la sabbia, le pietre di varie dimensioni. In tutti questi casi il carico non è periferico sulla parete ma, distribuito. In gran parte grava su suola, barre, fettone. Tanto più quanto lo zoccolo penetra nel terreno e ci lascia un’orma.

Ramey e Bowker hanno riscoperto e proposto in un ambiente che effettivamente ha poco di scientifico ciò che era conosciuto da tempo.  Sul Kent, il più diffuso libro di anatomia comparata degli anni ’60 e ’70 trovate: (il cavallo poggia sulla suola…come ogni altro mammifero).    Nessun biologo o naturalista si sarebbe mai stupito di questa affermazione.

Lasciare tutta la water line “a terra” diventa allora secondario e il più delle volte controproducente. Quando però sarà meglio lasciare tutta la water line e anche il più possibile della zona pigmentata a terra? Quando di fatto il cavallo è costretto, volente o nolente a muoversi su una superficie dura e liscia. Sarebbe il caso del cavallo che traina una carrozza per strada.  Si tratta più che altro di occasioni.

Il “roll” è visibile nel mondo reale in cavalli che vivono su terreni molto accidentati e pietrosi. Camminando a lungo la parete si arrotonda, levigata da sassi e particelle di ogni dimensione.

Man mano che l’ambiente si addolcisce la parete si arrotonda appena in punta mentre continua ad esserlo maggiormente procedendo verso i quarti.  Sia nei DVD di Jackson che di Ramey viene  sottolineata la differenza di finitura dalla punta verso i talloni. Mentre ai quarti la parete si presenta sempre arrotondata perchè consumata in questo modo dallo zoccolo che cambia direzione, alla punta la parete è caratterizzata da un bevel (traduzione piano inclinato) con origine nella water line, di varia pendenza a seconda dell’andatura.

Pensate al cavallo che si muove in avanti in linea retta. Il tallone si alza, lo zoccolo leggermente affondato nel terreno ruota fino a staccarsi da terra mentre nello stesso tempo il carico si riduce progressivamente. Si crea approssimativamente un piano della lunghezza di qualche millimetro, il bevel. Questo piano inclinato fa si che le forze di reazione del terreno alla forza peso mentre il cavallo è fermo o in movimento si orientino diversamente e si riducano ( molto meglio sarebbe dire che l’abrasione continua modella la parete a seconda della intensità e direzione delle forze che applica e a cui è soggetta).                                                                                 La forza di reazione del piano di appoggio al peso si scompone ed una parte si orienta verso l’interno dello zoccolo con una minore occasione di separazione tra parete e osso triangolare e minore sollecitazione del connettivo, le lamine. Un’unghia finita e lasciata con il suo margine parallelo al terreno (come nella preparazione per la ferratura) è maggiormente sollecitata a separarsi, ad allontanarsi dalle strutture sottostanti.

La nostra finitura comprende quindi un bevel più o meno inclinato, 20°-35° e con origine nella white line. L’origine la troviamo, se volete un’indicazione di massima, a 5-6 millimetri dal margine della suola. Se la white line è larga quanto dovrebbe, circa 3 millimetri, rimangono a terra (su supeficie impenetrabile come il cemento o la roccia) altri 3 millimetri di water line. Quando il cavallo abbandona la piazzola il resto della parete che fa parte del piano inclinato o bevel, è comunque caricato, sia pure in minore entità, perché di fatto il piede sprofonda e si mette completamente e progressivamente in contatto con il terreno.

Tenendo quindi la nostra raspa inclinata  rispetto al piano della suola realizziamo questo piano asportando una piccolissima quantità di materiale lungo tutto il perimetro da quarto a quarto. Infine smussiamo la parte più esterna della parete così finita con un piccolo roll di cui partecipa solo la parte più esterna pigmentata. Man mano che procediamo verso la parte posteriore del piede il piano, bevel, si accorcia mentre lo spessore di parete che partecipa del roll aumenta.

Quando il cavallo “sterza” la superficie più arrotondata ai quarti favorisce la manovra. Lo scalino o sporgenza della parete rispetto al piano della suola lungo tutto il perimetro assicura stabilità e direzione.                                                                                                     Fettone e barre partecipano del sostegno del peso e della stabilizzazione della traiettoria.

Non avevamo ancora parlato né di fettone né di barre. Se la parete è tenuta sotto controllo, corta, sia il fettone che le barre sono tenuti in funzione continuamente. Con il movimento le parti vengono sottoposte a continuo consumo. Materiale non si accumula e tutto lo zoccolo, si mantiene sano. A questo può concorrere l’opera di disinfezione con aceto e solfato di rame (vedi apposito articolo) di tutte le parti che appoggiano a terra.                                               Non dico che non sia necessario un intervento occasionale su fettone e barre. Trovate altre indicazioni su questo nella pagina “studio di zoccoli”. Ma si tratta di intervento occasionale e mirato. Se fettone, barre e piano della suola vengono sempre sottoposti all’intervento del coltello durante i pareggi significa che troppo viene tolto a scapito della soundness del cavallo oppure viene eliminato  materiale fradicio ed infetto che si accumula perché il cavallo vive costantemente su terreni umidi e sporchi o infine è limitato fortemente nel movimento.  Il rimedio non é il coltello. L’animale vive in condizioni misere di cui sono responsabili il proprietario o il gestore.

Con i prossimi articoli ci occuperemo direttamente ed espressamente dello zoccolo che ha abbandonato giuste proporzioni e corretta relazione fra le parti introducendo altri elementi di teoria. Nel frattempo rileggete la parte “studio di zoccoli”. Specialmente l’introduzione, suole e callosità, profondità delle lacune, sferratura.

Notate infine che abbiamo sempre lavorato “da sotto”. Con la suola del cavallo rivolta verso l’alto per intenderci. In ogni fase. E’ il modo corretto. Lavorare invece con la raspa da sopra, dall’alto verso il basso ha senso solo in particolari situazioni. Patologiche. Secondo determinate regole. Che vedremo insieme.